Chacruna (Psychotria Viridis) intera

1.90

In Stock

E’ la principale e più famosa pianta DMT, un ingrediente della famosa bevanda amazzonica allucinogena a base di liana ayahuasca.

Contiene un alta percentuale di DMT, ma è meno potente di acacia e mimosa. E’ particolarmente adatta alla preparazione del decotto, non necessita di particolare accortezza nei filtraggi e risulta molto meno nauseante rispetto alle altre due piante.

Senza un MAO-I è attiva solo tramite vaporizzazione o iniezione (ROA molto rischiosa e controindicata).

Svuota
1.90
parte Foglia Seme
forma Intera Tritata In polvere
quantita 50gr 100gr 250gr 3 semi 6 semi
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

Gli psiconauti utilizzano le foglie in polvere nelle seguenti modalità e dosaggi indicativi:
-decotte \dose lieve 30-50gr \moderata 50-100gr \alta 100-125gr \altissima 125-150gr
-tintura \dose lieve 30-50gr \moderata 50-100gr \alta 100-125gr \altissima 125-150gr
-fumate o vaporizzate (200- 220°C) \devono essere prima estratte e freebasate, la dose varia in base alla concentrazione

Non è attivo oralmente senza una sostanza MAO-inibitrice combinata. Di solito la bevanda a base di MAO-i viene assunta dagli psiconauti mezz’ora prima della sostanza allucinogena vera a propria, per darle il tempo di inibire completamente l’enzima MAO.

Gli effetti della combinazione ayahuasca sono molto vari e personali: miglioramento moderato o estremo dell’umore; euforia; indebolimento o perdita dell’ego; sensazioni estatiche di connessione con l’universo; sentimenti di amore ed empatia; senso di pace interiore, di accettazione di se degli altri e del mondo; possibilità di sperimentare profonde esperienze interiori in grado di cambiare completamente la persona; alterazione della percezione cronologica e spaziale; allucinazioni visive, uditive ed olfattive; alterazione del senso del gusto; dialogo interiore; stimolazione all’ironia intellettuale.

Se ingerito a stomaco vuoto l’effetto è percepibile dopo 30m e dura fino a 8 ore per via orale in base al dosaggio.
Se opportunamente concentrato, il DMT può essere sufficientemente assorbito senza l’ausilio di MAO-i (aumentano anche in questo caso durata e intensità dell’esperienza) fumandolo; in questo caso l’onset è immediato e la durata dell’effetto complessivo è di 30m al massimo.
Non è tossico: non ci sono casi di dipendenza, danni permanenti o morte in letteratura scientifica relativi al consumo di questa pianta.

Viene usata insieme ad una pianta contenente MAO-i (di solito Caapi) per impedirne la degradazione da parte dell’enzima MAO nella preparazione della bevanda allucinogena ayahuasca.
Di solito la bevanda a base di MAO-i viene assunta dagli psiconauti mezz’ora prima della sostanza allucinogena vera a propria, per impedire all’enzima MAO di degradare parte dei principi attivi.

Gli effetti dell’ayahuasca sono molto vari e pernsonali: miglioramento moderato o estremo dell’umore; euforia; indebolimento o perdita dell’ego; sensazioni estatiche di connessione con l’universo; sentimenti di amore ed empatia; senso di pace interiore, di accettazione di se degli altri e del mondo; possibilità di sperimentare profonde esperienze interiori in grado di cambiare completamente la persona; alterazione della percezione cronologica e spaziale; allucinazioni visive, uditive ed olfattive; alterazione del senso del gusto; dialogo interiore; stimolazione all’ironia intellettuale.

Medicina convenzionale
Le proprietà antidepressive, nootropiche ed ansiolitiche del chacruna sono supportate dalla ricerca scientifica.

Ha dimostrato potenziali applicazioni nella cura di disordini emotivi e mentali e nel miglioramento delle capacità cognitive, oltre ad una significativa azione antitumorale.

Viene erroneamente considerata una pianta tossica in medicina convenzionale.

 

Medicina alternativa
In alcune tribù del Sud America lo sciamano si serve di questa bevanda per identificare il male del paziente, viaggiare in altri reami fino a ristorarne lo spirito indebolito, estrarre oggetti patogeni estranei e combattere contro gli spiriti maligni che incarnano il malore.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con una soluzione molto acida (PH2-3) per indebolire le pareti cellulari.
-Mischiare le foglie di chacruna (opzionale)in polvere (tradizionalmente viene sfilacciata con un martello) con un volume di acqua (opzionale)distillata acida (PH3-4 circa) di 4 volte superiore alla pianta in una pentola.
-Portare quasi all’ebollizione e mescolare costantemente la mistura per fino a 2 ore per un risultato ottimale, aggiungere ulteriore acqua in base ai tempi d’evaporazione al fine di mantenere i solidi sempre ben coperti.
-I residui vengono filtrati e spesso riusati per altri 2-3 lavaggi
-I liquidi risultanti vengono combinati e ridotti fino alla quantità di bevanda desiderata. Più vengono ridotti, più si intensifica il sapore. Possono essere necessarie parecchie ore per questa fase, si consiglia di mantenere il calore basso per non danneggiare i principi attivi e peggiorare il sapore della bevanda.
-(Opzionale) Si può anche ridurre il contenuto d’acqua del prodotto fino ad ottenere una resina concentrata facile da incapsulare.

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con una soluzione molto acida (PH2-3) e una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere le foglie di chacruna (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcohol al 50%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 1 settimana per la totale saturazione
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’ausilio di un debole calore.

Estratto grezzo freebasato
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con una soluzione molto acida (PH2-3) ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere la corteccia di radice di mimosa (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile con il doppio del suo volume in alcol al 96% ed un pari volume di calce edibile.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 1 settimana
-Filtrare e scartare i solidi, quindi fate evaporare il solvente in una teglia di vetro.
-Raccogliere l’estratto secco con l’aiuto di un taglierino e scioglierlo in aceto caldo, lasciandolo bollire qualche minuto.
-Filtrare e scartare i solidi, quindi fare evaporare il solvente in una teglia di vetro.
-Raccogliere l’estratto secco con l’aiuto di un taglierino e scioglierlo in alcol al 96% caldo, lasciandolo bollire qualche minuto.
-Aggiungere calce edibile per metà del volume del materiale vegetale di partenza, scuotere vigorosamente e lasciare a riposo 24 ore.
-Filtrate i solidi, fate evaporare i liquidi in una teglia di vetro e raccogliete il vostro estratto al DMT freebasato.

Descrizione
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Rubiales
Famiglia: Rubiaceae
Sottofamiglia: Rubioideae
Tribù: Psychotrieae
Genere: Psychotria
Specie: P. viridis
Nativo: Sud America, Cuba
Plant Hardiness Zone: 10
Il chacruna (Psychotria viridis) è un cespuglio perenne che fa parte della famiglia delle Rubiaceae e cresce selvatico solo nella foresta amazzonica.
La pianta cresce fino ai 5m di altezza, il fusto molto massiccio può arrivare a 2m di diametro.
Le foglie sono arrangiate in maniera parallela e di forma ellittica, sono lunghe dai 5 ai 15cm e larghe fino a 5cm.
Quando seccano diventano grigie, marroni o rossastre in base all’ossidazione.

Coltivazione
E’ una pianta delicata, difficile da far germinare.
-Mettere a mollo i semi in una soluzione debole di candeggina (inferiore al 10%) per 15m.
-Piantare i semi a circa 3mm di profondità in contenitore pieno di terriccio sabbioso
-Mantenere umido il terriccio fino alla germinazione.
-Possono volerci diversi mesi.

Le origini della tradizione ayahuasca si ricollegano alla preistoria: ci sono evidenze archeologiche che suggeriscono la presenza di questo rituale fra le popolazioni indigene della foresta Amazzonica dell’Ecuador già nell’era precolombiana.
E’ incredibile come queste popolazioni primitive siano riuscite a combinare gli estratti acquosi della liana di Banisteriopsis e delle le foglie di Psycotria da sole inattive per creare la bevanda ayahuasca, senza conoscere i meccanismi chimici coinvolti.

Le metodiche delle cerimonie variano da sciamano a sciamano, alcuni stanno semplicemente seduti con i partecipanti; altri agitano sonagli e altri strumenti semplici e cantano gli Icaros, canti volti a tranquillizzare e guidare il paziente lungo il corso della seduta; quasi tutti adoperano il fumo di mapacho per purificare dagli spiriti malvagi.

Lo sciamano si serve di questa bevanda per identificare il male del paziente, viaggiare in altri reami fino a ristorarne lo spirito indebolito, estrarre oggetti patogeni estranea e combattere contro gli spiriti maligni che incarnano il malore.

Sia lo sciamano che i pazienti bevono l’ayahuasca, che rusticamente lavorata nella foresta ha un sapore molto difficile da sopportare per i neofiti.

Le visioni inspirate sono prese dai nativi come spunto per il miglioramento della propria persona, questo ne ha sancito l’uso sociale, militare e propiziatorio.
Anche la conoscenza delle piante tramandata dagli sciamani si ritiene provenga dall’assunzione di questo elisir miracoloso.

Molto comune è il fenomeno della purga, vomito spesso accompagnato da diarrea; di solito il sollievo dalla nausea è immediato, se si è assorbita la sostanza, per molti l’esperienza si intensifica subito dopo.
Molti degli effetti detossificanti sono attribuiti a questo atto considerato di purificazione.

Il chacruna contiene un alto contenuto di DMT, i livelli dell’alcaloide sono di solito molto variabili in base a seccaggio, periodo della raccolta, freschezza e conservazione.
E’ la più antica e tradizionale pianta DMT impiegata nella foresta amazzonica.

Si crede che l’azione del DMT sia mediata dall’agonismo parziale sul recettore 5-HT2A e 5-HT2C, oltre al legame con i recettori delle ammine traccia (TAARs) coinvolti nella funzione percettiva.
A livello endogeno si lega anche al recettore sigma-1, ma non si è ancora scoperto bene cosa comporta questo legame. Inoltre stimola l’attività delle proteine G.

La bevanda ayahuasca è ormai ampiamente diffusa nel mondo occidentale; c’è chi cerca semplicemente un esperienza diversa, chi ne persegue l’uso religioso in seno alle varie chiese diffuse in tutto il mondo, chi ne è affascinato a livello chimico, chi dalle sue potenzialità in campo medico.

Ci sono state molte testimonianze di persone guarite da problemi complessi quali dipendenza, depressione e altri disordini mentali ed emotivi. Queste sono state validate da recenti studi scientifici (2014-2015) che attestano i benefici su diversi tipi di dipendenza farmacologica, comportamenti violenti, delinquenza, disturbo da stress post-traumatico. In quest’ultimo caso si comporta in maniera molto simile all’MDMA, migliorando sicurezza e spinta alla socialità.
L’unico rischio è l’incidenza molto rara di manifestazioni psicotiche latenti o danni secondari ad atteggiamenti di ansia e panico; per questo gli psiconauti affermano che è importante prepararsi bene psicologicamente e facendo accurate ricerche prima di provare l’ayahuasca.

Se opportunamente concentrato, il DMT presente nella pianta può essere efficientemente fumato senza l’ausilio dei MAO-i risultando in una esperienza complessiva di 30m al massimo.

Contiene varie beta-carboline, NMT, etc; ma il 99% del contenuto totale di alcaloidi è tutto DMT.
Effetti nootropici ed ansiolitici:
Santos R.G., et al. “Effects of ayahuasca on psychometric measures of anxiety, panic-like and hopelessness in Santo Daime members” J Ethnopharmacol. 2007 Jul 25;112(3):507-13
Effetti antidepressivi:
Sanches R.F., et al “Antidepressant Effects of a Single Dose of Ayahuasca in Patients With Recurrent Depression: A SPECT Study” J Clin Psychopharmacol. 2016 Feb;36(1):77-81.
L’uso di questa sostanza da sola non presenta particolari controindicazioni o interazioni.

Se assunta insieme a MAO-i, bisogna evitare di mangiare: bevande o alimenti lievitati, fermentati, affumicati, stagionati o essiccati, banane, fave, tofu, ginseng, crauti, gamberi e integratori proteici o dietetici.

Gli effetti collaterali sono: nausea, vomito, diarrea, brividi, spasmi, insonnia e pressione bassa.

Non sono noti casi di dipendenza o morte in letteratura scientifica causati dall’ayahuasca.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Chacruna (Psychotria Viridis)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informiamo la gentile clientela che Visione Curativa va in vacanza fino al 12/07. Gli acquisti sono momentaneamente sospesi. Gli ordini già pagati ed inoltrati saranno regolarmente evasi.

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -