Placeholder

5.90

In Stock

Il rizoma di Scutellaria baicalensis vanta una lunga tradizione in Medicina Tradizionale Cinese come tonico, nervino e sedativo.

Ha un ricco fitocomplesso ma il principale composto farmacologicamente attivo è la baicaleina, un flavone in grado di modulare l’attività del GABA-A.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E COLLEZIONE.

Svuota
5.90
forma Intera Tritata In polvere Estratto alcolico Estratto 10:1
quantita 13g 25g 50g 100g 125g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MTC (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: radice

-ingerita\ 3-10g
-decotta\ 5-15g
-tintura 1:1\ 4-12ml
-fumata o vaporizzata (200-220C°)

Offriamo sia la radice di Baicalensis, che si presta meglio alle estrazioni, che la parte aerea di Laterifolia, più adatta alla combustione o alla vaporizzazione.

Il rizoma di skullcap vanta una lunga tradizione nella medicina cinese, gran parte delle applicazioni tradizionali sono supportate dalla ricerca scientifica.

In MTC viene combinata con honeysuckle, reishi e liquirizia per il trattamento delle infezioni; con valeriana per l’insonnia.

Negli incensi viene combinata con mapacho e passiflora.

La skullcap può indurre uno stato di rilassamento muscolare, sonnolenza, leggera perdita dell’equilibrio.

Sembra che abbia anche una significativa azione di stimolazione onirica.

Medicina convenzionale
Le proprietà amsiolitiche [5], sedative [6], nootropiche [9], antidepressive [13], MAO-inibitorie [14], neuroprotettive [17], antietà [26], analgesiche [28], antinfiammatorie [28], antitumorale [42], dimagranti [53], ipoglicemiche [54], ipolipidiche [54], epatoprotettive [56], gastroprotettive [61], nefroprotettive [63], antiossidanti [66], antimutageniche [66], antivirali [67], antibatteriche [74], antinausea [76], antisordità [77] della skullcap sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non viene usata nella medicina convenzionale.

 

Medicina alternativa
Viene indicata per trattare insonnia, ansia, mal di testa, depressione, colesterolo alto, aterosclerosi, epilessia, tensione nervosa, allergie, infezioni della pelle, infiammazione e spasmi.

Una volta veniva impiegata anche contro febbre, malaria, disturbi cardiaci, rabbia, paralisi, rachitismo, idrofobia, danza di San Vito, singhiozzo, neuralgie, cattiva digestione, diarrea, problemi renali, schizofrenia, infezioni alla gola, per regolarizzare gli ormoni, stimolare le mestruazioni e come abortificente.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua (distillata) per indebolire le pareti cellulari.
-Mettere la skullcap (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo di acqua (opzionale)distillata.
-Lasciare sobbollire appena con il coperchio fino a 1 ora e mezza per la saturazione, aggiungere ulteriore acqua solo se necessario al fine di tenere i solidi ben coperti.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale)Riutilizzare i solidi scartati per un altra cottura.

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua (distillata) ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere la skullcap (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcol al 50%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 3 settimane
-Filtrare e scartare i solidi
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Descrizione:
Ordine: Lamiales
Famiglia: Lamiaceae
Genere: Scutellaria
Specie: S. baicalensis
Nativo: Nord America
Plant Hardiness Zone: 4-8
La skullcap (Scutellaria Baicalensis) è una pianta perenne molto robusta della famiglia della menta.
Cresce fino ad un massimo di 80cm d’altezza vicino ad acquitrini, laghi, paludi ed altre riserve d’acqua.
Ha uno fusto diritto, coperto da internodi di foglie da cui si dipartono più steli orizzontali.
I fiori sono blu e molto piccoli, lunghi meno di 1cm; crescono sui segmenti orizzontali collaterali più che in cima al fusto principale.

Coltivazione:
I semi germinano molto facilmente, è un pianta molto facile da coltivare:
-Mettere i semi in frigo per una settimana, ma potrebbero volercene anche due per la germinazione; quindi piantati in vasetti con un po di terriccio.
-Mantenere umido il terriccio fino al quando non spuntano le prime foglioline.
-Trapiantare i semi in primavera, in un terreno fertile e ben drenante. Preferisce mezza giornata d’esposizione solare.
-Dipende dal grado di drenaggio e dal clima, ma bisognerebbe innaffiare le piantine circa tre volte alla settimana in estate.
-La raccolta avviene di solito a circa 120 giorni dalla semina.

La Scutellaria baicalensis è un antico rimedio della Medicina Tradizionale Cinese, viene raccolta in primavera ed autunno quando la concentrazione di principi attivi è massima nel rizoma.

E’ considerata una delle 50 erbe fondamentali e viene chiamata huángqín (Chinese: 黄芩) che significa “erba gialla per l’emostasi” in riferimento alla sua applicazione antiemorragica [1].

Viene lodata principalmente per la sua azione antibatterica nel trattamento di infezioni respiratorie e gastrointestinali [2].

Viene anche prescritta come rimedio contro patologie infiammatorie, influenza, polmonite, nervosismo, dissenteria, cancro, per detossificare e prevenire l’aborto [3].

SEDATIVO, ANSIOLITICO
Un estratto a base di radice di skullcap ha bloccato gli effetti dello stress indotto tramite costrizione ed elettroshock nei topi e nei ratti attenuando i livelli di corticosterone in circolo [4].
In un altro esperimento le proprietà ansiolitiche sono state annullate da un gaba agonista (flumazenil, 3 mg/kg), suggerendo che l’azione della pianta sia mediata dal sistema gabaergico [5].

La wogonina e la baicaleina hanno mostrato una significativa azione ansiolitica nelle cavie, oltre a ridurre la locomozione spontanea e il tempo di corsa.
Alla dose di 5 e 10 mg/kg per via intraperitoneale hanno incrementato la durata del sonno.
Al contrario un terzo flavonoide, l’oroxilina A, ha incrementato l’attività di corsa producendo un effetto stimolante [6].

La somministrazione orale di wogonina (7,5 – 30 mg/kg) nei topi ha indotto un effetto ansiolitico simile al diazepam senza sedare ma anzi incrementando il numero ed il tempo dei salti.
I dati suggeriscono che il composto agisca come un modulatore allosterico positivo del GABA-A attraverso l’interazione col sito per le benzodiazepine.
L’affinità (Ki) della wogonina per questo recettor è risultata 0.92 μM [7].

La baicalina agisce in maniera bifasica sul ritmo sonno-veglia: diminuisce il sonno a onde lente (SWS) durante il giorno ed la notte incrementa il sonno REM.
L’inibizione dell’IL-1 e il potenziamento dell’attività del GABA-A riportate in letteratura scientifica possono spiegare rispettivamente i due fenomeni [8].

NOOTROPICO
Un estratto etanolico a base di skullcap ha incrementato la memoria spaziale e la neurogenesi dell’ippocampo nei ratti sani [9].

Nei test elettroencefalografici un estratto a base di rizomi di skullcap ha indotto l’aumento del contributo parziale dell’attività delta e del potere spettrale generale, riducendo l’attività teta in alcuni casi [10].

Estratti di skullcap riequilibrano i livelli di neurotrasmettitori ed ormoni stimolando la neurogenesi e la sintesi di fattori neurotrofici.
Gran parte dei suoi benefici sono legati all’azione antiossidante [11].

ANTIDEPRESSIVO, MAO-INIBITORE
La frazione dei flavonoidi ha contrastato ipotermia, akinesia e ptosi palpebrale indotta dalla reserpina nei topi in maniera simile a 20 mg/kg di fluoxetina, noto farmaco antidepressivo [12].
I principali flavonoidi della skullcap (baicalina, baicaleina, wogonina, wogonoside) hanno mostrato tutti un buon effetto antidepressivo nelle cavie, ma i più efficaci sono risultati baicalina e wogonoside [13].

La baicalina isolata dal rizoma ha inibito l’enzima MAO-A e MAO-B in maniera significativa alla dose di 50mg/kg, inoltre ha ridotto il tempo di immobilità dei topi nei test da sforzo.
Alla dose di 25mg/kg si è dimostrata equivalente a 20mg/kg di fluoxetina nel modello da stress cronico lieve (CMS) [14].
Inoltre normalizza la traslocazione nucleare del recettore ipotalamico per i glucorticoidi (GR) attraverso la riduzione della fosforilazione del GR, rimodellando il feedback negativo dell’asse ipotalamo-ipofisario nel modello animale da corticosterone cronico (CORT) [15].

Anche la wogonina è un potente inibitore competitivo e reversibile del MAO-A e B [16].

NEUROPROTETTIVO, ANTINEUROINFIAMMATORIO
Un estratto alcolico a base di skullcap ha protetto le culture delle cellule corticali dei ratti dalla eccitotossicità attraverso l’interazione col sito di legame per la glicina del recettore NMDA [17].
In un altra ricerca ha protetto i neuroni ippocampali (CA1) dalla morte ischemica [18].
I flavonoidi della skullcap hanno mostrato forti effetti neuroprotettivi nei modelli da stress ossidativo e morte neuronale indotta da proteina β-amiloide e α-sinucleina.

La baicaleina, il più abbondante dei flavoni presenti nel rizoma, ha inibito l’aggregazione delle proteine neuronali amiloidogeniche [19].
In altri studi ha ridotto i disturbi motori e i danni cerebrali nel modello animale di malattia di Parkinson da rotenone, in più ha soppresso le produzione di citochine e l’attivazione di microglia, astrociti e della trasmissione NF-κB e MAPK.
I ricercatori suggeriscono che il flavonoide possa avere delle potenziali applicazioni nel trattamento del morbo di Parkinson [20].

La wogonina, un altro flavone, ha mostrato di stimolare la rigenerazione del tessuto nervoso inducendo la differenziazione dei precursori neurali cellulari [21].

Un altro flavonoide, l’apigetrina, ha ridotto i marker infiammatori, soppresso l’espressione del fattore nucleare kappa B (NF-κB) nelle cellule microgliali (BV-2) stimolate dai polisaccaridi (LPS). Inoltre ha ridotto la produzione di ROS e potenziato l’espressione di enzimi antiossidanti. Nelle cellule dell’ippocampo (HT22) ha contrastato la morte indotta dal perossido d’idrogeno.
I ricercatori ipotizzano che le proprietà antineuroinfiammatorie, antiossidanti e neuroprotettive del composto possano avere un potenziale profilattico nel trattamento delle patologie neurodegenerative [22].

ANTIETA
La somministrazione di alte dosi di un estratto alcolico di skullcap (100mg/kg) ha migliorato le capacità cognitive dei topi con senescenza indotta, manifestando anche un forte effetto antiossidante ed antinfiammatorio [23].
In un altro esperimento ha migliorato l’apprendimento e la memoria nel modello animale dell’invecchiamento da D-galattosio, riducendo il danno ossidativo e le anormalità istologiche a carico dei neuroni ippocampali [24].

Baicalina e baicaleina vengono largamente impiegate nella produzione di cosmetici antiacne, fotoprotettivi, schiarenti, antirughe, antiossidanti ed antietà.
In alcuni test in vitro hanno mostrato infatti di inibire la produzione di melanina ed assorbire i raggi UV [25].
Una formulazione arricchita con baicaleina sembra in grado di prevenire la formazione di rughe attraverso l’inibizione di MMP-1 e la promozione del procollagene di tipo-1 nei fibroblasti dermali umani.
Inoltre inibisce lo spessore della pelle ed influenza la struttura delle fibre di collagene nel modello animale di fotoinvecchiamento da UVB [26].

Un altro flavone, l’oroxilina A, ha potenziato le capacità cognitive e la memoria nei modelli animali da senilità e neurodegenerazione [27].

ANALGESICO, ANTINFIAMMATORIO
Un estratto acquoso di skullcap ha soppresso l’espressione delle ciclossigenasi-2 (COX-2) indotta dai polisaccaridi nelle cellule della microglia BV2. Inoltre ha manifestato significativi effetti analgesici ed antinfiammatori nei modelli animali di dolore viscerale e termico [28].

Un estratto di rizoma di skullcap ha soppresso le alterazioni patologiche indotte dal testosterone nel modello animale dell’iperplasia prostatica benigna superando il farmaco convenzionale (finasteride).
In più ha fermato l’espressione del recettore per gli androgeni (AR) e dell’antigene nucleare di proliferazione cellulare (PCNA), implicati nello sviluppo di complicanze oncologiche [29].

La somministrazione orale di rizoma nei ratti alla dose di 1.0 g/kg ha mostrato buoni effetti nel controllo dell’emicrania [30].

La somministrazione orale di un preparato standardizzato a base di baicalina dal rizoma di Scutellaria baicalensis e catechine dal legname di Acacia catechu (UP446) ha mostrato significativi effetti antinocicettivi nel test di contorcimento e della formalina.
Le due piante sembrano avere una buona sinergia [31].
In uno studio a doppio cieco effettuato su 79 pazienti affetti da osteortrite da grado lieve a moderato la somministrazione orale giornaliera di 500mg di UP446 ha ridotto dolore e rigidità superando il controllo (naprossene), inoltre ha migliorato la media ROM nel corso della ricerca [32].
La formula inibisce gli enzimi ciclossigenasi (COX) e lipossigenasi (5-LOX) attenuando la produzione di eicosanoidi proinfiammatori [33].

Un altra combinazione a base di Morus alba, Scutellaria baicalensis e Acacia catechu ha ridotto i sintomi dell’osteoartrite e contribuito a mantenere l’integrita stutturale delle articolazioni nel modello animale da monoiodoacetato (MIA-).
I punteggi mostrano un miglioramento nell’integrità della matrice cartilaginea articolare e una riduzione nei livelli di frammenti del telopeptide C-terminale del collagene di tipo 2 (CTX-II).
I 3 ingredienti sembrano agire in maniera sinergica, i ricercatori ipotizzano che la formula possa avere delle applicazioni nel trattamento dell’osteoartrite [34].

Una combinazione a base di Paris polyphylla e Scutellaria baicalensis in rapporto 1:2 ha mostrato buoni effetti analgesici ed emostatici nei test dell’acido acetico [35].
L’iniezione di baicalina isolata dalla skullcap ha attenuato la produzione di TNF-α, IL-1β ed IL-6, incrementando contemporaneamente quella di IL-10 nel modello dell’iperalgesia termica da carragenina.
Ha inibito anche la formazione di prostaglandine (PGE2) e nitrato, oltre all’attività di mieloperossidasi favorendo l’infiltrazione dei neutrofili nel focolaio flogistico [36].

La baicaleina ha inibito l’espressione delle citochine infiammatorie e l’attivazione della trasmissione della protein chinasi associata a mitogeni (MAPK) p38 e p-JNK nel modello animale di dolore osseo indotto dal cancro, alleviado anche l’allodinia meccanica [37].

ANTITUMORALE
Sono diversi gli studi che supportano le proprietà antitumorali della skullcap, il decotto tradizionale sembra già ridurre notevolmente i collaterali dei convenzionali come la cisplatina modulando infiammazione e equilibrio ossidativo [38].

Estratti di rizoma ad alto contenuto di flavonoidi hanno inibito la crescita e la proliferazione del glioma maligno ricorrente e farmaco-resistente.
Inoltre agiscono in sinergia con gli agenti chemioterapici convenzionali come la carmustina (BCNU) [39].

Un estratto di skullcap ha ridotto la massa tumorale nei topi inoculati con cellule KB del 66%. La pianta inibisce l’espressione di COX-2 e la sintesi di prostaglanine PGE2 dimostrandosi molto efficace nell’inibire la proliferazione delle cellule del carcinoma squamoso della testa e del collo (HNSCC).
La minor efficacia della baicaleina isolata lascia ipotizzare la presenza di interazioni e sinergie tra i flavonoidi del rizoma [40].

Altri test in-vitro supportano la sua azione su cancro cervicale [41], carcinoma a cellule squamose (SCC-25, KB), cancro al seno (MCF-7), al colon (KM-12, HCT-15), carcinoma epatocellulare (HepG2), prostatico (PC-3, LNCaP) [42].
Modula le reti di segnalazione per indurre l’inibizione collettiva della proliferazione cellulare [43].

Gli estratti e i flavonoidi isolati inibiscono la proliferazione delle cellule del glioma maligno e del carcinoma al seno senza influenzare quelle sane [44].

I principali flavonoidi isolati dalla pianta hanno mostrato un’azione combinata citostatica e citotossica su diversi tipi di tumore in-vitro ed in-vivo.
Esplicano la loro azione attraverso l’eliminazione dei radicali liberi e la modulazione di NF-κB, COX-2 e metabolismo dell’acido arachidonico; anche l’azione antivirale potrebbe contribuire riducendo il rischio di linfomagenesi.
Inoltre hanno un profilo di sicurezza estremamente elevato, non sono risultati tossici su cellule epiteliali, mieloidi e del sangue periferico.

La wogonina nello specifico è in grado di regolare lo stato ossidativo delle cellule maligne differenziandolo da quello dei linfociti sani.
Induce la fosfolipasi Cγ1, un enzima coinvolto nella segnalazione delle anomalie tumorali nei linfociti [45].

La baicalina ha ridotto la proliferazione cellulare della leucemia linfoblastica acuta a cellule B e attivato la trasmissione del segnale apoptotico intrinseco.
Inoltre ha inibito la glicogeno sintasi chinasi 3β (GSK3β) e l’arresto del ciclo cellulare attraverso la sovraregolazione dell’enzima p27Kip1 [46].
La baicalina e la baicaleina hanno bloccato la crescita tumorale e l’immunosoppressione mediante l’inibizione del trasduttore di segnale e attivatore della trascrizione 3 ( STAT3) e la conseguente sottoregolazione dell’espressione di PD-L1 indotta dall’interferone gamma (IFN-γ) [47].

La baicaleina inibisce i complessi di cicline regolando il ciclo cellulare, eliminando i radicali liberi, attenuando l’attività di MAPK, AKT e mTOR. Inoltre può indurre l’apoptosi attivando le caspasi-9/-3 ed inibire la metastasi riducendo l’espressione di MMP-2/-9 [48].
Nel 2014 è’ stata sintetizzata una nuova serie di derivati della baicaleina, 10 risultarono più efficaci della baicaleina in quanto ad azione antiproliferativa. Il più potente ha inibito le cellule HepG2, A549 e BCG-823 con valori IC50 di 2.0 μM, 0.8 μM e 3.2 μM rispettivamente [49].

In altri test datiscetina, apigenina, viscidulina III, wogonina e luteolina sono risultati più efficaci della baicaleina [50].

Già dal 1997 una formula a base di Scutellaria baicalensis ed altre erbe, PC-SPES, è stata studiata come farmaco alternativo per il trattamento del cancro alla prostata progressivo ed androgeno-indipendente rispettivamente nei trial clinici di fase I e II [51].
Il prodotto è stato ritirato dal mercato nel 2002 nonostante i risultati promettenti e l’assenza di collaterali di rilievo perchè era standardizzato male e le percentuali delle singole componenti nelle capsule non erano sempre le stesse.
Nel 2008 però una nuova versione preparata con una maggiore controllo qualità, PC-Spes2, è stata testata in un trial di fase I su pazienti con cancro alla prostata ormone-refrattario conseguendo ottimi risultati.

Un altra formula, PHY906, ha dimostrato un buon potenziale terapeutico in aggiunta ai normali agenti chemioterapici in diversi trial di fase I e II tra cui carcinoma epatocellulare avanzato, cancro colorettale, epatico, pancreatico anche avanzato [52].

DIMAGRANTE, IPOGLICEMICO, IPOLIPIDICO
Un estratto di skullcap amministrato per via orale alla dose di 100mg al giorno per 4 settimane ha ridotto peso corporeo, ipertrigliceridemia e iperinsulinemia nei ratti diabetici.
Nei soggeti obesi ha ridotto anche i livelli epatici di plasma alanina aminotransferasi, in più ha promosso l’attività della proteina chinasi 5 ‘attivata da AMP (AMPK) ristorando i normali processi metabolici e la trasmissione del segnale dell’insulina [53].

In un altra ricerca ha ridotto i livelli di glucosio postprandiale, insulina a digiuno, indice HOMA di resistenza all’insulina (HOMA-IR), trigliceridi e LDL.
In base ai rilevamenti istologici ha ridotto anche la mole del grasso epididimale ed epatico. Inoltre modula il grado di infiammazione inibendo l’attività dei macrofagi [54].

EPATOPROTETTIVO
Una ricerca condotta su 17 soggetti sani ha dimostrato che le preoccupazione su un eventuale rischio epatotossico dovuto al consumo di supplementi a base di Scutellaria baicalensis è infondata, anzi più evidenze preliminari lasciano supporre che possa avere un certo potenziale protettivo [55].

Un estratto a base di Scutellaria baicalensis ha protetto i topi dall’epatossicità da etanolo attraverso la sottoregolazione dell’espressione della proteina legante la catena pesante dell’immunoglobulina (GRP78), noto marker dello stress del reticolo endoplasmatico (ER), in maniera dose-dipendente [56].
In un altro studio sui ratti ha inibito la fibrosi e la perossidazione lipidica nel fegato dei ratti indotta dalla legatura del dotto biliare prolungata (BDL) o dal tetracloruro di carbonio (CCl4) [57].

La baicaleina isolata ha prevenuto la tossicità da paracetamolo nei topi attenuando anche i livelli sierici di IL-6, IL-1β, TNF-α e la concentrazione epatica di malondialdeide (MDA).
Riduce la deplezione di superossido dismutasi (SOD), glutatione (GSH) e catalasi epatica (CAT); oltre a ridurre il danno diretto al fegato e le modificazioni istologiche degli epatociti.
Infine allevia l’autofagia indotta dal paracetamolo regolando l’espressione di LC3B e P62 e la trasmissione AKT/mTOR. Parte degli effetti sono stati mediati anche dalle reti di trasmissione Jak2/Stat3 e MAPK [58].

La wogonina ha attivato l’espressione del recettore gamma attivato dai proliferatori dei perossisomi (PPAR-γ) nei topi con epatopatia alcolica (ALD) e nelle cellule RAW264.7 trattate con etanolo. Mitiga l’espressione di NF-κB-P65 e NF-κB-p-P65, implicati nell’evoluzione del processo infiammatorio [59].

Il decotto tradizionale a base di Bupleutrum chinese e Scutellaria baicalensis ha ridotto i livelli di ALT and AST nel modello animale da epatossicità acuta [60].

GASTROPROTETTIVO
Un estratto acquoso di rizoma ha ridotto il volume delle secrezioni gastriche ed incrementato il PH combattendo l’ulcera da acido acetico nei ratti.
Analisi istologiche hanno rilevato un alto potenziale terapeutico nella prevenzione dei danni gastrici da etanolo, acido acetico e legatura del piloro [61].

La baicalina e la baicaleina esprimono i loro effetti gastroprotettivi neutralizzando l’eccesso di PH acido, migliorando l’equilibrio antiossidante e contrastando l’Helicobacter pylori [62].

NEFROPROTETTIVO
Un estratto a base di skullcap ha attenuato i danni renali indotti dalla cisplatina [63].

La baicaleina per via endovenosa alla dose di 3, 10 e 30mg/kg ha attenuato l’innalzamento dei livelli di creatina, l’apaptosi e il danno istologico renale indotto dall’ischemia miocardica e riperfusione nei ratti.
I ricercatori ipotizzano che l’azione possa essere mediata dalla riduzione della produzione di TNF-α, dalla modulazione di Bcl-2 e Bax e dall’attivazione di Akt e chinasi extracellulari regolate dal segnale [64].

La baicalina può sopprimere l’apoptosi delle cellule renali e proteggere contro la lesione renale acuta (AKI) dovuta alla sepsi pediatrica [65].

ANTIOSSIDANTE, ANTIMUTAGENICO
Sia gli estratti che i singoli flavonoidi isolati dal rizoma hanno mostrato un alto potere di eliminazione dei radicali ed antimutagenico.
Il composto più potente è risultato la baicaleina [66].

ANTIVIRALE
La Scutellaria baicalensis ha mostrato di agire in maniera significativa contro virus dell’influenza, respiratorio sinciziale (RSV), HIV, Herples simplex, Coxsackie, sindrome riproduttiva e respiratoria del suino (PRRS), citomegalovirus e SARS coronavirus [67].
Un estratto ha manifestato una potente azione virucida diretta contro le infezioni extracellulari delle particelle del virus della dengue (DENV) con valori IC50 che variavano da 74.33 a 95.83 μg/mL per tutti i ceppi.
A dosi più alte si è notato anche un leggero effetto profilattico [68].

La baicalina è stata proposta come alternativa farmacologica alle infezioni da virus respiratorio sinciziale (RSV) per la sue proprietà antivirali ed antinfiammatorie che riducono l’infiltrazione dei linfociti T nei polmoni [69].

La baicaleina ha inibito la replicazione dell’Influenzavirus A sottotipo H1N1 della pandemia del 2009 e quello stagionale del 2007 in uno studio in vitro [70].

Un altro flavone isolato dalla radice, l’isoscutellarein-8-metiletere, ha inibito la replicazione dell’Influenzavirus A sottotipo H3N2 del ceppo di Guizhou e B di Ibaraki in maniera dose dipendente [71].

La pianta è un buon candidato per lo sviluppo di nuove terapie contro il COVID-19: baicalina e baicaleina hanno mostrato effetti inibitori sul virus della SARS,in più la scutellarina si lega al recettore per l’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE2) impedendo la penetrazione del virus [72].

ANTIBATTERICO
Estratti a base di skullcap hanno mostrato effetti antibatterici selettivi su diversi ceppi batterici [73].
In una ricerca in vitro ha inibito Streptococcus mutans ATCC 25175, Streptococcus sobrinus ATCC 33478 and Streptococcus salivarius ATCC 7073, tre ceppi batterici responsabili della carie dentale, con valori MBC compresi tra 250 to 2,000 μg/ml [74].

In uno studio a doppio cieco condotto su 40 soggetti affetti da gengivite un dentifricio arricchito con un estratto di skullcap ha ridotto i sintomi dell’infiammazione, lo sviluppo della placca e della flora batterica [75].

ANTINAUSEA
Un estratto di skullcap ha attenuato il picadismo indotto dal ritonavir nei ratti [76].

ANTISORDITA’
La Scutellaria baicalensis ha ridotto scivolamento di soglia, danno centrale alla funzione uditiva e deficit della funzione cocleare nel modello animale della perdita dell’udito causata dal rumore (NIHL) [77].

La Scutellaria baicalensis contiene

-lignine: varaguensina, galgravina, denudanolide B, denudatina B, eupomatenoide-7;

-flavoni: velutina, diidrooroxilina A, pentaidrossiflavanone, dimetossiflavone, skullcapflavone II, orixilina A, crisina, wogonina, norwogonina, metossiflavone, scutevulina, tenaxina II, idrossicrisina, baicaleina, baicalina [78];

-polifenoli: acido clorogenico, ferulico [79], avenantramide, arbitina, umbelliprenina, karatavicinolo;

-ciclopeptidi: segetalina B;

-alcalodi: tantazole A;

-derivati acilfloroglucinolici: iperforina, 8-idrossiiperforina;

-ormoni: melatonina [80].

La concentrazione dei flavonoidi nelle radici essiccate varia da 9.45 a 26.24%, i composti più abbondanti sono baicalina (da 8.63 a 17.84%) e wogonoside (da 1.99 a 4.21%) [81].

1)Zhang, Xing-Wei, et al. “Protective effects of the aqueous extract of Scutellaria baicalensis against acrolein-induced oxidative stress in cultured human umbilical vein endothelial cells.” Pharmaceutical biology 49.3 (2011): 256-261.

2)Tang, Weici, and Gerhard Eisenbrand. “Scutellaria baicalensis Georgi.” Chinese drugs of plant origin. Springer, Berlin, Heidelberg, 1992. 919-929.

3)Wang, Z. L., Wang, S., Kuang, Y., Hu, Z. M., Qiao, X., & Ye, M. (2018). A comprehensive review on phytochemistry, pharmacology, and flavonoid biosynthesis of Scutellaria baicalensis. Pharmaceutical Biology56(1), 465-484.

4)Jong Hoon, R. Y. U., et al. “Anti-stress Effect of Scutellaria baicalensis in SD Rats and ICR Mice.”

5)Jung, Ji-Wook, et al. “The anxiolytic-like effects of Scutellaria baicalensis using elevated plus-maze in rats.” Korean Journal of Pharmacognosy 35.1 (2004): 22-27.

6)Park, Hyung-Geun, et al. “Different effects of flavonoids in Scutellaria baicalensis on anxious and sedative behaviors.” Biomolecules & Therapeutics 14.2 (2006): 83-89.

7)Hui, Kwok Min, et al. “Anxiolytic effect of wogonin, a benzodiazepine receptor ligand isolated from Scutellaria baicalensis Georgi.” Biochemical pharmacology 64.9 (2002): 1415-1424.

8)Chang, Han-Han, et al. “Biphasic effects of baicalin, an active constituent of Scutellaria baicalensis Georgi, in the spontaneous sleep–wake regulation.” Journal of ethnopharmacology 135.2 (2011): 359-368.

9)Lee, Sun Hwa, et al. “Effects of Scutellaria baicalensis on neurogenesis in the hippocampal dentate gyrus and on spatial memory of adult rats.” Neural Regeneration Research 6.27 (2011): 2085-2093.

10)Suslov, N. I., et al. “Effect of natural nootropic and adaptogen preparations on the cortex bioelectrical activity in rats.” Eksperimental’naia i klinicheskaia farmakologiia 65.1 (2002): 7-10.

11)Limanaqi, Fiona, et al. “Potential Antidepressant Effects of Scutellaria baicalensis, Hericium erinaceus and Rhodiola rosea.” Antioxidants 9.3 (2020): 234.

12)LI, Yu-cheng, Han-bing LI, and Bin ZHANG. “Antidepressant effects of the total flavonoids of Scutellaria baicalensis in mice.” Chinese Journal of Experimental Traditional Medical Formulae 23 (2011): 168-170.

13)Li, Y. C., et al. “Screening of antidepressant effects of four main flavonoids compounds from Scutellaria baicalensis.” Chinese Journal of Experimental Traditional Medical Formulae 18 (2012): 166-169.

14)Zhu, Weili, et al. “Antidepressant Effect of Baicalin Extracted from the Root of Scutellaria baicalensis. in Mice and Rats.” Pharmaceutical biology 44.7 (2006): 503-510.

15)Zhang, Kuo, et al. “Revealing antidepressant mechanisms of baicalin in hypothalamus through systems approaches in corticosterone-induced depressed mice.” Frontiers in neuroscience 13 (2019): 834.

16)Lee, Hyun Woo, et al. “Potent inhibition of monoamine oxidase A by decursin from Angelica gigas Nakai and by wogonin from Scutellaria baicalensis Georgi.” International journal of biological macromolecules 97 (2017): 598-605.

17)Yang, Jinsong, et al. “NMDA receptor-mediated neuroprotective effect of the Scutellaria baicalensis Georgi extract on the excitotoxic neuronal cell death in primary rat cortical cell cultures.” The Scientific World Journal 2014 (2014).

18)Kim, Young Ock, et al. “Cytoprotective effect of Scutellaria baicalensis in CA1 hippocampal neurons of rats after global cerebral ischemia.” Journal of ethnopharmacology 77.2-3 (2001): 183-188.

19)Gasiorowski, Kazimierz, et al. “Flavones from root of Scutellaria baicalensis Georgi: drugs of the future in neurodegeneration?.” CNS & Neurological Disorders-Drug Targets (Formerly Current Drug Targets-CNS & Neurological Disorders) 10.2 (2011): 184-191.

20)Zhang, Xue, et al. “Baicalein exerts anti-neuroinflammatory effects to protect against rotenone-induced brain injury in rats.” International Immunopharmacology 50 (2017): 38-47.

21)Gasiorowski, Kazimierz, et al. “Flavones from root of Scutellaria baicalensis Georgi: drugs of the future in neurodegeneration?.” CNS & Neurological Disorders-Drug Targets (Formerly Current Drug Targets-CNS & Neurological Disorders) 10.2 (2011): 184-191.

22)Lim, Hye-Sun, et al. “Apigetrin from Scutellaria baicalensis Georgi inhibits neuroinflammation in BV-2 microglia and exerts neuroprotective effect in HT22 hippocampal cells.” Journal of medicinal food 19.11 (2016): 1032-1040.

23)Jeong, Kukhuon, et al. “Ethanol extract of Scutellaria baicalensis Georgi prevents oxidative damage and neuroinflammation and memorial impairments in artificial senescense mice.” Journal of biomedical science 18.1 (2011): 1-12.

24)Zhao, Fanfan, et al. “Protective effects of Scutellaria baicalensis Georgi extract on D-galactose induced aging rats.” Metabolic brain disease 33.5 (2018): 1401-1412.

25)Hong, Li. “Biological Activities of Scutellaria baicalenisis Georgi and Their Applications in Cosmetics [J].” Flavour Fragrance Cosmetics 5 (2006).

26)Yun, Mi-Young, et al. “Bioconversion from Scutellaria baicalensis (baicalin) feremted with Leatiporus sulphureus into enriched-baicalein and anti-wrinkle effects.” Pharmacognosy Magazine 14.57 (2018): 453.

27)Gasiorowski, Kazimierz, et al. “Flavones from root of Scutellaria baicalensis Georgi: drugs of the future in neurodegeneration?.” CNS & Neurological Disorders-Drug Targets (Formerly Current Drug Targets-CNS & Neurological Disorders) 10.2 (2011): 184-191.

28)Lee, Joong-Keun, Yun-Kyung Song, and Hyung-Ho Lim. “Analgesic and anti-inflammatory effect of Scutellaria Baicalensis.” 대한한의학회지 28.4 (2007): 124-135.

29)Jin, Bo-Ram, et al. “Chinese Skullcap (Scutellaria baicalensis Georgi) inhibits inflammation and proliferation on benign prostatic hyperplasia in rats.” Journal of ethnopharmacology 235 (2019): 481-488.

30)Liao, Chung-Chih, et al. “The Effectiveness of Scutellaria baicalensis on Migraine: Implications from Clinical Use and Experimental Proof.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2021 (2021).

31)Yimam, M., Brownell, L., Hodges, M., & Jia, Q. (2012). Analgesic effects of a standardized bioflavonoid composition from Scutellaria baicalensis and Acacia catechu. Journal of dietary supplements9(3), 155-165.

32)Arjmandi, Bahram H., et al. “A combination of Scutellaria baicalensis and Acacia catechu extracts for short-term symptomatic relief of joint discomfort associated with osteoarthritis of the knee.” Journal of medicinal food 17.6 (2014): 707-713.

33)Burnett, B. P., et al. “A medicinal extract of Scutellaria baicalensis and Acacia catechu acts as a dual inhibitor of cyclooxygenase and 5-lipoxygenase to reduce inflammation.” Journal of medicinal food 10.3 (2007): 442-451.

34)Yimam, Mesfin, et al. “Cartilage protection and analgesic activity of a botanical composition comprised of Morus alba, Scutellaria baicalensis, and Acacia catechu.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2017 (2017).

35)Shibo, Z. H. A. O., et al. “Experimental Study on Analgesia and Hemostasis of Paris polyphylla, Scutellaria baicalensis and Their Compatibility.” Medicinal Plant 11.2 (2020).

36)Chou, Tz-Chong, et al. “The antiinflammatory and analgesic effects of baicalin in carrageenan-evoked thermal hyperalgesia.” Anesthesia & Analgesia 97.6 (2003): 1724-1729.

37)Hu, Shan, et al. “The analgesic and antineuroinflammatory effect of baicalein in cancer-induced bone pain.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2015 (2015).

38)Cheng, Chien-Shan, et al. “Scutellaria baicalensis and cancer treatment: recent progress and perspectives in biomedical and clinical studies.” The American Journal of Chinese Medicine 46.01 (2018): 25-54.

39)Scheck, Adrienne C., et al. “Anticancer activity of extracts derived from the mature roots of Scutellaria baicalensis on human malignant brain tumor cells.” BMC Complementary and Alternative Medicine 6.1 (2006): 27.

40)Zhang, David Y., et al. “Inhibition of cancer cell proliferation and prostaglandin E2 synthesis by Scutellaria baicalensis.” Cancer Research 63.14 (2003): 4037-4043.

41)Peng, Yong, et al. “Immune and anti-oxidant functions of ethanol extracts of Scutellaria baicalensis Georgi in mice bearing U14 cervical cancers.” Asian Pac J Cancer Prev 15.10 (2014): 4129-33.

42)Ye, Fei, et al. “Anticancer activity of Scutellaria baicalensis and its potential mechanism.” The Journal of Alternative & Complementary Medicine 8.5 (2002): 567-572.

43)Ye, Fei, et al. “The effect of Scutellaria baicalensis on the signaling network in hepatocellular carcinoma cells.” Nutrition and cancer 61.4 (2009): 530-537.

44)Parajuli, Prahlad, et al. “In vitro antitumor mechanisms of various Scutellaria extracts and constituent flavonoids.” (2009).

45)Li-Weber, Min. “New therapeutic aspects of flavones: the anticancer properties of Scutellaria and its main active constituents Wogonin, Baicalein and Baicalin.” Cancer treatment reviews 35.1 (2009): 57-68.

46)Orzechowska, Beata U., et al. “Antitumor effect of baicalin from the Scutellaria baicalensis radix extract in B-acute lymphoblastic leukemia with different chromosomal rearrangements.” International Immunopharmacology 79 (2020): 106114.

47)Ke, Mengyun, et al. “Baicalein and baicalin promote antitumor immunity by suppressing PD-L1 expression in hepatocellular carcinoma cells.” International immunopharmacology 75 (2019): 105824.

48)Liu, Hui, et al. “The fascinating effects of baicalein on cancer: a review.” International journal of molecular sciences 17.10 (2016): 1681.

49)Luo, Rong, et al. “Synthesis and biological evaluation of baicalein derivatives as potent antitumor agents.” Bioorganic & medicinal chemistry letters 24.5 (2014): 1334-1338.

50)Sonoda, Maki, et al. “Cytotoxic activities of flavonoids from two Scutellaria plants in Chinese medicine.” Journal of ethnopharmacology 91.1 (2004): 65-68.

51)Small, Eric J., et al. “Prospective trial of the herbal supplement PC-SPES in patients with progressive prostate cancer.” Journal of Clinical Oncology 18.21 (2000): 3595-3603.

52)Cheng, Chien-Shan, et al. “Scutellaria baicalensis and cancer treatment: recent progress and perspectives in biomedical and clinical studies.” The American Journal of Chinese Medicine 46.01 (2018): 25-54.

53)Song, Kwang Hoon, et al. “Extracts of Scutellaria baicalensis reduced body weight and blood triglyceride in db/db mice.” Phytotherapy Research 27.2 (2013): 244-250.

54)Na, Hyun-Young, and Byung-Cheol Lee. “Scutellaria baicalensis Alleviates Insulin Resistance in Diet-Induced Obese Mice by Modulating Inflammation.” International Journal of Molecular Sciences 20.3 (2019): 727.

55)Puri, Basant K., Nikita White, and Jean A. Monro. “The effect of supplementation with Scutellaria baicalensis on hepatic function.” Medical hypotheses 133 (2019): 109402.

56)Dong, Qingqing, et al. “Scutellaria baicalensis Georgi extract protects against alcohol‑induced acute liver injury in mice and affects the mechanism of ER stress.” Molecular medicine reports 13.4 (2016): 3052-3062.

57)Nan, J. X., Park, E. J., Kim, Y. C., Ko, G., & Sohn, D. H. (2002). Scutellaria baicalensis inhibits liver fibrosis induced by bile duct ligation or carbon tetrachloride in rats. Journal of pharmacy and pharmacology54(4), 555-563.

58)Zhou, Hong-Chao, et al. “Hepatoprotective effect of baicalein against acetaminophen-induced acute liver injury in mice.” Molecules 24.1 (2019): 131.

59)Li, Hai-Di, et al. “Wogonin attenuates inflammation by activating PPAR-γ in alcoholic liver disease.” International Immunopharmacology 50 (2017): 95-106.

60)XU, Gang, and Ming XIE. “Study on effective fraction of Bupleutrum chinese-Scutellaria baicalensis Georgi herbal pair for hepatoprotection [J].” Liaoning Journal of Traditional Chinese Medicine 8 (2008).

61)Cho, So-Yean, et al. “Antigastritic and Antiulcerative Activities of Water Extracts Derived from Scutellaria baicalensis.” Biomolecules & Therapeutics 14.3 (2006): 171-177.

62)Kang, Min-Hee, et al. “Antigastritic and Anti Helicobacter pylori Effects of Baicalein from Scutellaria Baicalensis.” Yakhak Hoeji 51.1 (2007): 68-74.

63)Huang, Tse-Hung, et al. “The concurrent treatment of Scutellaria baicalensis Georgi enhances the therapeutic efficacy of cisplatin but also attenuates chemotherapy-induced cachexia and acute kidney injury.” Journal of ethnopharmacology 243 (2019): 112075.

64)Lai, Chang-Chi, et al. “Baicalein, a component of Scutellaria baicalensis, attenuates kidney injury induced by myocardial ischemia and reperfusion.” Planta medica 82.03 (2016): 181-189.

65)Zhu, Yanping, Yanxia Fu, and Hairong Lin. “Baicalin inhibits renal cell apoptosis and protects against acute kidney injury in pediatric sepsis.” Medical science monitor: international medical journal of experimental and clinical research 22 (2016): 5109.

66)Wożniak, Dorota, Eliza Lamer‐Zarawska, and Adam Matkowski. “Antimutagenic and antiradical properties of flavones from the roots of Scutellaria baicalensis Georgi.” Food/Nahrung 48.1 (2004): 9-12.

67)XU, Shan, et al. “Antiviral Effect and Mechanism of Scutellaria Baicalensis Georgi [J].” Chinese Archives of Traditional Chinese Medicine 7 (2007).

68)Zandi, Keivan, et al. “Extract of Scutellaria baicalensis inhibits dengue virus replication.” BMC complementary and alternative medicine 13.1 (2013): 91.

69)Shi, Hengfei, et al. “Baicalin from Scutellaria baicalensis blocks respiratory syncytial virus (RSV) infection and reduces inflammatory cell infiltration and lung injury in mice.” Scientific reports 6 (2016): 35851.

70)Hour, Mann-Jen, et al. “Baicalein, ethyl acetate, and chloroform extracts of Scutellaria baicalensis inhibit the neuraminidase activity of pandemic 2009 H1N1 and seasonal influenza A viruses.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2013 (2013).

71)NAGAI, Takayuki, et al. “Antiviral activity of plant flavonoid, 5, 7, 4′-trihydroxy-8-methoxyflavone, from the roots of Scutellaria baicalensis against influenza A (H3N2) and B viruses.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 18.2 (1995): 295-299.

72)Song, Jia-Wen, et al. “Applications, phytochemistry, pharmacological effects, pharmacokinetics, toxicity of Scutellaria baicalensis Georgi. and its probably potential therapeutic effects on COVID-19: a review.” Chinese Medicine 15.1 (2020): 1-26.

73)Kim, Y. H., Paek, J. Y., Kwon, H. J., Lee, J. W., Yoon, O. H., & Han, M. D. (2009). Antioxidant and antibacterial activities of ethyl acetate extract from Scutellaria baicalensis. The Korean Journal of Food And Nutrition22(3), 367-376.

74)Duan, Chunyan, et al. “In vitro antibacterial activities of Scutellaria baicalensis Georgi against cariogenic bacterial.” Pediatric Dental Journal 17.1 (2007): 58-64.

75)Arweiler, Nicole Birgit, et al. “Clinical and antibacterial effect of an anti-inflammatory toothpaste formulation with Scutellaria baicalensis extract on experimental gingivitis.” Clinical oral investigations 15.6 (2011): 909-913.

76)Aung, Han, et al. “Scutellaria baicalensis decreases ritonavir-induced nausea.” AIDS Research and Therapy 2.1 (2005): 12.

77)Kang, Tong Ho, et al. “Effect of baicalein from Scutellaria baicalensis on prevention of noise-induced hearing loss.” Neuroscience letters 469.3 (2010): 298-302.

78)Liu, Zhong-Bo, et al. “Phytochemical constituents from Scutellaria baicalensis in soluble epoxide hydrolase inhibition: Kinetics and interaction mechanism merged with simulations.” International journal of biological macromolecules 133 (2019): 1187-1193.

79)Lu, Yingjian, Rolf Joerger, and Changqing Wu. “Study of the chemical composition and antimicrobial activities of ethanolic extracts from roots of Scutellaria baicalensis Georgi.” Journal of agricultural and food chemistry 59.20 (2011): 10934-10942.

80)Murch, Susan J., et al. “A metabolomic analysis of medicinal diversity in Huang-qin (Scutellaria baicalensis Georgi) genotypes: discovery of novel compounds.” Plant Cell Reports 23.6 (2004): 419-425.

81)Su, Su, et al. “Genetic characterization and phytochemical analysis of wild and cultivated populations of Scutellaria baicalensis.” Chemistry & Biodiversity 5.7 (2008): 1353-1363.

L’assunzione di skullcap è controindicata prima di un’operazione chirurgica o durante gravidanza ed allattamento.

Non si conoscono interazioni farmacologiche pericolose.

Non ci sono effetti collaterali riportati.

L’overdose può indurre spasmi o pressione eccessivamente bassa.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Skullcap cinese (Scutellaria baicalensis)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -