88% Off
Loto indiano (Nelumbo Nucifera) intero

4.90 4.50

In Stock

Fiore esotico, il loto indiano viene usato principalmente per la sua azione sedativa ed ansiolitica. E’ un’ottimo sonnifero naturale, abbassa la pressione e migliora le capacità cognitive. Viene lodato anche come afrodisiaco ed oneirogeno.

Le forti proprietà antibatteriche, analgesiche, antitumorali, immunostimolanti e benefiche per la salute delle ossa sono emerse in numerosi studi scientifici. Si usa per la preparazione di lozioni e creme antietà.

A dosi molto alte ha effetti narcotici simili alla cannabis, molte testimonianze riportano un marcato miglioramento dell’umore ed euforia.

Svuota
4.90 4.50
forma Intero Tritato In polvere Estratto 10:1 Tintura (artigianale)
quantita 13gr 25gr 50gr 100gr 125gr 250gr 50gr di materia prima 100gr di materia prima 250gr di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

Gli psiconauti utilizzano per lo più il petalo in polvere nelle seguenti modalità e dosaggi indicativi:
-ingerito o incapsulato \dose lieve 4-5gr\moderata 5-6gr\alta 6-10gr\altissima 10-14gr
-infuso \dose lieve 6-8gr\moderata 8-10gr\alta 10-14gr\altissima 14-20gr (sconsigliato per via della bassa solubilità)
-tintura \dose lieve 4-5gr\moderata 5-6gr\alta 6-10gr\altissima 10-14gr
-fumato o vaporizzato(100-125°C) non si può consigliare un dosaggio, conviene fumare fino all’effetto desiderato

Gli effetti del loto indiano sono molto simili a quelli del loto blu: sedazione, euforia, gradevole tepore, sensazioni oniriche, lieve stimolazione dell’energia fisica e aumento del livello di coscienza.
Farmaci a base di loto indiano sono diffusi nelle erboristerie di tutto il mondo per vari disturbi: insonnia, ansia, depressione, impotenza, perdita di desiderio, eccesso di radicali liberi, sofferenza epatica, diabete, iperlipidemia ed infezioni lievi.

Contiene la nuciferina è in grado di indurre sedazione ed ansiolisi al pari del diazepam: è un agonista diretto del sito 5-HT come i farmaci maprotilina e imipramina.
Ad altissime dosi gli effetti possono essere anche troppo intensi per alcuni, ma fumare il materiale inestratto (anche di alta qualità) rimane poco efficace: gli appassionati consigliano di limitarsi alla vaporizzazione degli estratti.

Viene spesso combinato a scopo ricreazionale con cannabis, alcol e sakae naa; a scopo sedativo con damiana e kanna; a scopo afrodisiaco con damiana e yohimbe.
L’effetto è percepibile immediatamente se fumato fino a 1 ora, dopo 10m fino a 2-3 ore se ingerito a stomaco vuoto in base al dosaggio.

Gli effetti del loto indiano sono molto simili a quelli del loto blu: sedazione, euforia, gradevole tepore, sensazioni oniriche, lieve stimolazione dell’energia fisica e aumento del livello di coscienza.

Contiene la nuciferina è in grado di indurre sedazione ed ansiolisi al pari del diazepam: è un agonista diretto del sito 5-HT come i farmaci maprotilina e imipramina.
Ad alte dosi gli effetti possono essere anche troppo intensi per alcuni.

Medicina convenzionale
Le proprietà antidepressive, afrodisiache, dimagranti, neuroprotettive, antinfiammatorie, antiossidanti, immunostimolanti, epatoprotettive, antinfettive, antistaminiche, antiaritmia cardiaca, antielmintiche, antipiretiche, dermoprotettive, antitumorali, emostatiche, antialitosi, antiemetiche, antitussive, diuretiche ed antidiarroiche del loto indiano sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non è usato nella medicina convenzionale.

 

Medicina alternativa
Farmaci a base di loto blu sono diffusi nelle erboristerie di tutto il mondo per vari disturbi: insonnia, ansia, depressione, impotenza, perdita di desiderio, eccesso di radicali liberi, sofferenza epatica, diabete, iperlipidemia ed infezioni lievi.

Veniva impiegato nella medicina tradizionale come antielmintico, tonico, emetico, rimedio anticancro, cirrosi epatica, emorroidi, dissenteria, dispepsia, infiammazione dei tessuti; esternamente si applica su scabbia e infezioni fungine della pelle.

Infusione
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata per indebolire le pareti cellulari.
-Mischiare i petali di loto indiano (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile con dell’acqua (opzionale)distillata.
-Scaldare il barattolo a bagnomaria a circa 40-50 C° fino a 40m per la saturazione mantenendolo sigillato.
-Aspettare che si raffreddi per aprirlo.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Aggiungere miele a piacere per insaporire

Vino afrodisiaco egiziano
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata ed una spruzzatina d’etanolo per indebolire le pareti cellulari.
-Mettere i petali di loto indiano (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere un vino rosso di alta gradazione a piacere
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 2 settimane per la totale saturazione
-Filtrare e scartare i solidi

Tintura
Stesso procedimento che con l’infusione in vino ma utilizzando una soluzione di etanolo della più alta gradazione possibile.
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’ausilio di una ventola per produrre un estratto atto alla combustione o ad essere incapsulato.

Descrizione
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Rosidae
Ordine: Nymphaeales
Famiglia: Nelumbonaceae
Genere: Nelumbo
Specie: N. nucifera
Nativo: Asia, Australia
Plant Hardiness Zone: 5
Il loto indiano (Nelumbo Nucifera) è una pianta acquatica la cui coltivazione richiede molto spazio e sole, ha lunghi steli e cresce fino a 6 metri d’altezza.
Le foglie misurano dai 20 ai 30cm di lunghezza e dai 20 ai 90cm di diametro.
I fiori bianco-rosato misurano invece fino a 25cm di diametro; al loro interno sepali, petali e stami formano una struttura caratteristica a spirale.
La radice bianco-giallastra è molto robusta; è dotata di una lamina esterna fibrosa, una mediana densa e una interna spugnosa.

Coltivazione
Il loto indiano è una pianta acquatica, difficile da coltivare:
-Intaccare il guscio dei semi senza danneggiarne il nucleo.
-Metterli a bagno fino a più di una settimana, cambiando l’acqua il più spesso possibile.
-Aspettare che gli steli abbiano raggiunto i 5cm prima di trapiantarli in un contenitore con un terriccio grasso ed argilloso a piena esposizione solare.
-Devono stare sommersi in una pozza d’acqua.

Il loto indiano è stato coltivato nell’est Asia per più di 3000 anni come cibo nutriente, farmaco miracoloso e pianta ornamentale.
Gli Egiziani adoravano questa pianta che cresceva lungo il Nilo e ne facevano uso religioso, la ricetta del vino afrodisiaco al loto proviene dalla loro cultura.

Nella medicina ayurvedica viene usato come antielmintico e per combattere l’urinazione frequente dolorosa, in Cina molte bevande antiossidanti sono a base di loto indiano.
La radice viene utilizzata nella medicina tradizionale cinese come tonico, emetico, rimedio anti-cancro, cirrosi epatica, emorroidi, dissenteria, dispepsia, infiammazione dei tessuti; esternamente su scabbia e infezioni fungine della pelle.

Gli effetti antidepressivi del loto sono stati provati da diversi studi sui ratti: gli alcaloidi asimilobina, liniridina e nuciferina sono stati identificati come i responsabili.

La nuciferina è in grado di indurre sedazione ed ansiolisi al pari del diazepam: è un agonista diretto del sito 5-HT come i farmaci maprotilina e imipramina.
Inoltre ha dimostrato effetti positivi su memoria ed apprendimento stimolando la proliferazione delle cellule del nucleo dentato ipotalamico; oltre ad una marcata protezione dalla demenza indotta da scopolamina.
Si deve sempre a questo alcaloide l’azione afrodisiaca, in Cina viene usato in parecchie formule anti-impotenza e contro l’eiaculazione precoce.

Sempre da esperimenti sui ratti sono emerse le sue proprietà dimagranti: modulazione del recettore beta-adrenergico addetto alla spesa energetica con effetti protettivi su lipidemia sanguigna, epatica, perossidazione ed accumulo delle riserve di trigliceridi; al pari di farmaci tradizionali come silmarina e simvastina.

Farmaci a base di loto indiano sono diffusi nelle erboristerie di tutto il mondo per indicazioni generali quali: insonnia, ansia, depressione, impotenza, perdita di desiderio, eccesso di radicali liberi, sofferenza epatica, diabete, iperlipidemia e infezioni lievi.

Tutta la pianta del loto indiano è farmacologicamente attiva e i principi attivi sono i medesimi del loto blu ma a diverse concentrazioni. Per questo gli effetti sono molto simili e c’è chi preferisce l’uno o l’altro.

Sono stati identificati i seguenti composti: gli alcaloidi nornuciferina, nuciferina, roemerina, asimilobina, liniridina, liensinina, isoliensinina, neferina, lotusina; flavonoidi; glicosidi; polifenoli; minerali; vitamine quali tiamina, riboflavina ed acido ascorbico.

La nuciferina è il prinicipale responsabile degli effetti, ma anche gli altri alcaloidi agiscono in maniera sinergica.

Effetti antidepressivi ed ansiolitici:
Sugimoto Y, Furutani S, Nishimura K, et al. Antidepressant-like effects of neferine in the forced swimming test involve the serotonin1A (5-HT1A) receptor in mice. Eur J Pharmacol . 2010;634(1-3):62-67.
Effetti afrodisiaci:
Chen J, Liu JH, Wang T, Xiao HJ, Yin CP, Yang J. Effects of plant extract neferine on cyclic adenosine monophosphate and cyclic guanosine monophosphate levels in rabbit corpus cavernosum in vitro. Asian J Androl . 2008;10(2):307-312
Effetti ipoglicemici:
Pan Y, Cai B, Wang K, et al. Neferine enhances insulin sensitivity in insulin resistant rats. J Ethnopharmacol . 2009;124(1):98-102.
Effetti dimagranti e vasoprotettivi:
Wu CH, Yang MY, Chan KC, Chung PJ, Ou TT, Wang CJ. Improvement in high-fat diet-induced obesity and body fat accumulation by a Nelumbo nucifera leaf flavonoid-rich extract in mice. J Agric Food Chem . 2010;58(11):7075-7081
Effetti antiossidanti ed epatoprotettivi:
Huang B, Ban X, He J, Tong J, Tian J, Wang Y. Hepatoprotective and antioxidant activity of ethanolic extracts of edible lotus ( Nelumbo nucifera Gaertn.) leaves. Food Chem . 2010;120(3):873-878.
Effetti epatoprotettivi:
Acharya S.R., et al “Antioxidant and hepatoprotective action of Asparagus racemosus Willd. root extracts.” Indian J Exp Biol. 2012 Nov;50(11):795-801.
Effetti immunomodulanti:
Mukherjee D, Khatua TN, Venkatesh P, Saha BP, Mukherjee PK. Immunomodulatory potential of rhizome and seed extracts of Nelumbo nucifera Gaertn. J Ethnopharmacol . 2010;128(2):490-494.
Effetti antinfettivi:
Agnihotri VK, ElSohly HN, Khan SI, et al. Constituents of Nelumbo nucifera leaves and their antimalarial and antifungal activity. Phytochem Lett . 2008;1(2):89-93

Non vi sono controindicazioni note all’assunzione del loto indiano.

L’interazione con farmaci per il diabete, infezioni o debolezza cardiaca è pericolosa.

Non vi sono effetti collaterali di solito.

L’overdose non è letale.

Non ci sono casi di dipendenza, danni permanenti o morte relativi al consumo di questa pianta in letteratura scientifica.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Loto indiano (Nelumbo Nucifera)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Siamo in pausa fino al 2 marzo. In arrivo diverse nuove rarità dal mondo...

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -