Ashwagandha (Whitania Somnifera) secca intera

4.90

In Stock

Un pianta poco conosciuta della famiglia del ginseng, ha effetti simili ma più sedativi che stimolanti.

Gode di molte proprietà medicinali: antidepressive, anabolizzanti, antitumorali, antibatteriche antinfiammatorie, nootropiche e benefiche sul sistema immunitario. Viene considerato un “adattogeno” in grado di combattere stress fisico e mentale.Viene usato come rimedio antietà, dimagrante, afrodisiaco, oneirogeno e rilassante muscolare.

Secondo alcune testimonianze le dosi altissime avrebbero un particolare effetto psichedelico, dovuto probabilmente alla somniferina (un composto dalla comprovata azione oppiacea).

Svuota
4.90
forma Intero Tritato In polvere Estratto 10:1 Resina (artigianale)
quantita 25gr 50gr 100gr 125gr 250gr 50gr di materia prima 100gr di materia prima 250gr di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

Gli psiconauti utilizzano la radice in polvere nelle seguenti modalità e dosaggi indicativi:
-ingerita o incapsulata\ dose lieve 3-5gr \moderata 5-10gr \alta 10-15gr \altissima 15-25gr
-tintura\ dose lieve 3-5gr \moderata 5-10gr \alta 10-15gr \altissima 15-25gr
– infusa\ 3-5gr \moderata 5-10gr \alta 10-15gr \altissima 15-25gr

L’ashwagandha ha un effetto molto simile al ginseng originale  (viene anche chiamata ginseng indiano); ma è in parte sedativo, non solo stimolante.

La somministrazione per periodi prolungati di dosi adeguate è molto più efficace e sembra avere effetti profondi sulla coscienza, migliorando anche le capacità cognitive generali.
Alcuni psiconauti sostengono addirittura che dopo una terapia con questa pianta il tempo sembra scorrere più lentamente e dilatarsi.
Ad altissime dosi ha effetti simili all’oppio, molti alcaloidi contenuti in questa pianta (principalmente la whitanina) si legano ai recettori oppioidi μ.

Non viene usata in medicina convenzionale, sebbene non abbia nulla da invidiare al ginseng originale per molte delle principali applicazioni di quest’ultimo. Anche l’ashwagandha è in grado di ridurre la tolleranza agli oppiacei e di alleviarne i sintomi d’astinenza.             
Si è diffusa in tutto il mondo sia nella cura delle malattie che per il miglioramento del normale benessere psicofisico, grazie ai suoi effetti nootropici, neuroprotettivi, dimagranti, energizzanti, afrodisiaci ed antietà.

Viene spesso combinata a scopo ricreazionale con iperico, vinpocetina, erba mate, noce di betel, guaranà, catuaba, caffè ed alcohol; per stimolare le capacità cognitive con tè, bacopa, curcuma, rodiola, ginkgo, L-teanina, liquirizia, shavatari e gotu kola; per stimolare le difese immunitarie con cardo selvatico ed aglio; con zucchero di canna, zenzero, vaniglia, caffè e cannella per la preparazione di molti dessert salutari.
L’effetto si percepisce dopo 15m fino a 3 ore se ingerito oralmente a stomaco vuoto in base alla dose.

L’ashwagandha è un adattogeno/stimolante del sistema nervoso centrale molto particolare, ha un’azione in parte anche sedativa e calmante.

Ha un effetto molto più gentile rispetto ai tipici stimolanti: euforia, stimolazione, aumento dello stimolo all’interazione sociale, abbassamento delle inibizioni, del livello di ansia, rilassamento muscolare, miglioramento della concentrazione e della motivazione.
Ha un profilo di sicurezza eccezionale e l’uso prolungato è protettivo verso il benessere psicofisico invece che lesivo come per gli stimolanti convenzionali.
Sembra infatti avere anche proprietà ansiolitiche ed antidepressive e nessun sintomo fastidioso da iper-stimolazione, anzi pare favorire il sonno e agire da oneirogeno.

Alcuni psiconauti sostengono che ad alti dosaggi (sopra i 25g) l’effetto sia molto simile a quello di un oppiaceo: contiene degli alcaloidi che si agiscono da antagonisti dei recettori oppiodi μ.

Medicina convenzionale
Le proprietà antidepressive, ansiolitiche, dimagranti, ipoglicemiche, antietà, nootropiche, neuroprotettive, afrodisiache, antitumorali, antinfiammatorie, analgesiche, sedative, immunostimolanti e adattogene dell’ashwagandha sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non viene usato in medicina convenzionale, sebbene non abbia nulla da invidiare al ginseng originale per molte delle principali applicazioni di quest’ultimo. Anche lei è in grado di ridurre la tolleranza agli oppiacei e di alleviarne i sintomi d’astinenza.       

 

Medicina alternativa
E’ usata in medicina alternativa fin dall’antichità anche contro artrite, ansia, insonnia, tumori, tubercolosi, asma, luecoderma, bronchite, mal di schiena, fibromialgia, disturbi mestruali, singhiozzo, ferite, emiplegia, patologie epatiche croniche ed infiammazioni.

E’ un famoso farmaco naturale antietà completo, un efficace adattogeno, afrodisiaco, immunostimolante e calmante.

Decotto
-(Opzionale) Congelare il materiale inumidito con acqua distillata.
-Mettere l’ashwagandha (opzionale)in polvere un barattolo sigillabile con un volume doppio d’acqua (opzionale)distillata.
-Scaldare la mistura finchè non quasi bollente e mantenere la temperatura fino a 8 ore per la saturazione.
-Filtrare e scartare i solidi,
-(Opzionale) Ripetere tre volte l’infusione ed il filtraggio, riducendo a metà i tempi d’infusione ed unendone alla fine i liquidi puliti risultanti
-(Opzionale) Aggiungere miele se si gradisce.

Tintura
-(Opzionale) Congelare il materiale inumidito con acqua distillata ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere l’ashwagandha (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 50% per un volume di due volte superiore al materiale vegetale.
-Mantenere in infusione fino a 3 settimane scuotendo il contenitore quanto più spesso possibile
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) può essere concentrata ulteriormente con l’aiuto di debole calore per produrre un estratto atto ad essere incapsulato.

Muffin afrodisiaci
-Scaldare il forno fino a circa 200 C°
-Mischiare dieci parti di farina 00 con una di lievito inglese, mezza di ashwagandha, mezza di zenzero e mezza di cannella.
-Sciogliere cioccolato al latte per un peso pari alla farina con due cucchiai di burro ed amalgamare fino a che non diventa morbido.
-Aggiungere lo cioccolato agli ingredienti secchi (farina, ginseng, zenzero, etc.), una tazza di latte, due albumi, miele ed amalgamare bene il tutto.
-Mettere in forno fino a 25m e lasciarli raffreddare bene prima di rimuoverli dalla teglia.

Descrizione
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Asteridae
Ordine: Solanales
Famiglia: Solanaceae
Genere: Withania
Specie: W. somnifera
Nativo: India
Plant Hardiness Zone: 8-11
L’ashwagandha (Withania Somnifera) è una pianta della famiglia delle solanacee che cresce a cespuglio fino a più di 70cm d’altezza.
Possiede un fusto molto ramificato e sviluppa foglie verdi di forma ellittica lunghe fino 10 cm.
Produce dei fiori molto piccoli a forma di campana e un frutto rosso.

Coltivazione
E’ una pianta robusta, facile da coltivare:
-Scarnificare i semi con un attrezzo adatto senza intaccarne il nucleo e conservarli in frigo fino a 2 settimane.
-Piantarli in un comune terreno per vasi umido in primavera a piena esposizione solare.
-Mantenere umido il terreno fino alla germinazione.
-Resiste alla siccità, teme il freddo ed il ristagno idrico.

Ashwagandha” in sanscrito vuol dire “puzza di cavallo”.
Viene stato usato nella medicina ayurvedica da sempre contro malattie mentali, nervosismo, esaurimento, disturbi sessuali, dolore articolare, insonnia, ansia, patologie ossee, ormonali, mestruali, menopausali, fatica e per contrastare l’invecchiamento fisiologico.
L’uso medicinale fu introdotto in India dal famoso antico saggio Punarvasu Atriya.

Anche in Africa si conosce da circa 4000 anni e viene usata principalmente per trattare febbre e condizioni infiammatorie.

L’ashwagandha viene comunemente considerata un utile rimedio per anemia, cancro, malattia parodontale, depressione, diabete, fatica, ipertensione, insonnia, shock, stress, sintomi da radiazioni, da uso di morfina e cocaina.

Viene usato anche a scopo ricreazionale a dosi alte per i suoi effetti euforizzanti e sedativi; l’uso prolungato abbassa la tolleranza agli oppiacei.

E’ un adattogeno: regola il sistema endocrino, nervoso ed immunitario attraverso l’asse ipotalamico-ipofisario ed il sistema simpatico-adrenale riducendo i livelli degli ormoni dello stress come il cortisolo e prevenendo la disfunzione mitocondriale stress-indotta.

E’ ricca di ferro ed ha dimostrati effetti positivi su anemia, fatica cronica e debolezza post-parto.

Migliora il sonno e riduce l’ansia, è particolarmente efficace sul disturbo d’ansia generalizzato.

Riduce anche il dolore, l’infiammazione e l’intensità degli spasmi muscolari dovuti alla fibromialgia e la sindrome delle gambe senza riposo, specialmente insieme al cohosh nero.

L’ashwagandha contiene molti alcaloidi e lattoni steroidei: tropina, cuscoigrina, withanolidi, withanina, benzatropina, etilbenzatropina, ashwagandhina, ashwaganidhina e somniferina; oltre ad amminoacidi, colina, beta-sitosterolo, acido clorogenico e scopoletina.

Il principale composto attivo è la withanina, ma, come per il ginseng, tutto il fitocomplesso di alcaloidi e lattoni steroidei agisce in maniera sinergica.

Effetti antidepressivi ed ansiolitici:
Bhattacharya, S. K., et al. “Anxiolytic-antidepressant activity of Withania somnifera glycowithanolides: an experimental study.” Phytomedicine 7.6 (2000): 463-469.
Effetti dimagranti ed ipoglicemici:
Jaiswal, Dolly, Prashant Kumar Rai, and Geeta Watal. “Antidiabetic effect of Withania coagulans in experimental rats.” Indian Journal of Clinical Biochemistry 24.1 (2009): 88-93.
Effetti sedativi:
Kumar, Anil, and Harikesh Kalonia. “Protective effect of Withania somnifera Dunal on the behavioral and biochemical alterations in sleep-disturbed mice (Grid over water suspended method).” Indian journal of experimental biology 45.6 (2007): 524.
Effetti antietà ed adattogenici:
Boone, K. “Withania-The Indian ginseng and anti-aging adaptogen.” Nutrition and Healing. Jun1998 5.6 (1998): 5-7.
Effetti antiossidanti:
Bhattacharya, S. K., Kalkunte S. Satyan, and Shibnath Ghosal. “Antioxidant activity of glycowithanolides from Withania somnifera.” Indian Journal of Experimental Biology 35 (1997): 236-239.
Effetti nootropici:
Pingali, Usharani, Raveendranadh Pilli, and Nishat Fatima. “Effect of standardized aqueous extract of Withania somnifera on tests of cognitive and psychomotor performance in healthy human participants.” Pharmacognosy research 6.1 (2014): 12.
Effetti neuroprotettivi:
Ahmad, Muzamil, et al. “Neuroprotective effects of Withania somnifera on 6-hydroxydopamine induced Parkinsonism in rats.” Human & experimental toxicology 24.3 (2005): 137-147.
Effetti afrodisiaci:
Ambiye, Vijay R., et al. “Clinical evaluation of the spermatogenic activity of the root extract of Ashwagandha (Withania somnifera) in oligospermic males: a pilot study.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2013 (2013).
Effetti immunomodulanti:
Gautam, M., et al. “Immune response modulation to DPT vaccine by aqueous extract of Withania somnifera in experimental system.” International immunopharmacology 4.6 (2004): 841-849.
Effetti antitumorali:
Devi, P. Uma, A. C. Sharada, and F. E. Solomon. “Antitumor and radiosensitizing effects of Withania somnifera (Ashwagandha) on a transplantable mouse tumor, Sarcoma-180.” Indian journal of experimental biology 31.7 (1993): 607-611.
Effetti antinfiammatori ed analgesici:
Choudhary, Muhammad Iqbal, et al. “Cholinesterase inhibiting withanolides from Withania somnifera.” Chemical and pharmaceutical bulletin 52.11 (2004): 1358-1361.

L’ashwagandha è controindicata in chi soffre di disturbi della pressione sanguigna, diabete ulcere gastriche, malattie autoimmuni, patologie tiroidee prima di un’operazione o durante gravidanza ed allattamento.

L’interazione con steroidi tiroidei è pericolosa.

Gli effetti collaterali sono disturbi gastrici, nausea e vomito.

L’overdose non è letale.

Non ci sono casi di dipendenza, morte o danni permanenti in letteratura scientifica per quanto riguarda questa pianta.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ashwagandha (Whitania Somnifera)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ordini sono disattivati, contiamo di tornare operativi prima della fine del mese. Più avanti confermeremo una data precisa.

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -