(1 customer review)

5.90

In Stock

Una radice dall’odore pungente gradevole per alcuni, fastidioso per altri.

Contiene  β-asarone, un composto aromatico dalla nota tossicità ma dotato di diverse potenzialità farmacologiche importanti.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E CAMPIONATURA BOTANICA.

Svuota
5.90
forma Intero Tritato In polvere Estratto 10:1 Estratto alcolico
quantita 25g 50g 125g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MEDICINA AYURVEDICA (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: radice

-ingerita/ 0,5-2g
-decotta/ 5-15g 
-tintura 1:1/ 2-7ml
-fumata o vaporizzata (150-175C°)\ non si può consigliare un dosaggio, fumare fino ad ottenere l’effetto desiderato

Il calamo aromatico ha un buon effetto narcotico a dosi basse e moderate, quelle alte possono avere un paradossale effetto stimolante ed euforizzante.

Medicina convenzionale
Le proprietà sedative [12], sonnifere [12], antipsicotiche [23], antidepressive [26], MAO-inibitrici [27], stimolanti [28], actoprotettive [8], adattogene [22], nootropiche [30], antietà [32], neuroprotettive [33], anticolinesterasiche [35], ipotensive [38], antiaritmiche [38], cardiodepressive [40], cardioprotettive [42], ipolidiche [44], ipoglicemiche [44], dimagranti [44], antitumorali [46], antiangiogeniche [46], immunosoppressive [49], anticellulari [49], antinfiammatorie [49], citorigeneranti [50], gastroprotettive [51], antisecretorie [51], antidiarroiche [52], spasmolitiche [53], broncodilatatrici [54], antiasmatiche [55], antivirali [57], antibatteriche [59], antimicotiche [62], antielmintiche [66], insetticide [67] del calamo aromatico e dei suoi fitocostituenti sono supportare dalla ricerca scientifica.

Non viene usato nella medicina convenzionale.

 

Medicina alternativa
Viene impiegato per il trattamento di ulcere, meteorismo, flatulenza, indigestione, diarrea, emorroidi, coliche, inappetenza, infezioni intestinali, artrite reumatoide, infarto, diabete, febbre, depressione, fatica cronica, ansia, disturbi convulsivi, obesità, artrite, mal di testa, mal d’orecchio, amnesia, disturbi respiratori, problemi renali ed epatici.

Si applica localmente contro i disturbi della pelle, viene anche masticato contro alitosi e cattivi odori.

Ha una lunga tradizione nella medicina ayurvedica come rimedio per i sintomi fastidiosi dell’intossicazione da allucinogeni.

Decotto
-Mettere il calamo (opzionale)in polvere in una pentola con un volume triplo di acqua (opzionale)distillata 
-Lasciare sobbollire appena fino a 30m per la saturazione, aggiungere ulteriore acqua solo se necessario al fine di tenere i solidi ben coperti.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale)Riutilizzare i solidi scartati per un altra cottura.

Tintura
-Mettere il calamo (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcol al 50%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 3 settimane
-Filtrare e scartare i solidi
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Infusione fredda
-Mettere il calamo (opzionale)in polvere in recipiente sigillabile con un volume triplo d’acqua (opzionale)distillata 
-Lasciare infondere fino a 3 giorni in frigo, scuotendo la soluzione quanto più vigorosamente e spesso possibile.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Descrizione
Classe: Liliopsida
Sottoclasse: Arecidae
Ordine: Arales
Famiglia: Araceae
Genere: Acorus
Specie: A. calamus
Nativo: Asia
Plant Hardiness Zone: 4-10
Il calamo aromatico (Acorus Calamus) è una pianta erbacea perenne, con un lungo rizoma ramificato da cui partono molte radici.
Le foglie sono giallo-verdine e misurano fino a quasi 1m di lunghezza; sono a forma di spada, simili a quelle dell’Iris.
Produce fiori molto piccoli dall’odore dolce che attira sciami di insetti; è diffuso in tutto il mondo ma fiorisce solo dentro alle pozze d’acqua e il frutto matura raramente in coltivazione.

Coltivazione
Le piante si propagano di solito a partire dai pezzi di rizoma ad inizio primavera o dell’autunno.
-Distanziare le piante di circa 30cm, scegliere un terreno poco drenante e molto ricco
-innaffiare le radici frequentemente.
-Predilige terreni molto ricchi, fangosi, umidi, acquitrinosi o vicini a fiumi e pozze d’acqua.

Il suo nome deriva dal termine greco calamos che significava canna per via della somiglianza con quest’ultima: a quei tempi veniva usato per dare un tocco di odore gradevole agli ambienti, soprattutto le chiese.
Il nome del genere Acorus proviene da coreon, una malattia degli occhi diffusasi in Grecia per cui si somministrava il calamo aromatico.
Ippocrate ne conosceva le proprietà medicinali, compare anche negli scritti di Dioscoride e Teofrasto.

Gli antichi Romani lo consideravano un potente afrodisiaco e lo associavano a Venere [1].

Dei resti di calamo aromatico sono stati rinvenuti nella tomba di Tutankhamen in Egitto [2].
La pianta veniva impiegata nell’antico Egitto per la produzione di profumi, oltre che nel trattamento della linfadenite cervicale [3].

Gli arabi lo lodavano come rimedio per i reflussi gastrici.

Viene menzionato 3 volte nella bibbia: Dio istruisce Mosè affinchè prepari un olio santo per ungere tabernacolo, Arca dell’alleanza e altri oggetti rituali. La ricetta comprende mirto, franchincenso, cannella, calamo, cassia, galbano e spezie dolci (Esodo 30:23,24,34). Veniva coltivato nei giardini di Salomone (Salomone 4:14) e venduto nel mercato di Tiro in Libano (Ezechiele 27:19). Viene citato anche nel IV papiro di Chester Beatty.

Il geografo Americano Sauer scrisse che il tubero di Acorus calamus veniva usato dai nativi americani prima che gli occidentali lo scoprissero [4].
Gli indiani delle praterie attribuivano al calamo poteri mistici, i Pawnee ne cantavano le lodi durante le cerimonie misteriche. Gli sciamani Siouani del Nord Dakota lo utilizzavano nella loro danza sacra. Le tribù Cree e Ojibway lo masticavano durante le lunghe spedizioni di caccia come per alleviare la fame ed avere più energia.
La pianta viene associata al topo muschiato (Ondatra zibethica) che ne va ghiotto. Una leggenda dei Penobscot dice che un il topo avesse detto ad un uomo di essere la radice e dove potesse trovarlo. L’uomo, svegliatosi, raccolse la radice e ne fece una medicina per curare le sue genti dalla peste. Credevano anche potesse guarire dal colera.
I Chippewa lo inalavano contro il raffreddore, per i problemi bronchiali lo preparavano insieme a Xanthoxylon americanum, Sassafras variifolium e Asarum canadense. Dakota, Omaha, Winnebago e Pawnee lo masticavano o ne facevano un infuso, polverizzato veniva bruciato sulle braci per inalarne il vapore e liberare le vie aree.
I Cree ne facevano un infuso per trattare mal di testa, mal di denti e dismenorrea. I gruppi delle paludi masticavano la radice per curare faringiti ed altri problemi alla gola.
Gli Abnaki bevevano il decotto tiepido di calamo come rimedio per meteorismo e flatulenza.
I Sioux lo consumavano contro i disturbi gastrici, ne inalavano i fumi per alleviare il mal di testa. Lo applicavano localmente come anestetico e cicatrizzante. Lo masticavano durante le battaglie per instillare coraggio e potenziare la resistenza dei guerrieri. Lo davano ai cani da guardia per renderli più feroci, ci foreggiavano anche i cavalli per farli diventare più veloci.
Le donne Menominee la macinavano insieme a radice di sanguinaria e legno di cedro come rimedio per l’irregolarità mestruale. I Blackfott del Montana lo impiegavano come abortificente. I Meskwaki lo applicavano esternamente sulle bruciature [5].

E’ stato usato per secoli in India per le sue proprietà emetiche, calmanti, sedative, nootropiche, afrodisiache e purificatrici; ma soprattutto come sostituto della coca ed energizzante per i lavori pesanti.
Nella medicina ayurvedica l’infuso di calamo viene somministrato ai bambini per trattare diarrea colerica, dissenteria, bronchite, tosse, febbre, dispepsia, epilessia, parassiti intestinali, mal di denti e coliche. L’olio viene impiegato come espettorante, calmante e stimolante dell’appetito; mischiato alla corteccia di Cinchona viene prescritto nei casi di febbre intermittente e tifoide. Localmente si applica per fermare l’emorragia post-aborto. Il rizoma mischiato ad aglio, cumino, sale, zucchero e burro viene dato da mangiare ai cavalli per rinforzarli; inoltre si crede induca un effetto narcotico sui cobra [6].

In Tibet ha una lunga tradizione nella cura del cancro. La radice viene mischiata con Ferula foetida, Zingiber officinale, Cuminum cymmum, Terminalia chebula, Inula racemosa e Saussurea lappa viene indicata contro colera, febbre cronica, pesantezza di stomaco, nervosistmo e tumore a sede primitiva ignota [7].

Nella Medicina Tradizionale Cinese il rizoma di Acorus calamus viene raccomandato nel trattamento di coliche, inappetenza, dispepsia, nausea, infiammazioni alla mucosa gastrica, bronchite, tosse, raffreddore, tubercolosi, mal di testa, febbre, vertigini, disturbi neurologici, cancro, artrite, epilessia, infarto, aritmi,. Esternamente lo applicano come emostatico, analgesico. Sono rinomate anche le sue proprietà afrodisiache e psicoattive, ne facevano una pozione allucinogena per “vedere gli spiriti” mischiandolo con Cannabis sativa e Podophyllum pleianthum [8].

Era un ingrediente della pozione d’amore medievale prescritta da Zacutus Lusitanus, famoso medico portoghese. Veniva impiegato dalle streghe nella preparazione del flying ointment insieme a solanacee delirogene ed altre piante.

Durante il periodo della peste in Europa una banda di ladri rubò nelle case degli infetti senza timore di contrarre il morbo. Una volta catturati confessarono di aver bevuto una pozione preparata facendo macerare al sole nell’aceto rosso per diverse settimane assenzio, rosmarino, salvia, menta, ruta, lavanda, calamo, cannella, chiodi di garofano, noce moscata e aglio. La soluzione veniva poi distillata ed addizionata con la canfora [9].

La pianta è stata introdotta nel Regno Unito nel tardo XVI secolo, l’erborista inglese John Gerard lo coltivava nel suo giardino [10]. La radice veniva mescolata con gesso e magnesio per curare la febbre alta, a Norfolk veniva impiegato contro il tifo.

E’ stato diffuso in Polonia dai Tartari che bevevano solo l’acqua in cui era stato macerato il rizoma della pianta [11].

SEDATIVO, SONNIFERO, ANTIPSICOTICO
Estratti a base di foglie di calamo hanno ridotto la locomozione spontanea ed incrementato il tempo di immobilità e di nuoto dei topi senza influire sulla coordinazione motoria. Inoltre hanno potenziato la durata del sonno indotto dal diazepam [12].
Un estratto alcolico a base di rizomi ha ridotto in maniera significativa ma temporanea (4 ore) l’aggressività da isolamento dei topi. Le cavie hanno mostrato depressione del CNS ai bassi dosaggi ed agitazione agli alti [13].
La somministrazione cronica di un estratto etanolico ha incrementato l’attività elettrica spontanea e i livelli di norepinefrina nella corteccia cerebrale riducendo contemporaneamente quelli del mesencefalo e del cervelletto. La serotonina risultava aumentata nella corteccia cerebrale e diminuita nel mesencefalo, la dopamina maggiore nel nucleo caudato e nel mesencefalo ma minore nel cervelletto. L’alterazione dei livelli delle monoamine insieme a quella dell’attività elettrica può spiegare l’azione depressiva della pianta sul sistema nervoso centrale [14].
In un’altra ricerca ha ridotto i movimenti stereotipati indotti dall’apomorfina e potenziato la catalessi da aloperidolo [15].
L’olio essenziale ha indotto un effetto depressivo privo di componente atassica nei topi [16]. Ha potenziato l’attività sedativa indotta dal pentobarbitone nei topi [17], in un altra ricerca ha prolungato anche il sonno da pentobarbital, esobarbital ed etanolo [18]. Il prettrattamento con LSD o dibenzilina ha annullato parzialmente quest’azione suggerendo che l’azione ipnotica fosse mediata dalla modulazione di serotonina e catecolamine [19].

L’asarone isolato dalla pianta agisce come un tranquillante deprimendo la divisione simpatica dell’ipotalamo [20].
Nei modelli animali ha contrastato la stimolazione e l’iperpiressia indotta da mescalina [21], LSD, anfetamina, metilfenidato e iproniazide. Ha indotto un lungo effetto calmante sulle scimmie [22].
E’ un potente antagonista dei recettori D2 della dopamina come i più efficaci farmaci antipsicotici [23].

Assunto in combinazione ad un farmaco cannabimimetico ne ha potenziato notevolmente gli effetti comportamentali [24].
La somministrazione di un flavone isolato dall’estratto cloroformico di rizoma di calamo ha mostrato un potente effetto calmante su diversi animali ed un azione simile alla Cannabis indica [25].

ANTIDEPRESSIVO
In uno studio su 50 pazienti affetti da depressione la somministrazione del rizoma in polvere di calamo aromatico (500mg 3 volte al giorno) per 6 settimane ha ridotto la severità dei sintomi e contribuito positivamente alla risoluzione della condizione [26].

MAO-INIBITORE
L’olio essenziale di calamo aromatico ha inibito l’enzima MAO dei ratti agli alti dosaggi [27].

STIMOLANTE, ACTOPROTETTIVO, ADATTOGENO
Un estratto idroalcolico di foglie di Acorus calamus ha mostrato un moderato effetto stimolante ed actoprotettivo migliorando tono e coordinazione motoria dei topi sottoposti ai test di resistenza [28].

L’asarone ha prevenuto la deplezione della vitamina C adrenale proteggendo i ratti dallo stress ipotermico acuto [22] e sonoro continuo [29].

NOOTROPICO, ANTIETA’, NEUROPROTETTIVO, ANTICOLINESTERASICO
La somministrazione di radice di calamo secca polverizzata ha potenziato la performance d’apprendimento nei topi, specialmente le femmine [30].

DX-9386, una combinazione della Medicina Tradizionale Cinese a base di Panax ginseng, Polygala tenuiflora, Acorus calamus e Poria cocos ha ameliorato i disturbi della memoria nei modelli animali da senescenza accelerata e ridotto i livelli sierici elevati di perossidazione lipidica [31]. In un altro studio ha allungato l’aspettativa di vita, prevenuto la perdita di peso dovuta all’invecchiamento e migliorato la sindrome senile [32].

Un estratto idroalcolico di rizoma di calamo ha mostrato effetti neuroprotettivi nel modello animale di ischemia da occlusione dell’arteria cerebrale media [33].
Un estratto metanolico ha dimostrato una potente azione anti-Parkinson attraverso l’innalzamento dell’espressione di tirosina idrossilasi (TH), dei livelli di dopamina extracellulare e della proteina DJ-1 abbando invece quelli di α-sinucleina [34].

Estratto idroalcolico ed olio essenziale  hanno inibito l’acetilcolinesterasi negli eritrociti bovini, l’olio essenziale è risultato più potente [35]. Estratti metanolici hanno inibito l’enzima alla concentrazione di 200 µg/mL [36].
Si suppone che l’azione sia dovuta all’asarone, noto inibitore dell’acetilcolinesterasi [37].

IPOTENSIVO, ANTIARITMICO, CARDIODEPRESSIVO, CARDIOPROTETTIVO, IPOLIPIDICO, IPOGLICEMICO, DIMAGRANTE
L’olio essenziale di calamo aromatico ha dimostrato effetti ipotensivi ed antiaritmici simili alla chinidina contrastando aritmia ventricolare, fibrillazione e flutter atriale nel modello animale da ligazione coronarica di secondo grado [38]. In un altro studio ha prolungato il tempo di conduzione e il periodo refrattario delle auricole isolate dei conigli [39].
L’asarone ha mostrato effetti cardiodepressivi sul cuore di rane e conigli, nei cani anestetizzati ha provocato un moderato abbassamento della pressione arteriosa [40].
Un estratto etanolico di Acorus calamus ha protetto i ratti dalla cardiotossicità da doxorubicina modulando i livelli di antiossidanti del cuore [41].
In un trial clinico su 45 pazienti affetti da cardiopatia ischemica la somministrazione del rizoma essiccato in polvere ha migliorato i punteggi relativi a dolore al petto, dispnea da sforzo, BMI, ECG, colesterolemia, SLDL e SHDL [42].

Un estratto etanolico di rizoma e le saponine isolate hanno dimostrato una significativa azione ipolipidica sui ratti [43].
In un altra ricerca l’asarone ha prevenuto le alterazioni metaboliche indotte da una dieta ad alto contenuto di grassi riducendo peso corporeo, alterata tolleranza al glucosio, dislipidemia e squilibrio delle adipochine. I ricercatori suggeriscono che gli effetti possano essere mediati dalla capacità dalla capacità della molecola di alterare il grado di palatabilità dei cibi con conseguente riduzione nell’assunzione di cibi ipercalorici, oltre all’effetto normalizzante su leptina e adiponectina [44].
Gli alcaloidi isolati dal rizoma hanno attivato i recettori PPARα, PPARγ e le glucochinasi con potenziali benefici su adipogenesi ed insulino-resistenza [45].

ANTITUMORALE, ANTIANGIOGENICO
Estratti di calamo hanno inibito la crescita delle cellule del cancro gastrico provocando l’arresto in G1 e la sottoregolazione di Oct4 e NS. In più ha contrastato l’angiogenesi nelle cellule HUVEC [46].
2 lectine purificate dai rizomi di Acorus hanno mostrato potenti effetti antimitogenici su splenociti dei topi e linfociti umani. Inoltre hanno inibito la crescita delle cellule della linea tumorali J774, WEHI-279 e linfoma a cellule B [47].
Il β‑asarone ha attenuato la proliferazion delle cellule HCT116 del cancro al colon e le metastasi epatiche attivando il sistema immunitario innato [48].

IMMUNOSOPPRESSIVO, ANTICELLULARE, ANTINFIAMMATORIO, CITORIGENERANTE
Un estratto etanolico a base di rizoma di Acorus calamus ha inibito la proliferazione delle cellule umane mononucleate da sangue periferico stimolate dal mitogeno fitoemagglutinina e dall’antigene tuberculina. In più ha contrastato la crescita di diverse cellule del ratto e dell’uomo. Infine ha inibito la produzione di ossido nitrico, IL-2 e TNF-α sottoregolando anche l’espressione della proteina CD25 in maniera simile al farmaco per la sclerosi multipla daclizumab [49].

L’applicazione locale di un estratto acquoso di radici fresche di calamo ha potenziato la guarigione delle ferite nel modello animale da escissione chirurgica, oltre ad inibire l’espressione dell’mRNA dei mediatori dell’infiammazione indotta dai lipopolisaccaridi nelle cellule RAW 264.7 [50].

GASTROPROTETTIVO, ANTISECRETORIO
Un estratto etanolico ha inibito la secrezione gastrica e protetto la mucosa grastroduodenale dei ratti sottoposti a ligazione pilorica, indometacina, reserpina, cisteamina, etanolo, acido cloridrico ed idrossido di sodio [51].

ANTIDIARROICO, SPASMOLITICO
Un estratto metanolico di rizomi di calamo ha ridotto il tempo di induzione dela diarrea e il peso totale delle feci nel modello animale da olio di ricino [52].
In un altri esperimenti ha inibito le contrazioni nel digiuno isolato dei conigli attraverso il blocco dei canali del calcio [53].

BRONCODILATATORE, ANTIASMATICO
Un estratto alcolico di Acorus calamus ha provocato un significativo effetto broncodilatatore [54]. In un trial clinico su pazienti affetti da asma bronchiale grave la masticazione dei rizomi freschi per 2-4 settimane ha ridotto i sintomi senza collaterali di sorta [55]. In un altro studio ha attenuato significativamente il broncospasmo [56].

ANTIVIRALE
Un sesquolignano isolato dalla radice di calamo, tatanano A, ha alleviato significativamente gli effetti citopatici indotti dal virus della dengue DENV2 agendo sulla fase precoce della replicazione virale con conseguente inibitzione dei livelli virali di mRNA e proteine [57].

ANTIBATTERICO
Estratti di Acorus calamus sono risultati attivi su Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Bacillus subtilis, Staphylococcus citreus, Bacillus megaterium, Shigella flexneri, Salmonella marcescens, Proteus vulgaris, Shigella dysomei [58], Streptococcus pyogenes, Streptococcus viridans, Diplococcus pneumoniae, Corynebacterium diphtheriae, Salmonella typhi e Salmonella paratyphi A e B [59].
L’olio essenziale ha mostrato effetti antibatterici contro Staphylococcus albus, Corynebacterium diptheriae, Salmonella typhi, Salmonella faecalis, Bacillus pumilus, Streptococcus pyogenes e Pseudomonas solanacearum [60].

ANTIMICOTICO
Un estratto alcolico di calamo ha mostrato una significativa azione antimicotica nei confronti di Aspergillus niger, Penicillium selenium e Saccharomyces [61]. L’olio essenziale è attivo su Aspergillus oryzae, Aspergillus nidulans, Aspergillus jumigatis, Penicillium aculeatum, Phomopsis destuctum, Penicillium digitatum, Penicillum italicum, Diplodia natalensis, Altemaria tenuis, Candida albicans, Epidermophyton cresens e Microsporum gypseum [62].
Il β-asarone si è dimostrato altamente tossico per il fungo Helminthosporium oryzae [63].

ANTIELMINTICO
Un estratto alcolico di Acorus calamus è risultato attivo nei confronti del parassita umano Ascaris lumbricoides [64]. L’olio essenziale ha dimostrato un azione nematocida su Meloidogyne incognita [65].
In un trial clinico su 147 bambini affetti da ascaridiasi il rizoma in polvere di calamo alla dose di 250mg 3 volte al giorno per 3 giorni ha curato l’83% dei soggetti senza tossicità significativa [66].

INSETTICIDA
Il rizoma di calamo in polvere è efficace contro bruchi, falene e pidocchi. Gli estratti e l’olio volatile della pianta sono tossici su mosche e zanzare [67]. Una sospensione acquosa a base di calamo ha dimostrato effetti insetticidi su Prodenia litura e Dactynotus carthami [68]. L’olio essenziale ha inibito l’attività delle cellule interstiziali di Dysdercus koenigii, un dannoso parassita del cotone [69]; in altri esperimenti si è mostrato attivo contro Spodoptera litura [70], Thermobia domestica [71].
Il principale composto insetticida sembra β-asarone che è risultato letale sul punteruolo del mais [72].

TOSSICITA’
Il β-asarone, uno dei principali composti aromatici presenti nel calamo, ha mostrato in alcuni modelli animali ed in-vitro una moderata azione cito e genotossica; la forma α, 2-3 più citotossica ma dalla dubbia genotossicità, è presente in basse concentrazioni.
Tuttavia mancano dati precisi sulla tossicocinetica del composto negli umani [73].
Entrambe le forme devono prima interagire con gli enzimi del citocromo P450 negli epatociti prima di generare gli epossidi genotossici. Questi vengono comunque degradati rapidamente dall’epossidoidrossilasi microsomiali o citotossiche che ne limitano notevolmente le potenzialità carcinogeniche [74].

Per quanto riguarda gli estratti di Acorus calamus, le evidenze tossicologiche acute e croniche sui roditori non hanno mostrato nessuna alterazione organica significativa [75].
Per sicurezza si può bollire il rizoma per eliminare l’asarone, il Dr. Chu Chen ha riportato una riduzione dell’85% dopo 1 ora di decotto [76].

Fenilpropanoidi: β-asarone, α-asarone, γ-Asarone, E-asarone, idrossiasarone, asaraldeide, acoramone, calamolo, estragolo, anetolo;

terpenoidi: calamusin, acorenone, idrossiacorenone, farnesene, α-cedrene, linalolo, carvacrolo, pinene, mircene, paracimene, γ-terpinene, α-terpinolene, timolo, β-elemene, β-acoradiene, γ-curcumene, zingiberene, fellandrene, tujano, β-gurjunene, aristolene, vulgarolo B, limonene, eudesmano, bullatantriolo, teuclatriolo, eudesmina, metil eudesmina, magnolina, metil magnolina, 3-carene, 1,4-cineolo, mentatriene, bornanediolo, terpineolo, calarene, valencene, aromadendrene, germacrene D, umulene, α-selinene, cadinene, culmorina, calacorene, naftalene, isoledene, spatulenolo, α-vatirenene, scytalone, calamene, isocalamendiolo, deidrossiisocalamendiolo, calamenone, piprezizaene, epiprezizaene, isocitrale, editriolo, pinene, varanguesina, galgravina, oplodiolo, tatarinowina A, bullatantriolo, omalomenolo;

derivati da acidi carbossilici: acorico, diidrofaseico, pipecolico, tropico, fenilattico, asaronico, eudesmico, butirico, asarilico, eptilico, eptanico, deidrodiabetico, linolenico, nonanoico, ursolico;

flavonoidi: galangina;

altri composti aromatici: acetil eugenolo, metil isoeugenolo, isoomogenolo, eugenil acetato, canfora, cimene, cimolo, elemicina, longifolene, benzene, aldeide cinnamica e derivati indenici;

alcaloidi: calamina, acorina, tatarina A,  calamusina, telitossina, paprazina, acortatarina A, perillascens, e 5,8-dimetilisoquinolina

lignani: acoradina, siringaresinolo, ceplignano, isolariciresinolo, huazhongilexina;

cumarine: 6-fluorocumarina

steroli: β-sitosterolo, daucosterolo e derivati;

saponine;

glicosidi.

Sulla base di diverse analisi si credeva che i campioni di Acorus calamus diploidi fossero privi di β-asarone e che le tetraploidi avessero il contenuto più alto [77], invece si è visto che sono altri i caratteri distintivi delle accessioni povere di questo composto (peso specifico delle foglie inferiore, senescenza autunnale precoce, sviluppo tardivo in primavera) [78].

1)Wedeck, Harry E. Dictionary of aphrodisiacs. Open Road Media, 2021.

2)Bown, D. “Aroids Timber Press.” Portland Oragon, USA (1988).

3)Manniche, Lise. An ancient Egyptian herbal. University of Texas Press, 1989.

4)Sauer, Carl O. Agricultural origins and dispersals. The American Geographical Society, 1952.

5)Morgan, George R. “The ethnobotany of sweet flag among North American Indians.” Botanical Museum Leaflets, Harvard University 28.3 (1980): 235-246.

6)Dastur, J. F. “Medicinal Plants of India and Pakistan; DB Taraporevala Sons and Co.” Private ltd., Bombay (1962): 1-262.

7)Lama, S., and S. C. Santra. “Development of Tibetan plant medicine.” Science and Culture Calcutta 45.7 (1979): 262-265.

8)Li, Hui-Lin. “Hallucinogenic plants in Chinese herbals.” Botanical Museum Leaflets, Harvard University 25.6 (1977): 161-181.

9)Clarkson, Rosetta E. Magic gardens. 1992.

10)Jackson, Benjamin Daydon, ed. Catalogue of Plants Cultivated in the Garden of John Gerard, in the Years 1596-1599. Cambridge University Press, 2011.

11)Buell, Murray F. “History and uses of Calamus.” The American Botanist 41 (1935): 51-55.

12)Pandy, V., N. Jose, and H. Subhash. “CNS activity of methanol and acetone extracts of Acorus calamus leaves in mice.” Journal of Pharmacology and Toxicology 4.2 (2009): 79-86.

13)Vohora, S. B., Shaukat A. Shah, and P. C. Dandiya. “Central nervous system studies on an ethanol extract of Acorus calamus rhizomes.” Journal of ethnopharmacology 28.1 (1990): 53-62.

14)Hazra, Rimi, and Debjani Guha. “Effect of chronic administration of Acorus calamus on electrical activity and regional monoamine levels in rat brain.” Biogenic amines 17.3 (2003): 161-170.

15)VengadeshPrabu, K., et al. “Neuromodulatory effect of Acrous calamus leaves extract on dopaminergic system in mice.” International Journal of PharmTech Research 1.4 (2009): 1255-1259.

16)Shipochliev, T. “Pharmacological research into a group of essential oils-effect on the motor activity and general state of white mice in separate applications or after iproniazid phosphate.” Veterinarno-Meditsinski Nauki 5 (1968): 87-92.

17)Dandiya, P. C., et al. “Studies on Acorus Calamus, Part II: Investigation of Volatile Oil.” Journal of Pharmacy and Pharmacology 11.1 (1959): 163-168.

18)Dandiya, P. C., and H. Cullumbine. “Studies on Acorus calamus (III): some pharmacological actions of the volatile oil.” Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics 125.4 (1959): 353-359.

19)Dandiya, P. C., H. Cullumbine, and E. A. Sellers. “Studies on Acorus calamus (IV): Investigations on mechanism of action in mice.” Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics 126.4 (1959): 334-337.

20)Menon, M. K., and P. C. Dandiya. “The mechanism of the tranquillizing action of asarone from Acorus calamus Linn.” Journal of Pharmacy and Pharmacology 19.3 (1967): 170-175.

21)Dandiya, P. C., & Menon, M. K. (1965). Interaction of asarone with mescaline, amphetamine and tremorine. Life sciences.

22)Dandiya, P. C., and M. K. Menon. “Actions of asarone on behavior, stress, and hyperpyrexia, and its interaction with central stimulants.” Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics 145.1 (1964): 42-46.

23)Pandy, Vijayapandi, and Kamini Vijeepallam. “Antipsychotic-Like Activity of α-Asarone in Mice: A preliminary report.” Adv. Pharmacol. Clin. Trials 1 (2016): 000106.

24)Zanoli, Paola, Rossella Avallone, and Mario Baraldi. “Sedative and hypothermic effects induced by β‐asarone, a main component of Acorus calamus.” Phytotherapy Research: An International Journal Devoted to Pharmacological and Toxicological Evaluation of Natural Product Derivatives 12.S1 (1998): S114-S116.

25)Dasgupta, S. R., and PATRA BB. “PRELIMINARY STUDIES OF THE EFFECT OF A CHLOROFORM EXTRACTED FACTOR FROM ACORUS ALAMUS ON THE BEHAVIOR OF CONSCIOUS RHESUS MONKEY.” (1977).

26)Tripathi, A. K., and R. H. Singh. “Clinical study on an indigenous drug vaca (Acorus calamus) in the treatment of depressive illness.” J Res Ayur Siddha 16 (1995): 24-34.

27)Dhalla, N. S., and I. C. Bhattacharya. “Further studies on neuropharmacological actions of acorus oil.” Archives internationales de pharmacodynamie et de therapie 172.2 (1968): 356-365.

28)Derymedvid, L. V., L. A. Korang, and V. V. Tsyvunin. “The experimental study of psychotropic and neurotropic properties of Acorus calamus leaves.” (2019).

29)Manikandan, Sundaramahalingam, et al. “Protective effect of acorus calamus L INN on free radical scavengers and lipid peroxidation in discrete regions of brain against noise stress exposed rat.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 28.12 (2005): 2327-2330.

30)Singh, M. “Acorus calamus an Indian medicinal plant: Its effect on escape avoidance learning and general activity in albino rats.” J Sci Res plant med 10 (1989): 34-45.

31)NISHIYAMA, Nobuyoshi, Yueping ZHOU, and Hiroshi SAITO. “Ameliorative effects of chronic treatment using DX-9386, a traditional Chinese prescription, on learning performance and lipid peroxide content in senescence accelerated mouse.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 17.11 (1994): 1481-1484.

32)ZHANG, Yongxiang, et al. “Anti-aging effect of DX-9386 in senescence accelerated mouse.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 17.6 (1994): 866-868.

33)Shukla, Pradeep K., et al. “Neuroprotective effect of Acorus calamus against middle cerebral artery occlusion–induced ischaemia in rat.” Human & experimental toxicology 25.4 (2006): 187-194.

34)Rabadia, Jay, et al. “Neuroprotective effect of Acorus Calamus on a rat model of parkinson’s disease induced by 6-hydroxydopamine.” Asian Journal of Pharmacology and Toxicology 2.03 (2014): 16-24.

35)Houghton, P. J., et al. “Acetylcholinesterase inhibition of oil from Acorus calamus rhizome.” Planta Medica 72.11 (2006): P_042.

36)Oh, M. H., et al. “Screening of Korean herbal medicines used to improve cognitive function for anti-cholinesterase activity.” Phytomedicine 11.6 (2004): 544-548.

37)Houghton, P. J., et al. “Asarones in Acorus calamus and their acetylcholinesterase inhibition.” JOURNAL OF PHARMACY AND PHARMACOLOGY. Vol. 58. 1 LAMBETH HIGH ST, LONDON SE1 7JN, ENGLAND: PHARMACEUTICAL PRESS-ROYAL PHARMACEUTICAL SOC GREAT BRITIAN, 2006.

38)Chopra, I. C., K. S. Jamwal, and B. N. Khajuria. “Pharmacological action of some common essential oil-bearing plants used in indigenous medicine. I. Pharmacological action of Acorus calamus, Curcuma zedoaria, Xanthoxylum alatum and Angelica archangelica.” The Indian journal of medical research 42.3 (1954): 381-384.

39)Madan, B. R., R. B. Arora, and K. Kapila. “Anticonvulsant, antiveratrinic and anti-arrhythmic action of Acorns calamus Linn.-an Indian indigenous drug.” Archives internationales de pharmacodynamie et de therapie 124 (1960): 201-11.

40)Arora, R. B. Cardiovascular Pharmotherapeutics of Six Medicinal Plants Indigenous to India. Hamdard National Foundation, 1965.

41)Kumar, M. Santosh, and Viswanatha Swamy Mallinathaiah Agadi Hiremath. “Cardioprotective effect of Acorus calamus against doxorubicin-induced myocardial toxicity in albino Wistar rats.” Indian Journal of Health Sciences and Biomedical Research (KLEU) 9.2 (2016): 225.

42)Mamgain, P., and R. H. Singh. “Control clinical trial of the lekhaniya drug vaca (Acorus calamus) in case of ischemic heart diseases.” J Res Ayur Siddha 15 (1994): 35-51.

43)Parab, Reshma S., and Sushma A. Mengi. “Hypolipidemic activity of Acorus calamus L. in rats.” Fitoterapia 73.6 (2002): 451-455.

44)Thakare, Malesh M., and Sanjay J. Surana. “β-Asarone modulate adipokines and attenuates high fat diet-induced metabolic abnormalities in Wistar rats.” Pharmacological research 103 (2016): 227-235.

45)Hao, Zhi-You, et al. “Alkaloids from the rhizomes of Acorus calamus and their PPARα, PPARγ, and glucokinase-activating activities.” Phytochemistry Letters 45 (2021): 37-43.

46)Haghighi, Samaneh Rahamooz, et al. “Anti-carcinogenic and anti-angiogenic properties of the extracts of Acorus calamus on gastric cancer cells.” Avicenna journal of phytomedicine 7.2 (2017): 145.

47)Bains, Jagmohan Singh, et al. “Novel lectins from rhizomes of two Acorus species with mitogenic activity and inhibitory potential towards murine cancer cell lines.” International immunopharmacology 5.9 (2005): 1470-1478.

48)Chen, Min, et al. “β‑asarone suppresses HCT116 colon cancer cell proliferation and liver metastasis in part by activating the innate immune system.” Oncology letters 21.6 (2021): 1-9.

49)Mehrotra, S., et al. “Anticellular and immunosuppressive properties of ethanolic extract of Acorus calamus rhizome.” International immunopharmacology 3.1 (2003): 53-61.

50)Shi, Guo-bing, et al. “Evaluation of the wound-healing activity and anti-inflammatory activity of aqueous extracts from Acorus calamus L.” Pakistan journal of pharmaceutical sciences 27.1 (2014).

51)Rafatullah, S., et al. “Anti-secretagogue, anti-ulcer and cytoprotective properties of Acorus calamus in rats.” Fitoterapia (Milano) 65.1 (1994): 19-23.

52)Shoba, F. Gricilda, and Molly Thomas. “Study of antidiarrhoeal activity of four medicinal plants in castor-oil induced diarrhoea.” Journal of ethnopharmacology 76.1 (2001): 73-76.

53)Gilani, Anwar ul Hassan, et al. “Antispasmodic effect of Acorus calamus Linn. is mediated through calcium channel blockade.” Phytotherapy Research: An International Journal Devoted to Pharmacological and Toxicological Evaluation of Natural Product Derivatives 20.12 (2006): 1080-1084.

54)Bose, B. C., et al. “Some aspects of chemical and pharmacological studies of Acorus calamus Linn.” Journal of the American Pharmaceutical Association (Scientific ed.) 49.1 (1960): 32-34.

55)Rajasekharan, S., and T. N. Srivastava. “Ethnobotanical study on vacha and a preliminary clinical trial on bronchial asthma.” Journal of Research in Indian Medicine, Yoga and Homoeopathy 12 (1977): 92-96.

56)Chandra, P. “A note on the preliminary study on Acorus calamus L. in the treatment of bronchial asthma.” Journal of Research in Ayurveda and Siddha 1.2 (1980): 329-330.

57)Yao, Xingang, et al. “Tatanan A from the Acorus calamus L. root inhibited dengue virus proliferation and infections.” Phytomedicine 42 (2018): 258-267.

58)Vashi, I. G., and H. C. Patel. “CHEMICAL-CONSTITUENTS AND ANTIMICROBIAL ACTIVITY OF ACORUS-CALAMUS LINN.” Comparative Physiology and Ecology 12.1 (1987): 49-51.

59)Vohra, S. B., et al. “Antibacterial, antipyretic, analgesic and anti-inflammatory studies on Acorus calamus Linn.” Annals of National Academy of Medical Sciences 25 (1989): 13-20.

60)Jain, S. R., P. R. Jain, and M. R. Jain. “Antibacterial evaluation of some indigenous volatile oils.” Planta medica 26.06 (1974): 196-199.

61)Vashi, I. G., and H. C. Patel. “CHEMICAL-CONSTITUENTS AND ANTIMICROBIAL ACTIVITY OF ACORUS-CALAMUS LINN.” Comparative Physiology and Ecology 12.1 (1987): 49-51.

62)Alankararao, G. S. J. G., and Y. Rajendra Prasad. “Antimicrobial property of Acorus calamus Linn: invitro studies.” Indian perfumer (1981).

63)Saxena, D. B., S. S. Tomar, and R. P. Singh. “Fungitoxicity of chemical components and some derivatives from Anethum sowa and Acorus calamus.” Indian Perfumer 34.3 (1990): 199-203.

64)KALEYSA, RAJ. “SCREENING OF SOME INDIGENOUS PLANTS FOR ANTHELMINTIC ACTION AGAINTS HUMAN ASCARIS LUMBRICOIDES.” (1974).

65)Singh, R. P., et al. “Nematicidal efficacy of some essential oils against Meloidogyne incognita.” Indian Perfumer 35.1 (1991): 35-37.

66)Sharma, R. D., C. Chaturvedi, and P. V. Tewari. “Helminthiasis in children and its treatment with indigenous drugs.” Ancient science of life 4.4 (1985): 245.

67)Subramaniam, T. V. “sweet flag (Acorus calamus) a potential source of valuable insecticide.” J. Bombay Nat. Hist. Sox 48 (1949): 338-341.

68)Khan MI (1986): Efficacy of Acorus calamus. L. rhizome powder against pulse beetle (Callosobruchus chinensis. L.). Pakistan Vet Res J10: 72.

69)Saxena, Bhaskar P., et al. “A new insect chemosterilant isolated from Acorus calamus L.” Nature 270.5637 (1977): 512-513.

70)Agarwal, D. C. “Insecticidal activity of Acorus calamus on stored grain insects.” (1973).

71)Saxena, B. P., and Eugenia B. Rohdendorf. “Morphological changes in Thermobia domestica under the influence of Acorus calamus oil vapours.” Experientia 30.11 (1974): 1298-1300.

72)Yao, Yingjuan, et al. “Isolation and characterization of insecticidal activity of (Z)‐asarone from Acorus calamus L.” Insect Science 15.3 (2008): 229-236.

73)Unger, Pascal, and Matthias F. Melzig. “Comparative study of the cytotoxicity and genotoxicity of alpha-and beta-asarone.” Scientia pharmaceutica 80.3 (2012): 663-668.

74)Olas, Beata, and Magdalena Bryś. “Is it safe to use Acorus calamus as a source of promising bioactive compounds in prevention and treatment of cardiovascular diseases?.” Chemico-biological interactions 281 (2018): 32-36.

75)Shah, Payal D., et al. “Toxicity study of ethanolic extract of Acorus calamus rhizome.” International Journal of Green Pharmacy (IJGP) 6.1 (2012).

76)Chen, Chu, Daniela Spriano, and Beat Meier. “Reduction of β-asarone in Acori Rhizoma by Decoction.” Planta medica 75.13 (2009): 1448-1452.

77)Ahlawat, Anita, et al. “Genetic diversity in Acorus calamus L. as revealed by RAPD markers and its relationship with β-asarone content and ploidy level.” Scientia Horticulturae 124.2 (2010): 294-297.

78)Ogra, R. K., et al. “Indian calamus (Acorus calamus L.): not a tetraploid.” Current Science (2009): 1644-1647.

L’assunzione di calamo aromatico è particolarmente controindicata per chi soffre di pressione bassa, patologie cardiache, prima di un intervento o durante gravidanza e allattamento.

L’interazione con i farmaci MAO-inibitori è pericolosa.

Gli effetti collaterali più comuni sono acidità gastrica, nausea, vomito, costipazione, tachicardia, tremori.

L’overdose acuta è pericolosa per il rischio di convulsioni, il consumo intensivo a lungo termine può contribuire all’insorgenza di cancro.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica, tribale e scientifica: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso dei prodotti, solo organizzarli in base al loro background storico e alle potenzialità farmacologiche identificate nella letteratura scientifica.

Le preparazioni sono fornite a titolo educativo: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dall’ISS o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, sementi da coltivazione, materiale botanico da collezione/esposizione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano, leggi attentamente termini e condizioni prima di effettuare un eventuale acquisto https://www.visionecurativa.it/termini-e-condizioni/

Informazioni aggiuntive

Peso N/A

1 recensione per Calamo aromatico (Acorus Calamus)

  1. Mirko

    Fa il suo dovere, meglio come tintura

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Shop
Sidebar
0 Wishlist
0 Cart
Calamo aromatico (Acorus Calamus)
5.90 Scegli

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -