Lavanda (Lavandula Officinalis) fresca

5.90

Dal profumo intenso e inconfondibile, viene largamente impiegata in cosmesi ed aromaterapia.

Vanta una lunga tradizione in medicina popolare: analisi delle infiorescenze hanno mostrato un fitocomplesso molto ricco in cui sono presenti oli essenziali, terpeni, cumarine, flavonoidi ed altri composti biologicamente attivi.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E CAMPIONATURA BOTANICA.

Svuota
5.90
condizione Secca Fresca
forma Intera In polvere Estratto alcolico
quantita 50g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MEDICINA POPOLARE (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: fiori

-infusi\ 6-15
-tintura\ 4-10ml
-fumati o vaporizzati (100-125C°)\

Viene combinata a scopo rilassante con damiana, canapa, passiflora, valeriana, erba gatta e luppolo; con menta, alloro, edera, quercia, rosa, cotone, rosmarino, finocchietto e basilico come rimedio per i disturbi gastrici.

Viene impiegata insieme a finocchietto, basilico e timo per condire carne, pesce e verdure nella cucina francese di Provenza.

La lavanda ha effetti psicotropi molto gentili: leggera stimolazione mentale e concentrazione seguite da rilassamento, calma e sonnolenza.

E’ molto diffusa anche come oneirogeno.

Medicina convenzionale
Le proprietà antidepressive, ansiolitiche, neuroprotettive, analgesiche, sedative, antinfiammatorie, antiossidanti, antitumorali ed antibatteriche della lavanda sono supportate dalla ricerca scientifica.

La lavanda è usata ancora oggi con successo nella medicina convenzionale per la cura di perdita di capelli, irritazioni cancrenose, prevenzione delle cadute senili e dolore dopo la sezione cesarea.

 

Medicina alternativa
In fitoterapia alternativa è indicata anche per demenza, complicanze dolorose post-gravidanza, irrequietezza, prurito, dermatite, coliche, costipazione, depressione, dolore mestruale, pressione alta, insonnia, pidocchi, emicranie, infezioni all’orecchio, apatia, guarigione delle ferite, inappetenza, mal di denti, acne, nausea, vomito e cancro.

Infusione fredda
-Mettere la lavanda (opzionale)in polvere in recipiente sigillabile con un volume triplo d’acqua (opzionale)distillata.
-Lasciare infondere fino a 3 giorni in frigo, scuotendo la soluzione quanto più vigorosamente e spesso possibile.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Infuso
-Mettere la lavanda (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile con volume doppio d’acqua (opzionale)distillata molto calda ma non bollente.
-Chiudere ermeticamente il barattolo e lasciare infondere finchè non diventa tiepido, si può anche avvolgere nell’alluminio per rallentare il raffreddamento
-Filtrare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Tintura
-Mettere la lavanda (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 40% per un volume di due volte superiore al materiale vegetale.
-Scuotere quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e mantenere in infusione fino a 1 settimana per la saturazione.
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Descrizione
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Asteridae
Ordine: Lamiales
Famiglia: Lamiaceae
Tribù: Lavanduleae
Genere: Lavandula
Specie: L. angustifolia
Nativo: Mediterraneo
Plant Hardiness Zone: 5-9
La lavanda (Lavandula Angustifolia) è un pianta sempreverde da fiore della famiglia della menta che cresce fino a 2m d’altezza.
Sviluppa delle foglie lunghe fino a più di 5cm e produce fiori color lavanda dalla fragranza estremamente aromatica sulla cime degli steli senza foglie.
Attira moltissimi insetti durante l’estate.

Coltivazione
La lavanda è una pianta robusta, molto semplice da coltivare:
-Pressare lievemente i semi a piena esposizione solare in un comune terreno ben drenante in primavera
-Mantenere umido il terreno fino alla germinazione
-Non necessità di cure particolari, ama il sole e resiste alla siccità.

Il nome lavanda si riferisce all’uso che ne fecero Greci e Romani nei bagni caldi.

Veniva anche usata per eliminare pulci, pidocchi e come liquido per imbalsamare.
Nella medicina araba si indicava come espettorante ed antispasmodico.
Nella medicina popolare europea si credeva invece fosse utile in pediatria per ferite e vermi.
Le si attribuivano pure proprietà miracolose contro la peste.

Ha significativi effetti sedativi sul CNS, uno studio del 2015 l’ha testata nel controllo della sindrome della gamba senza riposo dimostrandosi molto efficace e ben tollerata. Nello stesso anno un altro gruppo di ricerca ha testato la tradizionale applicazione in aromaterapia come sonnifero in studenti di college affetti da insonnia, riportando un aumento significativo nella qualità del riposo superiore alla sola terapia di igiene del sonno dopo il 5 giorno di somministrazione notturna.

E’ stata confrontata con le medicazioni convenzionali (piretrine associate a piperonil butossido, un noto composto sintetico irritante e cancerogeno per l’uomo) per l’eliminazione dei pidocchi nei bambini superandole notevolmente in efficacia terapeutica. Altri studi hanno validato l’antico impiego della pianta come insetticida e disinfettante naturale.

Uno studio del 2009 ha riportato che l’olio della pianta è in grado di inibire la germinazione di molte specie infestanti, identificando la lavanda anche come un potenziale erbicida naturale.

La lavanda contiene linalolo, perillil alcohol, linalil acetato, canfora, limonene,  cineolo, beta-cariofillene, farnascene, geraniolo, acido rosmarinico, terpineolo, tannini, triterpeni, coumarine e flavonoidi.

Il principale composto attivo sul CNS è il linalolo, ma anche canfora, linalil acetato ed acido rosmarinico contribuiscono.

Effetti psicoattivi:
Alnamer, Rachad, et al. “Toxicity and psychotropic activity of essential oils of Rosmarinus officinalis and Lavandula officinalis from Morocco.” Journal of Biologically Active Products from Nature 1.4 (2011): 262-272.
Effetti antidepressivi:
Kageyama, Aya, et al. “Antidepressant-like effects of an aqueous extract of lavender (Lavandula angustifolia Mill.) in rats.” Food Science and Technology Research 18.3 (2012): 473-479.
Effetti ansiolitici:
Shaw, David, et al. “Anxiolytic effects of lavender oil inhalation on open-field behaviour in rats.” Phytomedicine 14.9 (2007): 613-620.
Effetti sedativi:
Moss, Mark, et al. “Aromas of rosemary and lavender essential oils differentially affect cognition and mood in healthy adults.” International Journal of Neuroscience 113.1 (2003): 15-38.
Effetti neuroprotettivi:
Wang, Dong, et al. “Neuroprotective activity of lavender oil on transient focal cerebral ischemia in mice.” Molecules 17.8 (2012): 9803-9817.
Effetti analgesici ed antinfiammatori:
Hajhashemi, Valiollah, Alireza Ghannadi, and Badie Sharif. “Anti-inflammatory and analgesic properties of the leaf extracts and essential oil of Lavandula angustifolia Mill.” Journal of ethnopharmacology 89.1 (2003): 67-71.
Effetti antitumorali:
SHEN, Shou-dong, et al. “Study on antitumor effect of Lavender angustifolia extract [J].” Food Science and Technology 2 (2009): 057.
Effetti antiossidanti ed antibatterici:
Hui, Lu, et al. “Chemical composition of lavender essential oil and its antioxidant activity and inhibition against rhinitis-related bacteria.” African Journal of Microbiology Research 4.4 (2010): 309-313.

L’assunzione di lavanda è controindicata prima di un’operazione chirurgica o durante la gravidanza e l’allattamento.

Non sono note interazioni farmacologiche pericolose.

Gli effetti collaterali più comuni sono costipazione, mal di testa ed aumento d’appetito.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lavanda (Lavandula Officinalis)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -