3.90

In Stock

Da sempre sinonimo di freschezza e pulizia: viene usata in cucina, negli alcolici, nella produzione di detergenti e cosmetici.

In una ricerca su un campione di volontari affetti da disturbi della memoria la somministrazione di un estratto di menta piperita ha incrementato i punteggio nei test cognitivi, supportando il tradizionale impiego della pianta come nootropico.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E CAMPIONATURA BOTANICA.

Svuota
3.90
condizione Fresca Secca
parte Foglia Infiorescenza
forma Intera Tritata In polvere Estratto alcolico
quantita 10g 50g 100g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MEDICINA POPOLARE (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: foglia, infiorescenza

-infusa\ 4-12g
-tintura 1:1\ 2-10ml
-fumata o vaporizzata (125-150C°)\ 

Viene combinata con zenzero, cannella, miele e lemon verbena èper trattare tosse e gola irritata.

Viene impiegata insieme a basilico, origano e limone per condire le insalate nella cucina greca ed italiana.

Medicina convenzionale
Le proprietà stimolanti [5], energizzanti [9], broncodilatatrici [11], cardioprotettive [12], dimagranti [15], ipolipidiche [15], ipoglicemiche [15], sedative [16], ipotensive [16], sonniferi [17], adattogeniche [20], ansiolitiche [21], MAO-inibitorie [23], antidepressive [25], anestiche [30], analgesiche [31], nootropiche [32], anticolinesterasiche [34], antietà [35], antiossidanti [36], neuroprotettive [37], antiadditive [39], antiemetiche [40], antispasmodiche [43], antidispeptiche [45], antisecretorie [46], gastroprotettive [47], epatoprotettive [48], nefroprotettive [49], antitumorali [53], genoprotettive [53], antiallergiche [56], antivirali [58], antinfiammatorie [60], antibatteriche [61], antimicotiche [65], citorigeneranti [67], pesticide [69] della menta piperita e dei suoi fitocostituenti sono supportate dalla ricerca scientifica.

L’olio essenziale viene indicato per il trattamento  della sindrome del colon irritabile.

 

Medicina alternativa
In fitoterapia alternativa viene impiegata come rimedio per scarsa memoria, irsutismo, sindrome dell’intestino irritabile, gas intestinale, indigestione, nausea, gola irritata, diarrea, freddo, mal di testa, mal di denti, crampi, cancro, artrite, dolore muscolare e malattie della pelle.

Infusione fredda
-Mettere la menta (opzionale)in polvere in recipiente sigillabile con un volume triplo d’acqua (opzionale)distillata.
-Lasciare infondere fino a 3 giorni in frigo, scuotendo la soluzione quanto più vigorosamente e spesso possibile.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Infuso
-Mettere la menta (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile con volume doppio d’acqua (opzionale)distillata molto calda ma non bollente.
-Chiudere ermeticamente il barattolo e lasciare infondere finchè non diventa tiepido, si può anche avvolgere nell’alluminio per rallentare il raffreddamento
-Filtrare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Tintura
-Mettere la menta (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 40% per un volume di due volte superiore al materiale vegetale.
-Scuotere quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e mantenere in infusione fino a 2 settimane per la saturazione.
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Descrizione
Ordine: Lamiales
Famiglia: Lamiaceae
Sottofamiglia: Nepetoideae
Tribù: Mentheae
Genere: Mentha
Specie: M. piperita
Nativo: Europa, Asia
Plant Hardiness Zone: 4-11
La menta piperita (Mentha piperita) è una pianta aromatica perenne che cresce fino a 1m d’altezza, ha radici molto robuste.
Lo stelo è squadrato, sviluppa delle foglie lunghe fino a quasi 10cm di forma ovale e dai margini ruvidi.
Produce sottili infiorescenze bianco-rosate lunghe fino a 3mm dall’aroma molto forte che attrae tantissimi insetti.

Coltivazione
La menta è una pianta robusta, molto semplice da coltivare:
-Pressare lievemente i semi a distanza di 90cm l’uno dall’altro in un contenitore con un comune terriccio a mezza esposizione solare ben drenante ad inizio primavere
-Mantenere umido il terriccio fino alla germinazione (12-16 giorni)
-Non necessità di cure particolari, ama il sole e resiste alla siccità.

Nella mitologia greca Proserpina trasformò Mintha, una ninfa e rivale amorosa, in menta: il nome della pianta in Greco significa “bellezza mutata”.
La pianta era nota come fonte alimentare e medicina ad antichi Greci e Romani [1].

La Mentha piperita veniva coltivata dagli Egiziani: nel Papiro Ebers, un antico testo medico risalente al 1550 a.C., il decotto di foglie veniva indicato come rimedio per ansia e coliche gastriche.
Era anche impiegata come una forma di moneta, del fogliame secco è stato rinvenuto nelle piramidi [2].

Viene menzionata in Matteo XXIII come un’erba dal grande valore usata dai Farisei come decima.

Nella regione Arabica e Nord-africana la Mentha piperita costituisce l’aroma principale del te Tuareg.

In Iran vanta una lunga tradizione come carminativo, stimolante, tonico, antivirale ed antimicotico.

Nella Medicina Tradizionale Cinese il decotto a base di menta piperita viene consumato contro nausea, vomito, dolore addominale, indigestione e disturbi epatici.
L’olio viene applicato localmente per trattare dolori articolari e punture d’insetto, oltre che impiegato in aromaterapia per favorire la concentrazione e le capacità cognitive.

In Europa viene usata da sempre in medicina popolare nel trattamento di spasmi dolorosi, disturbi mestruali, reumatismi, dolori muscolari, pressione bassa, mal di testa, infezioni, raffreddori, disturbi gastrici, mal di gola, tosse, bronchite, infiammazioni del cavo orale, mal di denti, crampi e cancro.
Nel corso del XIV secolo si diffusero dentifrici a base di menta per lo sbiancamento dei denti (il mentolo è uno degli ingredienti ancora oggi più diffusi).

Nel British Herbal Compendium viene indicata come rimedio per coliche, dispepsia, disturbi biliari e flatulenza.
Il naturalista inglese William Turner vanta le proprietà aromatiche e favorenti la funzione gastrica della pianta.
Il cortigiano Thomas Culpeper raccolse oltre 40 diverse indicazioni medicinali tra cui anche miglioramento della memoria e delle capacità cognitive, tuttavia se applicata sui feriti impediva la rimarginazione delle ferite.
Nel XVII secolo l’erborista Jonh Gerard scrisse che l’aroma della menta dava gioia, coraggio e combatteva , l’applicazione esterna curava occhi lucidi, ferite e infiammazioni.
Il collega John Parkinson affermò che i bagni a base di menta rinforzavano le cartilagini e i nervi; l’uso interno favoriva la digestione, combatteva la scabbia e l’insonnia.

In Islanda la Mentha piperita ha una lunga tradizione come aroma naturale per cibi e tisane [3].

In Germania la tisana di menta piperita si beve ancora oggi per supportare la funzione gastrica ed urinaria.

In Italia gli anziani bevevano l’infuso a base di foglie e fiori per alleviare i disturbi epatici [4].

STIMOLANTE, ENERGIZZANTE, BRONCORILASSANTE, CARDIOPROTETTIVO
La somministrazione intraperitoneale di olio essenziale di menta piperita ha indotto un drastico aumento nell’attività deambulatoria delle cavie.
Alcuni composti isolati dalla pianta (eucaliptolo, isomentone, mentolo, pulegone, mentilacetato e cariofillene) hanno dimostrato una simile azione suggerendo che siano loro i componenti psicoattivi.
Per via intravenosa sono risultati molto più potenti [5].
In una ricerca successiva l’olio essenziale ha ridotto la frequenza di evitamento agli alti dosaggi (800 mg/kg) in seguito ad un effetto atassico similmente alla dizolcilpina, un antagonista NMDA con effetti stimolanti [6].
In esperimenti precedenti l’isoborneolo, un monoterpene della menta, aveva incrementato la motilità dei topi, alleviando però l’iperagitazione da caffeina [7].

La somministrazione sublinguale dell’olio essenziale di Mentha piperita ha ridotto i tempi di reazione uditivi e visivi, inoltre ha potenziato la funzione respiratoria e la performance fisica nei test di forza [8].
L’inalazione dell’adore ha incrementato la performance aerobica di un gruppo di atleti universitari [9].
In esperimenti precedenti l’aroma ha ridotto carico di lavoro fisico e pressione temporale durante gli esercizi [10].

Ricerche più recenti hanno mostrato come l’olio volatile ritardi l’onset della fatica controllando i livelli di lattato sanguigni, in più agisce sui muscoli lisci dei bronchi riducendone il tono [11].
L’inalazione provoca l’abbassamento della frequenza cardiaca e delle pressione sanguigna sistolica [12].

DIMAGRANTE, IPOLIDICO, IPOGLICEMICO
L’olio essenziale di Mentha piperita stimola il metabolismo dei carboidrati con potenziali benefici per l’energia muscolare [11].
Una tisana e del succo hanno ridotto colesterolo, LDL, intake di cibo e aumento ponderale dei ratti [13].
In un altro esperimento il succo ha provocato l’abbassamento dei livelli di glucosio, colesterolo, LDL e trigliceridi nei ratti diabetici [14].
Analisi effettuate su studenti universitari hanno mostrato che la somministrazione di succo di menta fresca fosse associata alla riduzione nelle glicemia, colesterolo totale, trigliceridi, LDL e BMI [15].

SEDATIVO, IPOTENSIVO, SONNIFERO,
Da una review si evince la pronunciata attività ipotensiva e sedativa degli estratti di Mentha piperita [16].

Isopulegolo, neoisopulegolo, mirtenolo, mentenolo, neomentolo presenti nell’olio essenziale della pianta hanno incrementato la durata del sonno nel modello animale da pentobarbital.
I più potenti sono risultati neoisopulegolo e mentenolo dimostrando l’importanza del centro stereogenico presso il terzo atamo di carbonio per l’interazione recettoriale [17].
L’inalazione di eucaliptolo e il linalolo, altri due monoterpeni, ha indotto significativi effetti sedativi negli umani [18].
Il mentolo è un potente modulatore allosterico dei recettori GABA-A e della glicina, potenzia la neurotrasmissione inibitoria [19].

ADATTOGENO, ANSIOLITICO
Un estratto di Mentha piperita ha ridotto lo stress nel modello animale da contenimento riducendo i livelli di corticosterone plasmatici e ripristinando il normale matabolismo cerebrale di serotonina e dopamina.
In più ha alleviato l’ansia indotta dallo stress [20].
In una recente ricerca l’aroma dell’olio essenziale ha ridotto l’ansia dei pazienti sottoposti a colonscopia [21].
E’ risultata superiore a Bambusa polymorpha e diazepam come ansiolitico nei modelli animali [22].

MAO-INIBITORE
Estratti di diversi tipi di menta (acquatica, longifolia, pulegium, suaveolens, piperita) hanno mostrato proprietà inibitorie sull’enzima MAO-A, la più potente è proprio la piperita [23].
In altri esperimenti ha dimostrato di inibire moderatamente anche il MAO-B [24].

ANTIDEPRESSIVO
Un estratto etanolico di Mentha piperita ha dimostrato effetti antidepressivi nei topi mediati dalla modulazione dei recettori D1 e D2 della dopamina, α1- e α2-adrenergici, 5-HT1a e 5-HT2a della serotonina.
A dosaggi sottosoglia ha comunque potenziato l’azione di fluoxetina ed imipramina, noti farmaci antidepressivi [25].
In alcune ricerche successive ha ridotto i tempi di immobilità delle cavie e il punteggio nel nuoto forzato proprio come un agente serotoninergico [26] [27].
Il mentolo agisce sul sistema dopaminergico alleviando i sintomi depressivi [28].

ANESTETICO, ANALGESICO
L’olio essenziale di menta è risultato efficace e sicuro come sedativo ed anestetico per i pesci tropicali [29].
Il mentolo ha dimostrato effetti anestetici locali in diversi modelli in-vitro e in-vivo [30].

In alcuni esperimenti sui topi ha manifestato proprietà analgesiche dovute all’attivazione selettiva dei recettori k-oppioidi [31].

NOOTROPICO, ANTICOLINESTERASICO
Un infuso a base di foglie fresche di Mentha piperita ha migliorato i punteggi dei test mnemonici di un campione di studenti universitari, oltre ad incrementare la qualità del sonno e a ridurre i sintomi ansiosi [32].
In un altra ricerca la tisana ha potenziato memoria a lungo termine, velocità mnemonica e vigilanza soggettiva [33].
In uno studio randomizzato a doppio cieco su 24 soggetti sani l’olio essenziale ha migliorato la performance cognitiva e ridotto la fatica mentale associata ai test di lunga durata attraverso l’attività di inibizione dell’acetilcolinesterasi, regolatoria dei canali del calcio e GABA-A/nicotinica [34].

ANTIETA’, ANTIOSSIDANTE, NEUROPROTETTIVO
Estratti di Mentha piperita hanno incrementato l’espressione del gene antietà Nanog ed abbassato quelli prosenescenza (P53 and NF-kB) [35].

Le proprietà anticolinesterasiche, nootropiche, neuroprotettive, antiamiloidi ed antiossidanti dei composti volatili ne fanno un potenziale supporto completo contro disturbi neurodegenerativi e sintomi fisiologici dell’invecchiamento [36].
Estratti di menta piperita inibiscono la glicogeno sintasi chinasi (GSK-3β) con valori IC50 sotto i 15 μg/mL, potrebbero avere potenziali applicazioni nel trattamento di Alzheimer o disturbo bipolare [37].

ANTIADDITIVO
Un estratto di Mentha piperita ha ridotto i sintomi d’astinenza da morfina dei topi [38].
I risultati sono stati confermati da un esperimento più recente [39].

ANTIEMETICO
Le potenti proprietà antiemetiche dell’olio essenziale di menta piperita e del mentolo sono dovute all’azione sui recettori 5-HT3 della serotonina [40].
Agisce come un antagonista non competitivo ed un inibitore allosterico per questi recettori [41].
In una ricerca su pazienti oncologici ha ridotto vomito, l’intensità e durata della nausea dovute alla chemioterapia dimostrandosi un’alternativa più economica e tollerabile del sintetico, granisetron [42].

ANTISPASMODICO, ANTIDISPEPTICO, ANTISECRETORIO, GASTROPROTETTIVO
Un estratto acquoso di Mentha piperita ha ridotto gli spasmi dell’ileo distale delle cavie indotti elettricamente, l’azione è attribuibile, almeno in parte, al blocco del recettore  α1-adrenergico [43].
L’applicazione tradizionale come rimedio per i disturbi aerei è supportata da evidenze sperimentali, l’olio essenziale agisce modulando l’attività dell’ossido nitrico sintasi e dei gangli autonomi che producono NO, oltre a stimolare la produzione di prostaglandina E2 nelle cellule muscolari lisce, bronchiali e dell’epitelio alveolare [44].

In uno studio a doppio cieco su bambini affetti da colica infantile la somministrane di un preparato liquido a base di foglie di menta ha ridotto la frequenza e la durata dei dolori crampiformi in maniera analoga al simeticone, farmaco antidispeptico sintetico [45].
Una sospensione di foglie secche in polvere di menta ha protetto la mucosa gastrica dai danni da indometacina, etanolo, idrossido di sodio e cloruro di sodio inibendo la secrezione gastrica basale e stimolando la secrezione di muco [46].
Una formula a base di Ulmus fulva e Mentha piperita ha ridotto i sintomi di irritazione gastrica e malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) in maniera più soddisfacente dei classici farmaci antacidi [47].

EPATOPROTETTIVO, NEFROPROTETTIVO
Un estratto di foglie di menta ha ridotto l’attività di perossidazione lipidica, fosfatasi alcalina, aspartato transaminasi e alanina transaminasi incrementando contemporaneamente LDH, GSH e il peso delle cavie.
La pianta stabilizza le membrane biologiche preservando il livello di antiossidanti epatici [48].
Estratti di Mentha piperita hanno alleviato la nefrotossicità da cadmio [49] e gentamicina [50]; un infuso ha ridotto microalbumina, urea, acido urico e l’accumulo renale di proteine infiammatorie associate alla nefropatia diabetica [51].
L’olio essenziale ha protetto fegato e reni dei ratti trattati con tetracloruro di carbonio (CCl4), ripristindando i parametri enzimatici ed alleviando le lesioni istopatologiche associate [52].

ANTITUMORALE, GENOPROTETTIVO
Un estratto acquoso a base di foglie di Mentha piperita ha inibito la crescita delle cellule del papilloma della pelle bloccandole nelle fase S.
In più ha abbassato la letalità delle radiazioni γ proteggendo i cromosomi [53].
In altri esperimenti ha ridotto incidenza di tumore ai polmoni, frequenza di aberazzioni cromosomiche e micronuclei nelle cellule del modollo spinale.
I ricercatori ipotizzano l’azione possa essere dovuta alle proprietà antiossidanti dell’estratto [54].
I polisaccaridi estratti dalla pianta hanno inibito la crescita delle cellule dell’adenocarcinoma umano A549 e l’azione di DNA topoisomarasi I, oltre ad esprimere una notevole azione antiossidante [55].

ANTIALLERGICO
Un estratto alcolico a base di foglie di menta ha inibito il rilascio di istamina dalle cellule mastocitarie peritoneali dei ratti alleviando i sintomi respiratori associati alla rinite sperimentalmente indotta [56].
L’azione antistaminica è dovuta principalmente ai glicosidi flavonoidici, tra questi il più potente è risultato il O-rutinoside [57].

ANTIVIRALE, ANTINFIAMMATORIO
Estratti di Mentha piperita sono attivi nei confronti dei virus di Malattia di Newcastle (ND), Herpes simplex, vaccinia, foresta di Semliki e Nilo occidentale [58].
Esperidina, rutina e isoroifolina presenti nelle foglie di menta possono inibire le proteasi contenute nel virus SARS-CoV-2 [59].
Un estratto etanolico ha mostrato un alta selettività per il Virus respiratorio sinciziale umano (RSV), in più ha ridotto la produzione di NO, TNF-α, IL-6, and PGE2 nelle cellule RAW 264.7 stimolate con dal lipopolisaccaride [60].

ANTIBATTERICO, ANTIMICOTICO, CITORIGENERANTE
Estratti a base di foglie, steli e radici di menta piperita sono risultati attivi su Bacillus subtilis, Streptococcus pneumonia, Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Proteus vulgaris e Klebsiella pneumonia [61].
E’ dotata di forti proprietà antibatteriche nei confronti di Streptococcus mutans e Lactobacillus acidophilus, batteri responsabili della carie dentale [62]; il mentolo è efficace come agente antiplacca e antigengiviti [63].
L’olio essenziale ha contrastato la crescita di Staphylococcus aureus, Micrococcus flavus, Bacillus subtili, Staphylococcus epidermidis e Salmonella enteritides.
In più è efficace contro diverse specie fungine tra cui Alternaria alternaria, Fusarium tabacinum, Penicillum spp., Fusarium oxyporum ed Aspergillus fumigates [64].
In altri esperimenti ha inibito la formazione del biofilm di Candida albicans e dubliniensis [65].

L’applicazione locale dell’olio volatile di Mentha piperita sulle ferite infette dei topi ha ridotto infiltrazione batterica, edema e stimolato fibroblasti, sintesi del collagene e riepitelizzazione sovraregolado l’espressione dei geni CCL2, CXCL1, IL-1β, TGF-β1 e IL-10 e sottoregolando quella di TNF-α, VEGF e FGF-2 [66].
L’olio fisso non volatile ha promosso la contrazione della ferita e la riepitelizzazione della ferita nel modello animale da asportazione chirurgica [67].

PESTICIDA
L’olio essenziale di menta piperita ha dimostrato potenti effetti pesticidi nei confronti di Sitophilus oryzae e Tribolium castaneum, noti parassiti del frumento, inibendo l’acetilcolinesterasi degli insetti con conseguente squilibrio ossidativo [68].
In un altra ricerca è risultato efficace contro la mosca domestica [69].

Flavonoidi: rutina, O-rutinoside, esperidina, isoroifolina, eriocitrina, narirutina, esperina, luteolina, diosmina, acido rosmarinico, campferolo, sorbifolina, nobiletina, salvigenina, pebrellina, timusina, timonina, apigenina, ladaneina, acacetina, sideritoflavone, xantomicrolo, gardenina D;

terpenoidi: mentolo, neomentolo, mentone, isomentone, acetato di metile, pulegone, isopulegone, piperitone, piperitenone, isopiperitenone, piperitolo, piperitenolo, isopiperitenolo, elemene, bulgarene, cadinene, eucaliptolo, mentofurano, pinene, limonene, p-cimene, cuparene, neoisopulegolo, mirtenolo, mentenolo, neomentenolo, linalolo, cariofillene;

cumarine: esculetina;

steroidi;

saponine;

tannini.

Le foglie essiccate al buio, come le nostre, hanno un contenuto di olio essenziale più alto di quelle processate al sole o con mezzi artificiali [70].

1)Balakrishnan, Aishwarya. “Therapeutic uses of peppermint-a review.” Journal of pharmaceutical sciences and research 7.7 (2015): 474.

2)Elansary, Hosam O., and Nader A. Ashmawy. “Essential oils of mint between benefits and hazards.” Journal of Essential Oil Bearing Plants 16.4 (2013): 429-438.

3)Mahendran, Ganesan, and Laiq‐Ur Rahman. “Ethnomedicinal, phytochemical and pharmacological updates on Peppermint (Mentha× piperita L.)—A review.” Phytotherapy Research 34.9 (2020): 2088-2139.

4)Leporatti, Maria Lucia, and Stephanie Ivancheva. “Preliminary comparative analysis of medicinal plants used in the traditional medicine of Bulgaria and Italy.” Journal of ethnopharmacology 87.2-3 (2003): 123-142.

5)Umezu, Toyoshi, Akiko Sakata, and Hiroyasu Ito. “Ambulation-promoting effect of peppermint oil and identification of its active constituents.” Pharmacology Biochemistry and Behavior 69.3-4 (2001): 383-390.

6)Umezu, Toyoshi. “Evaluation of the effects of plant‐derived essential oils on central nervous system function using discrete shuttle‐type conditioned avoidance response in mice.” Phytotherapy Research 26.6 (2012): 884-891.

7)Buchbauer, Gerhard, et al. “Fragrance compounds and essential oils with sedative effects upon inhalation.” Journal of pharmaceutical sciences 82.6 (1993): 660-664.

8)Meamarbashi, Abbas. “Instant effects of peppermint essential oil on the physiological parameters and exercise performance.” Avicenna Journal of Phytomedicine 4.1 (2014): 72.

9)Esfangreh, Asgar Shahr, Mohammad Ali Azarbaijani, and Bahloul Habibi. “Effects of mentha piperita inhalation on some factors of physical and movement performance of male athletes students.” Phys Ed Sport 11.1 (2011): 40-42.

10)Raudenbush, Bryan, Brian Meyer, and Bill Eppich. “The effects of odors on objective and subjective measures of athletic performance.” International Sports Journal 6.1 (2002): 14-27.

11)Meamarbashi, Abbas, and Ali Rajabi. “The effects of peppermint on exercise performance.” Journal of the International Society of Sports Nutrition 10.1 (2013): 1-6.

12)Simpson, William F., et al. “The effect of aromatherapy on exercise performance.” Kinesiology On-Line 9.22 (2001).

13)Barbalho, Sandra Maria, et al. “Mentha piperita effects on wistar rats plasma lipids.” Brazilian Archives of Biology and Technology 52 (2009): 1137-1143.

14)Barbalho, Sandra M., et al. “Metabolic profile of offspring from diabetic Wistar rats treated with Mentha piperita (peppermint).” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2011 (2011).

15)Barbalho, Sandra Maria, et al. “Investigation of the effects of peppermint (Mentha piperita) on the biochemical and anthropometric profile of university students.” Food Science and Technology 31 (2011): 584-588.

16)Zudova, E. Y. “Investigation of the perspective type of medicinal raw material with hypotensive activity.” (2017).

17)de Sousa, Damião Pergentino, et al. “Sedative effect of monoterpene alcohols in mice: a preliminary screening.” Zeitschrift für Naturforschung C 62.7-8 (2007): 563-566.

18)Sugawara, Yoshiaki, et al. “Sedative effect on humans of inhalation of essential oil of linalool: Sensory evaluation and physiological measurements using optically active linalools.” Analytica Chimica Acta 365.1-3 (1998): 293-299.

19)Hall, Adam C., et al. “Modulation of human GABAA and glycine receptor currents by menthol and related monoterpenoids.” European journal of pharmacology 506.1 (2004): 9-16.

20)Parveen, Tahira, et al. “Antistress effect of Mentha piperita in rats and the role of brain serotonin and dopamine.” Asian Journal of Pharmaceutical & Biological Research (AJPBR) 2.1 (2012).

21)Mogharab, Marzieh, Kazem Ayoubzadeh, and Gholam Reza Sharif-zadeh. “Effect of peppermint aromatherapy on the level of anxiety in patients undergoing colonoscopy.” Medical-Surgical Nursing Journal 6.1 (2017).

22)Tunna, Tasnuva, et al. “A Comparative in Vivo Study on Bambusa Polymorpha, Mentha Piperita and Clitoria Ternatea as Alternative Anxiolytic.” European Journal of Medical and Health Sciences 2.3 (2020).

23)López, Víctor, et al. “Neuroprotective and neurochemical properties of mint extracts.” Phytotherapy Research 24.6 (2010): 869-874.

24)Mazzio, E., et al. “High throughput screening to identify natural human monoamine oxidase B inhibitors.” Phytotherapy Research 27.6 (2013): 818-828.

25)Abbasi-Maleki, Saeid, Azam Bakhtiarian, and Vahid Nikoui. “Involvement of the monoaminergic system in the antidepressant-like effect of the crude extract of Mentha piperita (Lamiaceae) in the forced swimming test in mice.” Synergy 5 (2017): 21-28.

26)Abbasi Maleki, Saeid, Azam Bakhtiarian, and Vahid Nikoui. “The Antidepressant-Like Effect of the Ethanolic Extract of Mentha Piperita in Forced Swimming Test and Tail Suspension Test in Male Mice.” scientific journal of ilam university of medical sciences 26.4 (2018): 34-42.

27)Andisa, Elvania, and Lulu L. Fitri. “Peppermint (Mentha piperita) as Antidepressant on Male Wistar Rat (Rattus norvegicus) Exposed to Blue Light.” Jurnal Matematika dan Sains 23.1 (2019): 1-6.

28)Mohaghegh Daghigh, Golareh, Linda Soeibipour, and Sabina Abakelia. “The antidepressant-like effects of menthol through dopaminergic system using forced swimming test in a mice model.” GMJ Medicine 3.1 (2019): 125-131.

29)Can, Erkan, and ESMA SÜMER. “Anesthetic and sedative efficacy of peppermint (Mentha piperita) and lavender (Lavandula angustifolia) essential oils in blue dolphin cichlid (Cyrtocara moorii).” Turkish Journal of Veterinary and Animal Sciences 43.3 (2019): 334-341.

30)Galeotti, N., Ghelardini, C., Di Cesare Mannelli, L., Mazzanti, G., Baghirolli, L., Bartolini, A., 2001. Local anesthetic activity of (+)- and (-)-menthol. Planta Med. 67, 174 – 176

31)Galeotti, Nicoletta, et al. “Menthol: a natural analgesic compound.” Neuroscience letters 322.3 (2002): 145-148.

32)Abdelhalim, Abeer R. “The effect of Mentha piperita L. on the mental health issues of university students: A pilot study.” Journal of Pharmacy & Pharmacognosy Research 9.1 (2021): 49-57.

33)Moss, Mark, et al. “Acute consumption of peppermint and chamomile teas produce contrasting effects on cognition and mood in healthy young adults.” Plant Science Today 3.3 (2016): 327-336.

34)Kennedy, David, et al. “Volatile terpenes and brain function: investigation of the cognitive and mood effects of Mentha× Piperita L. essential oil with in vitro properties relevant to central nervous system function.” Nutrients 10.8 (2018): 1029.

35)Sarikhani, Manizheh, et al. “Anti-aging effects of peppermint (Mentha piperita L.) and Shirazi thyme (Zataria multiflora Boiss.) plant extracts.” Food Bioscience 41 (2021): 100930.

36)Ayaz, Muhammad, et al. “Neuroprotective and anti-aging potentials of essential oils from aromatic and medicinal plants.” Frontiers in aging neuroscience 9 (2017): 168.

37)Gürbüz, Perihan, et al. “Potential anti-Alzheimer effects of selected Lamiaceae plants through polypharmacology on glycogen synthase kinase-3β, β-secretase, and casein kinase 1δ.” Industrial Crops and Products 138 (2019): 111431.

38)Vafaei, Abbas Ali, et al. “Effects of Valeriane officinalis, Satureja hortensis, and Mentha piperita extracts on the withdrawal syndrome signs in mice.” Koomesh (2011): 342-347.

39)Khajeh, N., A. Eidi, and J. Zarringhalam. “The Effect of Ethanol Extract of Aerial Parts of the Mentha piperita in the Acquisition, Tolerance Expression and Dependence to Morphine in Adult Male Mice.” Armaghane danesh 20.1 (2015): 53-65.

40)Heimes, Katharina, Florian Hauk, and Eugen J. Verspohl. “Mode of action of peppermint oil and (‐)‐menthol with respect to 5‐HT3 receptor subtypes: binding studies, cation uptake by receptor channels and contraction of isolated rat ileum.” Phytotherapy Research 25.5 (2011): 702-708.

41)Ashoor, Abrar, et al. “Correction to “Menthol inhibits 5-HT3 receptor–mediated currents”.” (2013).

42)Tayarani-Najaran, Z., et al. “Antiemetic activity of volatile oil from Mentha spicata and Mentha× piperita in chemotherapy-induced nausea and vomiting.” ecancermedicalscience 7 (2013).

43)Moutinho, Carla, et al. “Antispasmodic activity of aqueous extracts from Mentha x piperita native from Trás-os-Montes region (Portugal).” (2013).

44)de Sousa, Albertina Antonielly Sydney, et al. “Antispasmodic effect of Mentha piperita essential oil on tracheal smooth muscle of rats.” Journal of ethnopharmacology 130.2 (2010): 433-436.

45)Alves, João Guilherme Bezerra, Rita de Cássia Coelho Moraes de Brito, and Telma Samila Cavalcanti. “Effectiveness of Mentha piperita in the treatment of infantile colic: a crossover study.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2012 (2012).

46)Rafatullah, Syed, et al. “Antisecretagogue, antiulcer and cytoprotective effects of’Peppermint (Mentha piperita L.) in laboratory animals.” J. Med. Sci 6.6 (2006): 930-936.

47)Setright, Russell. “Prevention of symptoms of gastric irritation (GERD) using two herbal formulas: an observational study.” Journal of the Australian Traditional-Medicine Society 23.2 (2017): 68-71.

48)Sharma, Ambika, Mukesh Kumar Sharma, and Madhu Kumar. “Protective effect of Mentha piperita against arsenic‐induced toxicity in liver of Swiss Albino mice.” Basic & clinical pharmacology & toxicology 100.4 (2007): 249-257.

49)Thangapandiyan, S., N. C. Sumedha, and S. Miltonprabu. “Mentha piperita protects against Cadmium induced oxidative renal damage by restoring antioxidant enzyme activities and suppressing inflammation in rats.” Inter. J. Pharmacol. Toxicol 1.2 (2013): 17.

50)Ullah, Naveed, et al. “Mentha piperita in nephrotoxicity–a possible intervention to ameliorate renal derangements associated with gentamicin.” Indian journal of pharmacology 46.2 (2014): 166.

51)Figueroa-Pérez, Marely G., et al. “Diabetic nephropathy is ameliorated with peppermint (Mentha piperita) infusions prepared from salicylic acid-elicited plants.” Journal of Functional Foods 43 (2018): 55-61.

52)Bellassoued, Khaled, et al. “Protective effects of Mentha piperita L. leaf essential oil against CCl 4 induced hepatic oxidative damage and renal failure in rats.” Lipids in health and disease 17.1 (2018): 1-14.

53)Kumar, Ashok, et al. “Anticancer and radioprotective potentials of Mentha piperita.” Biofactors 22.1-4 (2004): 87-92.

54)Samarth, R. M., Meenakshi Panwar, and Ashok Kumar. “Modulatory effects of Mentha piperita on lung tumor incidence, genotoxicity, and oxidative stress in benzo [a] pyrene‐treated Swiss albino mice.” Environmental and molecular mutagenesis 47.3 (2006): 192-198.

55)Liu, Xin, et al. “Extraction, preliminary characterization and evaluation of in vitro antitumor and antioxidant activities of polysaccharides from Mentha piperita.” International journal of molecular sciences 15.9 (2014): 16302-16319.

56)Inoue, Toshio, et al. “Effects of peppermint (Mentha piperita L.) extracts on experimental allergic rhinitis in rats.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 24.1 (2001): 92-95.

57)Inoue, Toshio, et al. “Antiallergic effect of flavonoid glycosides obtained from Mentha piperita L.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 25.2 (2002): 256-259.

58)Herrmann Jr, Ernest C., and Louis S. Kucera. “Antiviral Substances in Plants of the Mint Family (Labiatae). III. Peppermint (Mentha piperita) and other Mint Plants.” Proceedings of the Society for Experimental Biology and Medicine 124.3 (1967): 874-878.

59)Serlahwaty, Diana, and Cindy Giovani. “IAI CONFERENCE: In silico screening of mint leaves compound (Mentha piperita L.) as a potential inhibitor of SARS-CoV-2.” Pharmacy Education 21.2 (2021): 81-86.

60)Li, YuXian, et al. “In vitro antiviral, anti-inflammatory, and antioxidant activities of the ethanol extract of Mentha piperita L.” Food science and biotechnology 26.6 (2017): 1675-1683.

61)Sujana, Para, et al. “Antibacterial activity and phytochemical analysis of Mentha piperita L.(Peppermint)—An important multipurpose medicinal plant.” (2013).

62)Fayed, M. A. “Mentha Piperita L.-A promising dental care herb mainly against cariogenic bacteria.” Universal Journal of Pharmaceutical Research 4.3 (2019): 33-38.

63)Ali, Nidhal A., Maha J. Abbas, and Fouad H. Al-Bayaty. “Evaluation of potential effect of menthol solution on oral hygiene status of dental students in a university in Iraq.” Tropical Journal of Pharmaceutical Research 14.4 (2015): 687-692.

64)Desam, Nagarjuna Reddy, et al. “Chemical constituents, in vitro antibacterial and antifungal activity of Mentha× Piperita L.(peppermint) essential oils.” Journal of King Saud University-Science 31.4 (2019): 528-533.

65)Saharkhiz, Mohammad Jamal, et al. “Chemical composition, antifungal and antibiofilm activities of the essential oil of Mentha piperita L.” International Scholarly Research Notices 2012 (2012).

66)Modarresi, Mohammad, Mohammad-Reza Farahpour, and Behzad Baradaran. “Topical application of Mentha piperita essential oil accelerates wound healing in infected mice model.” Inflammopharmacology 27.3 (2019): 531-537.

67)Boukeloua, Ahmed, Mustafa Abdullah Yilmaz, and Hamdi Temel. “Effect of Mentha piperita L. fatty oil on full thickness excised wound healing in rabbits.”

68)Rajkumar, Vallavan, et al. “Toxicity, antifeedant and biochemical efficacy of Mentha piperita L. essential oil and their major constituents against stored grain pest.” Pesticide biochemistry and physiology 156 (2019): 138-144.

69)Bosly, A. Hanan. “Evaluation of insecticidal activities of Mentha piperita and Lavandula angustifolia essential oils against house fly, Musca domestica L.(Diptera: Muscidae).” Journal of Entomology and Nematology 5.4 (2013): 50-54.

70)Arab, H., Y. Niknezhad, and H. Fallah. “Comparative study on the effect of different methods of drying on Mentha piperita essence.” International Journal of Biosciences (IJB) 6.2 (2015): 157-163.

L’assunzione di menta è particolarmente controindicata in caso di diarrea o durante la gravidanza e l’allattamento.

Non si conoscono interazioni farmacologiche pericolose.

Gli effetti collaterali più comuni sono bruciore gastrico, bocca secca, nausea e vomito.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica, tribale e scientifica: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso dei prodotti, solo organizzarli in base al loro background storico e alle potenzialità farmacologiche identificate nella letteratura scientifica.

Le preparazioni sono fornite a titolo educativo: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dall’ISS o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, sementi da coltivazione, materiale botanico da collezione/esposizione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano, leggi attentamente termini e condizioni prima di effettuare un eventuale acquisto https://www.visionecurativa.it/termini-e-condizioni/

Informazioni aggiuntive

Peso N/A

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Menta piperita (Mentha Piperita)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Shop
Sidebar
0 Wishlist
0 Cart
Menta piperita (Mentha Piperita)
3.90 Scegli

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -