6.90

In Stock

Una pianta dall’odore inconfondibile, vanta una lunga tradizione medicinale e rituale nella cultura persiana: alcuni autori l’hanno anche collegata al soma, la leggendaria bevanda allucinogena di cui si parla negli antichi testi Indo-Iraniani.

I semi secchi contengono più del 5% di alcaloidi: i più abbondanti sono armina ed armalina, potenti inibitori dell’enzima MAO-A.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO A  COLTIVAZIONE E AROMATERAPIA IN AMBIENTI APERTI. L’ESTRAZIONE DEI PRINCIPI ATTIVI E’ UN REATO PUNIBILE PENALMENTE.

Svuota
6.90
forma Intera Tritata In polvere
quantita 25g 250g 1kg
Azzera selezione
Confronta

Descrizione

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO NELLA MEDICINA AYURVEDICA (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: semi

-ingeriti\ 2-5g
-decotti\ 4-8g 
-tintura 1:1\ dose lieve 3-6ml
-fumati o vaporizzati (185- 200°C) \ (in seguito ad estrazione e freebasing)

I semi di ruta siriana hanno un effetto intossicante molto particolare agli alti dosaggi: sedazione, sensazioni oniriche, alterazioni termiche, propriocettive, dell’equilibrio e del flusso del pensiero ma anche tanti effetti collaterali periferici.

La dose efficace per inibire l’enzima MAO è molto piccola, sui 3g di seme secco, tuttavia già a questi dosaggi influisce significativamente sugli effetti complessivi di molte combinazioni come l’ormai nota ayahuasca.

Medicina convenzionale
Le proprietà nootropiche, antidepressive, ansiolitiche, analgesiche e immunostimolanti della ruta siriana e dei suoi fitocostituenti sono supportate dalla ricerca scientifica.

La ruta siriana contiene dei MAO-I che sono considerati efficaci nel trattamento di ansia e depressione, sebbene vengano raramente usati per via delle restrizioni dietetiche necessarie.

 

Medicina alternativa
Veniva tradizionalmente usata contro emicranie, malattie sessuali, epidemiche, come abortificente ed emmenagogo; si credeva anche che eliminasse il malocchio e liberasse i posseduti.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata molto acida (1 cucchiaio d’aceto/100ml) per indebolire le pareti cellulari.
-Mettere la ruta siriana (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo di acqua (opzionale)distillata acida (1-2 cucchiai d’aceto/litro)
-Lasciare sobbollire appena fino a 1 ora per la saturazione, aggiungere ulteriore acqua solo se necessario al fine di tenere i solidi ben coperti.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale)Riutilizzare i solidi scartati per un altra cottura.

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata molto acida (1 cucchiaio d’aceto/100ml) ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere la ruta siriana (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcol al 70%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 3 settimane
-Filtrare e scartare i solidi
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Descrizione
Ordine: Sapindales
Famiglia: Nitrariaceae
Genere: Peganum
Specie: P. harmala
Nativo: Asia
Plant Hardiness Zone: 8
La ruta siriana (Peganum harmala) è una pianta dell’est Asia perenne della famiglia delle Nitrariaceae, cresce fino a quasi 1m d’altezza.
Le radici possono raggiungere profondità superiori ai 6m, fiorisce da giugno ad agosto e produce dei piccoli fiori bianchi.
Le capsule rotonde dei semi sono divise in tre camere che possono contenere più di 50 semi ciascuna.

Coltivazione
La ruta siriana è una pianta delicata, ma facile da coltivare:
-Mettere i semi per un paio d’ore a mollo in acqua tiepida.
-Seppellirli superficialmente in un terreno ben drenante, non troppo ricco a piena esposizione solare.
-Mantenere umido il terriccio fino allo sviluppo delle prime foglioline
-Innaffiare sporadicamente dopo il 1cm, è una pianta che ama la siccità
-Teme i funghi e il ristagno idrico, resiste a freddo, caldo e siccità.

La ruta fu menzionata per la prima volta col nome di πήγανον ἄγριον da Dioscoride il Greco che distinse due forme: una coltivata commestibile identificabile nella Ruta graveolens e una selvatica inedibile, il Peganum harmala. Lo scienziato bizantino Simeone Setto scrisse che che il Peganum ha proprietà calorifere e disidratanti più forti dell’altra specie [Andrews, Alfred C. “The Use of Rue as a Spice by the Greeks and Romans.” The Classical Journal 43.6 (1948): 371-373.].

In Iran il Peganum harmala ha una lunghissima tradizione a scopo rituale. Wendy Doniger, un’indologa statunitense, ha identificato la pianta con il sauma, la leggendaria pianta della lungua proto-indoiranica da cui poi sono derivati haoma in Lingua avestica e soma in Vedico. A supporto della sua tesi possiamo notare ampia disponibilità geografica, continuità etnobotanica tra tutte le genti dell’Iran e persistenza dei relativi rituali. L’haoma originale, allucinogeno, potrebbe essere stato un estratto di Ephedra e Peganum, quest’ultimo poi sostituito in seguito dal frutto del melograno che ha una certa somiglianza con la capsula della ruta ma non ha effetti psicotropi [Gnoli, Gherardo. “Haoma and Harmaline. The Botanical Identity of the Indo-Iranian Sacred Hallucinogen’Soma’and its Legacy in Religion, Language and Middle Eastern Folklore, Near Eastern Studies, Vol. 21.” (1989): 320-324.]. Il Soma allo stesso modo sarebbe diventato in tempi successivi il Somalata, ovvero Sarcostemma acidum, una pianta spontanea indiana priva di proprietà visionarie consumata ancora oggi nei rituali dei bramini Śrauta [Karayil, Sudha, and K. Veeraiah. “Phytochemical analysis of Ceropegia juncea (Roxb.): Traditionally used Medicinal plant.” International Journal of Innovative Research and Development 3.4 (2014).].

In Marocco i semi vengono assunti come allucinogeni, antidepressivi e supporto per i disturbi nervosi. Vengono poverizzati o infusi per nel trattare di ipertensione e disturbi cardiovascolari, il decotto ed il macerato vengono indicati anche nella cura di tumori sottocutanei, patologie della pelle, calvizie, dolori reumatici, parassiti, diabete, asma, febbre, diarrea, disturbi e coliche intestinali. Vantano una lunga tradizione come abortificenti e stimolatori del flusso mestruale, gli si attribuiscono inoltre proprietà magiche.

In Giordania i semi di ruta vengono lodati come narcotici, analgesici, detossificatori del sangue e rimedio per l’impotenza [Abu-Irmaileh, Barakat E., and Fatma U. Afifi. “Herbal medicine in Jordan with special emphasis on commonly used herbs.” Journal of ethnopharmacology 89.2-3 (2003): 193-197.].

In Tunisia si è soliti mettere i piedi a mollo nel decotto fatto con la pianta fresca per attenuare i dolori reumatici, i semi in polvere vengono mischiati al miele ed assunti oralmente per stimolare la minzione in caso di anuria e disuria o alleviare il mal di schiena. La pianta intera essiccata e polverizzata viene applicata sugli occhi per trattare congiuntivite, blefarite ed eczema, col decotto si fanno gargarismi come antinfiammatorio per la mucosa orale.

In Italia i semi sono stati impiegati nel trattamento della malattia di Parkinson [Leporatti, Maria Lucia, and Kamel Ghedira. “Comparative analysis of medicinal plants used in traditional medicine in Italy and Tunisia.” Journal of ethnobiology and ethnomedicine 5.1 (2009): 1-8.].

Ha una lunga tradizione medicinale in Medio Oriente: veniva tradizionalmente usata contro emicranie, malattie sessuali, epidemiche, come abortificente ed emmenagogo; si credeva anche che elimasse il malocchio e liberasse i posseduti.

Si dice che nell’Himalaya gli sciamani inalassero il fumo dei semi di ruta siriana per raggiungere uno stato di coscienza superiore, caratterizzato dal contatto con le fate; in questo modo acquisivano informazioni preziose e purificavano lo spirito.
Il fumo si sparge nelle case ancora oggi fra alcune popolazioni come portafortuna.

Il composto principale presente nella ruta siriana è l’armalina, seguita da armina e tracce di THH.

Contiene anche armalo e armalolo.

Effetti nootropici ed ansiolitici:
Santos R.G., et al. “Effects of ayahuasca on psychometric measures of anxiety, panic-like and hopelessness in Santo Daime members” J Ethnopharmacol. 2007 Jul 25;112(3):507-13
Effetti antidepressivi:
Sanches R.F., et al “Antidepressant Effects of a Single Dose of Ayahuasca in Patients With Recurrent Depression: A SPECT Study” J Clin Psychopharmacol. 2016 Feb;36(1):77-81.
Effetti analgesici:
Mohammad Abdollahi, et al. “Antinociceptive effects of Peganum harmala L. alkaloid extract on mouse formalin test” J Pharm Pharmaceut Sci 7(1):65-69, 2004
Effetti immuno-stimolanti:
Mohammad Mirzaie, et al. “Antileishmanial activity of Peganum harmala extract on the in vitro growth of Leishmania major promastigotes in comparison to a trivalent antimony drug” Veterinarski Arhiv 77 (4), 365-375, 2007

L’assunzione di ruta siriana è particolarmente controindicata per chi soffre di patologie cardiache, problemi epatici, ulcere gastriche, patologie respiratorie, convulsioni, disturbi occlusivi gastrici, urinari o in chi deve sottoporsi ad operazioni di chirurgia.

L’interazione con antidepressivi, kanna, iperico, altri serotoninergici e benzodiazepine è molto pericolosa.

Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, vomito, diarrea, brividi, spasmi, insonnia e pressione bassa.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica, tribale e scientifica: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso dei prodotti, solo organizzarli in base al loro background storico e alle potenzialità farmacologiche identificate nella letteratura scientifica.

Le preparazioni sono fornite a titolo educativo: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dall’ISS o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, sementi da coltivazione, materiale botanico da collezione/esposizione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano, leggi attentamente termini e condizioni prima di effettuare un eventuale acquisto https://www.visionecurativa.it/termini-e-condizioni/

Informazioni aggiuntive

Peso N/A

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ruta siriana (Peganum Harmala)”
Shop
Sidebar
0 Wishlist
0 Cart
Ruta siriana (Peganum Harmala)
6.90 Scegli

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -