assenzio maggiore (Artemisia absinthium) tritato

3.50

In Stock

Molto conosciuto per essere un ingrediente della leggendaria bevanda diffusa nel XIX secolo, è facilmente riconoscibile per l’aroma inebriante e il colore grigio cenere.

Ha una lunga storia come medicinale, condimento ed anche per fare la birra prima dell’avvento del luppolo… ma a causa della tossicità del tujone viene oggi usato più che altro a basse dosi come oneirogeno.

Le alte dosi sono state considerate da alcuni psichedeliche, alle volte anche allucinogene, ma sono pericolose.

Svuota
3.50
forma Tritato In polvere Resina (artigianale)
quantita 25g 50g 100g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

Gli psiconauti utilizzano la parte aerea in polvere nelle seguenti modalità e dosaggi indicativi:
-ingerita o incapsulata\ dose lieve 1-2gr \moderata 2-3gr \alta 4-5gr \altissima 5-7gr
-infusa\ dose lieve 3-4gr \moderata 4-6gr \alta 6-7gr \altissima 7-10gr
-decotta\ dose lieve 2-3gr \moderata 3-4gr \alta 5-6gr \altissima 6-8gr
-tintura\ dose lieve 1-2gr \moderata 2-3gr \alta 4-5gr \altissima 5-7gr
-fumata o vaporizzata (150-170C°)\ non si può consigliare un dosaggio, fumare fino ad ottenere l’effetto desiderato

L’assenzio maggiore è ricco di tannini, flavonoidi, steroli e polisaccaridi, in diversi lavori scientifici si è comportato come un potente broncodilatatore, antitussivo ed espettorante. E’ anche un fortissimo antiossidante.

Contiene tujone, un composto psicoattivo strutturalmente simile al THC. Ha effetti psichedelici molto particolari: stimolazione, eccitazione, euforia seguite da rilassamento, calma e sedazione.
E’ molto diffuso anche come oneirogeno.

Viene spesso combinato dagli psiconauti con tè, erba gatta, passiflora, valeriana, klip dagga, damiana, cannabis, tabacco, lattuga selvatica, salvia, skullcap e camomilla; a scopo antibatterico ed antinfiammatorio con zenzero e menta.
Se ingerito a stomaco vuoto l’effetto si percepisce dopo 20m e dura fino a 4 ore, se fumata l’effetto è immediato e permane fino a 30m in base alla dose.
L’overdose o l’uso intensivo sono pericolosi.

L’assenzio maggiore ha effetti psichedelici molto particolari: stimolazione, eccitazione, euforia seguite da rilassamento, calma e sedazione.
E’ molto diffuso anche come oneirogeno.

Medicina convenzionale
Le proprietà antimicrobiche, antimutageniche e MAO-inibitrici dell’assenzio arbustivo sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non è usato in medicina convenzionale.

 

Medicina alternativa
Viene impiegato per agevolare le mestruazioni, espellere parassiti, rilassare il sistema nervoso, assistere la digestione e la funzione epatica.

Infusione
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale leggermente inumidito con acqua distillata per indebolire le pareti cellulari e facilitare l’estrazione.
-Mettere l’assenzio (opzionale)in polvere in recipiente sigillabile con un volume triplo d’acqua (opzionale)distillata .
-Lasciare infondere fino a 3 giorni in frigo, scuotendo la soluzione quanto più vigorosamente e spesso possibile.
-Filtrare e scartare i solidi, il sapore risulta molto gradevole senza l’aggiunta di dolcificanti o spezie.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale leggermente inumidito con dell’acqua distillata per indebolire le pareti cellulari e facilitare l’estrazione.
-Mettere l’assenzio (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo d’acqua (opzionale)distillata.
-Portare quasi all’ebollizione e mantenere la temperatura fino a due ore per la saturazione.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Ripetere tre volte l’infusione ed il filtraggio, riducendo a metà i tempi d’infusione ed unendone alla fine i liquidi puliti risultanti
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’aiuto di una lieve fiamma per produrre un estratto atto alla combustione o ad essere incapsulato

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale leggermente inumidito con acqua distillata ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere l’assenzio (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 50%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 1 settimane.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’aiuto di una lieve fiamma per produrre un estratto atto alla combustione o ad essere incapsulato.

Descrizione
Ordine: Asterales
Famiglia: Asteraceae
Sottofamiglia: Asteroideae
Tribù: Anthemideae
Sottotribù: Artemisiinae
Genere: Artemisia
Specie: A. arborescens
Nativo: Europa, Asia, Nord Africa
Plant Hardiness Zone: 4-8
L’assenzio arbustivo (Artemisia arborescens) è una pianta erbosa perenne abbastanza alta, fino a 2m, con una radice legnosa.
Le foglie sono lunghe dai 5 ai 20cm, di colore verde scuro, pinnate e pelose sul retro.
Gli steli sono molto scanalati e hanno un colore rosso-violetto, fiorisce dall’estate al primo periodo d’autunno.
Attrae molti insetti per via della sua fragranza e dei fiori colorati.

Coltivazione
L’assenzio arbustivo è una pianta robusta, molto semplice da coltivare:
-Pressare lievemente i semi in un comune terriccio da vaso umido.
-Coprire con una busta di plastica e tenere lontano dal calore eccessivo per due settimane.
-Non necessità di cure particolari, ama il sole e resiste alla siccità.

L’assenzio era dedicato alle dee Artemide e Diana e veniva considerato un erba protettrice e profetica in tutto il mondo antico.

In Cina e Giappone veniva tenuto sugli usci per allontanare i malanni e gli spiriti maligni; stesso uso ebbe nell’Europa medievale dove veniva ritenuto un dono fatto dai tritoni all’umanità.

I soldati romani lo usavano per le marce dentro i sandali per correre più veloce e per più tempo.
I nativi americani ne lodavano le proprietà purificatrici.

L’assenzio è stato anche l’ingrediente principale della birra prima dell’avvento del luppolo e veniva fumato come tabacco dai marinai.

L’assenzio è ricco di tannini, flavonoidi, steroli e polisaccaridi, in diversi lavori scientifici si è comportato come un potente broncodilatatore, antitussivo ed espettorante. E’ anche un fortissimo antiossidante.

Contiene tujone, un composto psicoattivo strutturalmente simile al THC.

E’ stato recentemente studiato per i suoi effetti sulle bruciature profonde con ottimi risultati.

Nella medicina tradizionale cinese si impiega per la antica pratica della “moximbustione”: la pianta secca in polvere viene bruciata in prossimità delle pelle per riscaldarne le strutture superficiali e profonde. Studi sperimentali hanno dimostrato che quest’azione è compatibile con l’attivazione dei recettori del calore e di quelli polimodali. Parte dell’effetto terapeutico sembra dovuto anche alla radiazione energetica non termica. Alcuni ricercatori ipotizzano che questa tecnica possa diffondere nella circolazione sistemica dei composti farmacologicamente attivi prodotti dalla stimolazione del tessuto connetivo, vascolare, linfatico e nervoso dell’area irradiata con benefici su metabolismo e termogenesi degli organi coinvolti. Lo stimolo fotoelettrico sembra attivare le difese delle cellule anomale tramite il sistema neuro-umorale potenziando la funzione immunitaria e cognitiva.

Il fumo dell’assenzio è stato testato anche come forte antivirale ed antimicotico efficace su ferite infette, prurito vaginale, prolasso uterino, fistula anale, verruche ed altre patologie della pelle.

L’assenzio maggiore contiene molti composti farmacologicamente attivi tra cui terpenoidi, flavonoidi, cumarine, polifenoli, acidi caffeoilquinici, steroli, acetileni, tannini, lattoni sesquiterpenici, alcaloidi (artemisolide), flavoni (eupatilina), glicosidi e lignani.

L’olio essenziale è ricco di terpene, cineolo, selinolo, canfora, borneolo e tujone.

Il tujone è il principale responsabile dell’effetto stimolante e psichedelico.

Effetti antiossidanti, antidepressivi e mao-inibitori:
Kim, Y.S., et al “The effect of hot water-extract and flavor compounds of mugwort on microbial growth” Korea Agricultural Science Digital Library, 1994 ISSN : 0253-3154
Effetti epatoprotettivi:
Gilani, Anwar-Ul Hassan, and Khalid Hussain Janbaz. “Preventive and curative effects of Artemisia absinthium on acetaminophen and CCl4-induced hepatotoxicity.” General Pharmacology: The Vascular System 26.2 (1995): 309-315.
Effetti antiossidanti e neuroprotettivi:
Zeng, Ke-Wu, et al. “Caruifolin D from artemisia absinthium L. inhibits neuroinflammation via reactive oxygen species-dependent c-jun N-terminal kinase and protein kinase c/NF-κB signaling pathways.” European journal of pharmacology 767 (2015): 82-93.
Effetti antidiabetici:
Daradka, Haytham M., et al. “Antidiabetic effect of Artemisia absinthium extracts on alloxan-induced diabetic rats.” Comparative Clinical Pathology 23.6 (2014): 1733-1742.
Effetti antitumorali:
Shafi, Gowhar, et al. “Artemisia absinthium (AA): a novel potential complementary and alternative medicine for breast cancer.” Molecular biology reports 39.7 (2012): 7373-7379.
Effetti sul morbo di Chron:
Krebs, Simone, Talib N. Omer, and Bilal Omer. “Wormwood (Artemisia absinthium) suppresses tumour necrosis factor alpha and accelerates healing in patients with Crohn’s disease–a controlled clinical trial.” Phytomedicine 17.5 (2010): 305-309.
Effetti anticolinergici:
Orhan, I. Erdogan, et al. “Profiling of cholinesterase inhibitory and antioxidant activities of Artemisia absinthium, A. herba-alba, A. fragrans, Marrubium vulgare, M. astranicum, Origanum vulgare subsp. glandulossum and essential oil analysis of two Artemisia species.” Industrial crops and products 32.3 (2010): 566-571.
Effetti nootropici:
Howes, Melanie‐Jayne R., Nicolette SL Perry, and Peter J. Houghton. “Plants with traditional uses and activities, relevant to the management of Alzheimer’s disease and other cognitive disorders.” Phytotherapy Research: An International Journal Devoted to Pharmacological and Toxicological Evaluation of Natural Product Derivatives 17.1 (2003): 1-18.
Effetti antinfiammatori ed analgesici:
Hadi, Amrollahi, et al. “Anti-inflammatory and analgesic activities of Artemisia absinthium and chemical composition of its essential oil.” Int J Pharm Sci Rev Res 38 (2014): 237-244.

L’assunzione di assenzio maggiore è controindicata in chi è allergico alle piante della famiglia dell’Ambrosia, in chi soffre di porfiria, disturbi renali, epilettici o durante la gravidanza e l’allattamento.

L’interazione con farmaci MAO-inibitori è pericolosa.

Gli effetti collaterali sono rari: irrequietezza, insonnia, incubi, vomito, nausea, stordimento, tremori, ritenzione urinaria, sete ed intorpidimento agli arti.

Si raccomanda di non assumerlo per periodi superiori ai 10 giorni: l’accumulo di tossine nel tempo può portare a fallimento renale e rabdomiolosi.

L’overdose può causare convulsioni, paralisi e morte.

Non ci sono casi di dipendenza in letteratura scientifica.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Assenzio maggiore (Artemisia absinthium)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informiamo la gentile clientela che Visione Curativa va in vacanza fino al 12/07. Gli acquisti sono momentaneamente sospesi. Gli ordini già pagati ed inoltrati saranno regolarmente evasi.

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -