argemone intera

4.20

In Stock

Uno dei papaveri non-oppiacei più popolari tra gli incensi e i vari herbal-blend rilassanti.

Ha una lunga tradizione come pianta medicinale in Messico ed India, il lattice giallo è molto prezioso.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO A COLTIVAZIONE E CAMPIONATURA BOTANICA.

Svuota
4.20
parte Parte aerea Seme
forma Intero Tritato In polvere Estratto 10:1 Estratto alcolico
quantita 13g 25g 50g 100g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MEDICINA AYURVEDICA (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: parte aerea

-ingerita\ 1-3g 
-decotta\ 8-20g 
-tintura 1:1\ 5-13ml 
-fumata o vaporizzata (125-175C°)\ 

Viene combinato spesso con passiflora, kanna, damiana, klip dagga, luppolo, skullcap, erba gatta, tabacco indiano e canapa negli smoking-blend.

Di solito viene fumato o vaporizzato per i timori sulla tossicità orale di sanguinorina e derivati.

Allo stato di foglia grezza non è molto potente ed ha effetti molto blandi difficilmente percepibili, i semi sono più potenti ma anche molto più tossici.

Medicina convenzionale
Le proprietà sedative [5], ansiolitiche [6], miorilassanti [5], antispastiche [7], vasorilassanti [8], analgesiche [5], antinfiammatorie [9], immunomodulanti [11], antipsoriasiache [12], oppioidi [14], anticatalettiche [15], citorigeneranti [16], antiulcera [18], antitumorali [21], antimutageniche [22], ipoglicemiche [24], epatoprotettive [27], nefroprotettive [30], antiasmatiche [31], antivirali [33], antimalariche [35], antibatteriche [36], antimicotiche [40], insetticide [43], larvicide [45] e molluschicide [46] del papavero messicano sono supportate dalla ricerca scientifica.

Viene considerato una pianta velenosa per via della tossicità orale dei semi.

 

Medicina alternativa
Il papavero messicano viene usato nella medicina popolare in Messico, India ed Africa come analgesico, diuretico, colagogo, antinfiammatorio, antibatterico, antimalarico, antitussivo, antiasmatico, rimedio per morsi di serpente, cancro, lebbra, disturbi epatici e renali.

L’olio dei semi si applica esternamente per trattare ferite e malattie della pelle.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata molto acida (1 cucchiaio d’aceto/100ml) per indebolire le pareti cellulari.
-Mettere il papavero messicano (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo di acqua (opzionale)distillata acida (1-2 cucchiai d’aceto/litro)
-Lasciare sobbollire appena fino a 1 ora per la saturazione, aggiungere ulteriore acqua solo se necessario al fine di tenere i solidi ben coperti.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale)Riutilizzare i solidi scartati per un altra cottura.

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata molto acida (1 cucchiaio d’aceto/100ml) ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere il papavero messicano (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcol al 70%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 2 settimane
-Filtrare e scartare i solidi
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Descrizione
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Eudicotiledoni
Ordine: Ranunculales
Famiglia: Papaveraceae
Genere: Argemone
Specie: A. mexicana
Nativo: America Centrale, Sud America
Plant Hardiness Zone: 8-11
Il papavero messicano (Argemone Messicana) è una pianta annuale che cresce fino a 150cm da una radice lievemente intrecciata.
Il fusto è molto spinoso e ramificato, di forma oblunga; secerne un liquido giallo quando viene tagliato.
Produce dei fiori gialli molto appariscenti che misurano fino a 5cm di diametro, le foglie sono simili a quelle dei cardi ed alternate: mancano dei piccioli, sono di forma dentata ed appuntite ai margini.
Il frutto è una capsula spinosa di forma ovale che contiene numerosi piccoli semi rotondi di circa 1mm di diametro.

Coltivazione
E’ una pianta robusta, facile da coltivare:
-piantare i semi in primavera a circa 3mm di profondità in un terreno misto calcareo-sabbioso a piena esposizione solare a circa 30cm di distanza l’uno dall’altro.
-Mantenere il terreno umido fino alla germinazione (1-2 settimane).
-Teme il freddo e l’umidità eccessiva, resiste alla siccità.

Il papavero messicano era un importante pianta rituale per gli Aztechi: veniva considerato il nutrimento degli dei ed offerto a loro durante i sacrifici, col lattice giallo facevano delle effigi del dio Huitzilopochtli.
Nell’antico Codice Fiorentino del XVI secolo si descrive la cerimonia azteca della carne, in cui l’effigie del dio veniva fatta a pezzi e le carni metaforiche distribuite ai fedeli per il banchetto.
Il dio atzeco Tlaloc veniva rappresentato con la faccia unta di una pasta a base di semi di papavero messicano.

Anche in India la pianta ha valore sacro: viene chiamata “pharamgi dhattura” e considerata un potente psichedelico quasi al pari della datura.

Nella medicina ayurvedica la impiegano come emetico, purgante, lassativo, espettorante, antiasmatico ed antidoto per il veleno di scorpioni e serpenti.
Ne fanno anche preparati locali emollienti e per il trattamento di verruche, geloni, infezioni cutanee, ittero e idropisia.
L’olio estratto dai semi viene usato contro le malattie della pelle [1].

Nella medicina Siddha sono utilizzati per trattare lebbra, ittero e idropisia [2].

In India e diversi stati africani i semi sono usati contro la malaria [3].
Vengono anche fumati per combattere il mal di denti.

In Messico i semi vengono bolliti e consumati come lassativi e purganti; inoltre sono ritenuti utili per il trattamento di bile, mal di denti, colica infantile, disturbi renali, diabete, malaria, convulsioni, spasmi ed infezioni [4].
Si dice anche che siano stati usati per trattare la dipendenza da oppiacei.

Sedativo
Estratti a base di papavero messicano hanno manifestato un significativo effetto depressivo sul CNS riducendo la motilità spontanea in maniera simile al diazepam e potenziando il tempo di sonno indotto dal fenobarbitone [5].

Ansiolitico
Un estratto alcolico a base di foglie fresche ha prodotto nei ratti un effetto ansiolitico simile a 2mg/kg di diazepam senza però influenzare l’attività locomotoria.
L’azione inibitoria della picrotossina suggerisce che l’effetto sia mediato dal GABA-A [6].

Miorilassante ed antispastico
Estratti di Argemone mexicana hanno indotto nelle cavie un effetto miorilassante superiore a 2 mg/kg di diazepam già alla dose di 100mg/kg [5].

La somministrazione orale di estratti alcolici ha ridotto significativamente il grado di severità dello stato epilettico indotto dalla pilocarpina (30mg/kg) nei ratti, prevenendo il clono degli arti inferiori delle convulsioni di stadio 4 alla dose di 250, 500 e 1000mg/kg [7].

Vasorilassante
Un estratto metanolico di parte aerea di Argemone mexicana ha prodotto rilassamento successivo alla contrazione indotta dalla noreprinefina in maniera concentrazione dipendente.
Quando applicato al tessuto aortico rilassato, ha invece generato la contrazione.
L’estratto ha un duplice effetto specifico per la muscolatura liscia vascolare mediato almeno in parte dai recettori adrenergici [8].

Analgesico ed antinfiammatorio
Estratti di papavero messicano hanno manifestato un effetto analgesico sia centrale che periferico alla dose di 200 mg/kg [5].

Un estratto alcolico a base di radici di Argemone mexicana ha indotto nei topi un effetto antidolorifero ed antinfiammatorio alla dose di 50 e 100 mg/kg, oltre a manifestare un alta tossicità [9].

In uno studio è risultata più potente di Aristolochia indica, Alpinia speciosa e Gymnema sylvestre in quanto ad azione antinfiammatoria [10].

Immunomodulante
L’estratto acquoso di foglie preso oralmente per 20 giorni ha potenziato la risposta immunitaria umorale e soppresso quella cellulo-mediata, suggerendo utili applicazioni nel trattamento delle malattie autoimmuni [11].

Antipsoriasiaco
In uno studio condotto su 24 pazienti affetti da psoriasi in India il trattamento topico combinato a base di papavero messicano ed aloe vera è risultato più efficace e ben tollerato dei protocolli convenzionali [12].

Studi etnofarmacologici condotti da Sekar confermano queste proprietà [13].

Oppioide
Estratti e composti puri isolati dall’Argemone hanno ridotto l’astinenza da morfina nell’ileo isolato dei porcellini d’india in maniera concentrazione dipendente, l’effetto sembra dovuto a protopina e allocriptopina [14].

Anticatalettico
L’estratto acquoso di foglie di papavero messicano ha inibito la catalessia indotta dalla clonidina nei topi [15].

Citorigenerante
Le cavie trattate con un unguento a base di foglie di Argemone mexicana hanno mostrato una frequenza di epitelizzazione nei modelli di ferita, i ricercatori ipotizzano l’azione sia dovuta alle proprietà astringenti di flavonoidi e triterpenoidi [16].

Antiulcera
Un estratto idroalcolico al 70% di papavero messicano ha protetto i ratti nei modelli sperimentali di igazione pilorica, danno alla mucosa indotto da aspirina, ulcera gastrica da stress da immersione in acqua; alla dose di 400mg/kg la protezione era del 39.9%, 43.6%, 54.7% rispettivamente [17].

Inoltre previene l’ulcerazione duodenale indotta dalla cisteamina, l’estratto acquoso alla dose di 250 mg/kg ha ottenuto un punteggio superiore al convenzionale (rinitidina 20 mg/kg.) [18].

Antitumorale
Estratti di papavero messicano hanno manifestato un effetto citotossico sulle cellule immortalizzate A549, SiHa e KB [19].

Estratti a base di pianta intera hanno mostrato proprietà citotossiche anche sulle cellule HeLa, MCF-7 e HCT-15 [20].

Una frazione di polisaccaridi estratta dalle foglie dell’Argemone mexicana durante il periodo della fioritura ha incrementato l’attività antitumorale del fluorouracile nei ratti affetti da sarcoma, i ricercatori ipotizzano che ciò avvenga attraverso la stimolazione del sistema immunitario degli animali [21].

Antimutagenico
Estratti di Argemone mexicana hanno manifestato una significativa azione antimutagenica nel test di Ames mediata dall’effetto antiossidante [22].

Ipoglicemico
La somministrazione orale delle frazioni cloroformiche ed idrosolubili di un estratto idroalcolico di papavero messicano ha riequilibrato i livelli di glucosio circolante e i parametri sierici nei ratti con diabete indotto dall’alloxan; inoltre ha ridotto la perossidazione lipidica e ristorato la glutatione-S-transferasi (GST) e catalasi (CAT) [23].

Un estratto idroalcolico a base di parte aerea ha ridotto la glicemia a digiuno in maniera dose dipendente nei modelli animali, a 400 mg/kg l’effetto è comparabile a 300 mg/kg di metformina [24].

Un estratto di fiori di Argemone mexicana ha ridotto gli effetti dell’iperglicemia indotta dalla streptozotocina mediante un’azione antiossidante ed antiperossidasi lipidica [25].

Gli alcaloidi estratti dal papavero messicano sono risultati i più potenti tra le quattro specie (Piper nigrum, Murraya koenigii, Nelumbo nucifera) testate per la loro azione inibitoria sull’aldeide reduttasi (IC50 25.67±1.25 μg/mL).
Quest’enzima innesca la cascata di modificazioni biochimiche concorrenti allo sviluppo di complicazioni croniche nel diabete tramite la sovraregolazione della via dei polioli [26].

Epatoprotettore
Estratti a base di parte aerea di Argemone mexicana (100 mg/kg) hanno manifestato un effetto epatoprotettivo simile alla silmarina (70 mg/kg), supportando la tradizionale applicazione come tonico epatico [27].

Un estratto acquoso e una sospensione di foglie di Argemone mexicana in polvere hanno attenuato l’elevazione degli enzimi sierici (GOT, GPT, ALKP)e la biliburina indotte dal tetracloruro di carbonio (CCL4) [28].

La corteccia di radice di papavero messicano ha dimostrato un alto potenziale terapeutico nella cura del parenchima e la rigenerazione delle cellule epatiche nei ratti trattati con CCL4 [29].

Nefroprotettore
L’estratto metanolico di foglie di papavero messicano ha manifestato un’attività antiurolitiasi superiore al controllo (Cystone) alla concentrazione di 100 mg/ml, dall’esame microscopico si notò la sua azione nel dissolvere i cristalli di ossalato di calcio [30].

Antiasmatico
In una ricerca sulle piante medicinali usate tradizionalmente ad Andhra Pradesh in India per trattare l’asma i semi di Argemone mexicana in polvere presi alla dose di 200mg due volte al giorno per 2 settimane hanno indotto un significativo effetto antiasmatico [31].

Gli estratti acquosi a base di steli di papavero messicano (50 mg/kg, ip) hanno ridotto i leucociti e gli eusinofili in eccesso indotti dal latte nei topi, manifestando un buon potenziale antiallergico ed antistress [32].

Antivirale
Estratti a base di papavero messicano hanno mostrato un promettente potenziale anti-HIV diminuendo la produzione virale nelle cellule infettate con HIV-1 NL4-3 [33].

Benzofenantridina e acetonildiidrocheleritrina isolati dalla pianta hanno espresso una significativa attività anti-HIV nei linfociti H) alla concentrazione EC50 di 1.77 μg/mL [34].

Antimalarico
Gli alcaloidi e la berberina estratti dall’Argemone mexicana hanno espresso un’alta attività antiplasmodica nei confronti di Plasmodium falciparum e berghei, gli effetti sinergici della combinazione suggeriscano che altri alcaloidi potenziano l’azione antimalarica della berberina [35].

Antibatterico
Estratti a base di foglie e semi di papavero messicano sono attivi nei confronti dei ceppi di Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis, Escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa multifarmaco-resistenti [36].

Estratti metanolici di foglie agiscono contro Salmonella typhi, Klebsiella pneumoniae, Bacillus subtilis, Proteus mirabilis, Pseudomonas aeruginosa, Staphylococcus aureus ed Escherichia coli con valori MIC di 125 µg/µl [37].

Le nanoparticelle magnetiche di ossido di ferro trattate con un estratto di foglie di Argemone mexicana hanno inibito Escherichia coli e Proteus mirabilis [38].

Una frazione degli estratti cloroformici a base di semi di papavero messicano era attiva già a 4 mg/ml contro Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae e Pseudomonas aeruginosa; la N-demetilossisanguinarina è stata identificata come il principio attivo antibatterico [39].

Antimicotico
Estratti di foglie e steli di Argemone mexicana hanno proprietà antifungine comparabili con l’Amfoterecina-B [40].

Estratti crudi di papavero messicano sono attivi contro Aspergillus fumigates e niger [41].

Una mistura di alcaloidi quaternarici derivati dall’Argemone mexicana ha inibito la germinazione delle spore di alcune specie di funghi fitopatogenici (Ustilago cynodontis, Cercospora cajani, Sphaerotheca sp., Cercospora sp., Alternaria solani, Bipolaris sp., Helminthosporium sp., Curvularia sp., Fusarium udum e Alternaria cajani) alla dose di 2000, 3000, 4000, 5000 μg/ml.
Questo suggerisce interessanti applicazioni in agricoltura per il controllo di alcune malattie [42].

Insetticida
Estratti di papavero messicano sono risultati attivi contro i coleotteri adulti (Tribolium castaneum) e le larve (Culex quinquefasciatus) [43].

Sono repellenti ance per l’afide (Aphis gossypii), la parte più attiva è la radice [44].

Larvicida
La frazione acetonica dell’estratto di semi di papavero messicano ha espresso un’azione larvicida ed inibitorio sulla crescita delle larve di Aedes aegypti, già alla concentrazione di 10ppm agisce come chemosterilizzante [45].

Molluschicida
Protopina e sanguinarina estratte dall’Argemone mexicana hanno causato una perdita significativa nei livelli di proteine, amminoacidi liberi, DNA, RNA, fosfolipidi e un’aumento della frequenza della perossidazione lipidica nel tessuto nervoso della lumaca d’acqua dolce (Lymnaeu acuminata) [46].

Tossicità
I semi e l’olio di Argemone mexicana sono tossici e il consumo orale provoca idropisia epidemica caratterizzata da un accumulo anormale di fluido nei tessuti e nelle cavità corporee [47].
Diversi focolai sono scoppiati nelle Mauritius, Fiji, Madagascar, Sud Africa ed India a causa dell’adulterazione dell’olio di Brassica nigra con i semi di Argemone mexicana che sono pressoché identici a quelli dell’altra pianta [48].

Esperimenti sulle cavie avevano individuato nella sanguinorina e derivati la principale causa della tossicità, ma anche berberina, protopina e cheleritrina hanno manifestato marcati effetti tossici nei modelli animali a determinati dosaggi.

La LD-50 orale acuta della sanguinorina sui ratti è stata stimata sui 1658 mg/kg.

Anche la parte aerea contiene derivati della sanguinorina come la 8-metossi-diidrosanguinorina o la N-demetilossisanguinarina, ma ha un contenuto di alcaloidi decisamente più basso e un fitocomplesso diverso [49].

Infatti gli esperimenti tossicologici effettuati sui campioni di foglie dimostrano che sono sicure anche ad alti dosaggi: l’estratto acquoso e la sospensione delle foglie in polvere sono risultate sicure fino a 2500 mg/kg [28], in un altro test l’estratto metanolico è risultato sicuro fino a 3000mg/kg ma ha causato l’alterazione del comportamento nelle cavie alla dose più alta [18].
Anche la somministrazione cronica degli estratti di foglie per 14 giorni non ha indotto segni di tossicità nelle cavie (2000mg/kg) [16].

 

La pianta intera è ricca di alcaloidi tra cui deidrocheilantifolina, deidrocoridalmia, jatrorrizina, columbamina, coptisina, criptopina, muramina,argemexicaina A, argemexicaina B, stilopina, norsanguinarina, cheleritrina, ossiidrastinina, talifolina, argemexirina, tetraidrocoptisina, tetraidroberberina, diidrocoptisina, ossiberberina, metilzantoxilina, norcheleritrina, angolina ed arnottianamide.

Dalla parte aerea sono stati isolati
-alcaloidi isoquinolinici: protomexicina, 13-ossotropina, argenassina, igenamina [50], N-demetilossisanguinarina, 8-metossi-diidrosanguinorina [51].
-terpenoidi : β-amirina [52].
-acidi organici: acido mexicanico, triacontanolo [53].
-flavonoidi: isoarmnetina, quercetrina, rutina, mexitina [54].

Dai semi sono stati isolati
-alcaloidi isoquinolinici: diidrosanguinarina, sanguinarina, berberina, cheleritrina, diidrocheleritrina [55].
-acidi organici: acido caprilico, acido triacontanoico [56];
-flavonoidi: luteolina, eriodictiolo [57];
-fenoli: neoesperoside [58];

Dalle radici sono sono stati isolati
-alcaloidi isoquinolinici: isocoridina, berberina, reticulina, protopina, allocriptopina [59].

1)Chopra, Ram Nath, Sham L. Nayar, and Ishwar C. Chopra. Glossary of Indian medicinal plants. Vol. 1. New Delhi: Council of Scientific & Industrial Research, 1956.

2)Alagesaboopathi, C. “Ethnomedicinal plants and their utilization by villagers in Kumaragiri hills of Salem district of Tamilnadu, India.” African Journal of Traditional, Complementary and Alternative Medicines 6.3 (2009).

3)Willcox, Merlin L., et al. “Argemone mexicana decoction for the treatment of uncomplicated falciparum malaria.” Transactions of the Royal Society of Tropical Medicine and Hygiene 101.12 (2007): 1190-1198.

4)Biblioteca Digital de la Medicina Tradicional Mexicana. Atlas de las plantas de la medicina tradicional mexicana, chicalote, argemone mexicana l., papaveraceae. Internet, 2009

5)Anarthe, Sneha, and Sanjay Chaudhari. “Neuropharmacological study of Argemone mexicana Linn.” Journal of Applied Pharmaceutical Science 1.4 (2011): 121.

6)Arcos-Martínez, Aideé Itzel, et al. “Anxiolytic-like effect of ethanolic extract of Argemone mexicana and its alkaloids in Wistar rats.” Avicenna journal of phytomedicine 6.4 (2016): 476.

7)Asuntha, G., et al. “Effect of Argemone mexicana (L.) against lithium-pilocarpine induced status epilepticus and oxidative stress in Wistar rats.” (2015).

8)Páez-Sánchez, Elna, Gabriela Fernández-Saavedra, and Gil Alfonso Magos. “Vasoconstrictor and vasorelaxant effects of a methanolic extract from Argemone mexicana Linn (Papaveraceae) in rat aortic rings.” PROCEEDINGS-WESTERN PHARMACOLOGY SOCIETY. Vol. 49. [Western Pharmacology Society]; 1998, 2006.

9)Ibrahim, H. A., et al. “Analgesic and Anti-Inflammatory Studies on The Roots Argemone Mexicana Linn (FAMILY: PAPAVERACEAE).” J Pharm Biol Sci 11.3 (2016): 92-5.

10)Vaghasiya, Yogeshkumar K., et al. “Antimicrobial and anti-inflammatory screening of four Indian medicinal plants.” Latin American Journal of Pharmacy 30 (2011).

11)Goel, A., Kumar, D., & Bhatia, A. K. (2008). Modulation of immune responses by aqueous extract of Argemone mexicana leaves. Journal of Immunology and Immunopathology, 10(1), 65-69.

12)kanta Sahoo, N. Mohammad Gayoor khan, Umama Yezdani. Combined Studies on Aloe Vera and Argemone mexicana for the Management of Psoriasis. J Clin Rev Case Rep, 5(3), 117.

13)Khan, Mohammad Gayoor, et al. “Monika Sekar Ethnopharmacological Studies of Argemone Mexicana for the Management of Psoriasis Followed By Molecular Techniques: Focus on Plant Metabolomics & Mechanism of Action.” International Journal of Basic Sciences and Applied Computing (IJBSAC) ISSN.

14)Capasso, A., et al. “Isoquinoline Alkaloids from Argemone mexicana Reduce Morphine Withdrawal in Guinea Pig Isolated lleum.” Planta medica 63.04 (1997): 326-328.

15)Bhalke, R. D., Y. P. Mandole, and N. B. Mali. “Phytochemical investigation and effect of various extracts of Argemone mexicana (Papaveraceae) leaves onclonidine and haloperidol-induced catalepsy in mice.” Journal of Pharmacy Research 2.4 (2009): 765-767.

16)Dash, G. K., and P. N. Murthy. “Evaluation of Argemone mexicana Linn. Leaves for wound healing activity.” J Nat Prod Plant Resour 1.1 (2011): 46-56.

17)Fatima, Sumia, et al. “Evaluation of anti-ulcer activity of 70% hydro-ethanolic leaf extract of Argemone mexicana Linn. in experimental rats.” IOSR J Pharm 6.4 (2016): 41-50.

18)Das, Prabhat, et al. “Pharmacological efficacy of argemone mexicana plant extract, against cysteamine-induced duodenal ulceration in rats.” Indian journal of medical sciences 65.3 (2011): 92.

19)More, Nilesh V., and Arun S. Kharat. “Antifungal and Anticancer Potential of Argemone mexicana L.” Medicines 3.4 (2016): 28.

20)Datkhile, Kailas D., et al. “Studies on phytoconstituents, In vitro antioxidant, antibacterial, and cytotoxicity potential of Argemone mexicana Linn.(Family: Papaveraceae).” Journal of Natural Science, Biology and Medicine 11.2 (2020): 198.

21)Pérez Gil, Rita M., et al. “Actividad antitumoral de una mezcla de polisacáridos obtenida de la especie Argemone mexicana L.” Revista Cubana de Plantas Medicinales 10.3-4 (2005): 0-0.

22)Duhan, Joginder Singh, Manju Bhardwaj, and S. Surekha. “Free radical-scavenging and antimutagenic potential of acetone, chloroform and methanol extracts of fruits of Argemone mexicana.” African Journal of Biotechnology 10.43 (2011): 8654-8661.

23)Nayak, Praveen Singh, Durga Madhab Kar, and Shweta P. Nayak. “Antidiabetic activity and modulation of antioxidant status by fractions of Argemone mexicana in alloxan induced diabetic rats.” International Journal of Green Pharmacy (IJGP) 6.4 (2012).

24)Rout, S. P., D. M. Kar, and P. K. Mandal. “Hypoglycaemic activity of aerial parts of Argemone mexicana L. in experimental rat models.” Int J Pharm Pharmaceut Sci 3 (2011): 533-540.

25)Marimuthu, M., R. Manikandan, and M. Surendra Varma. “Antidiabetic and Antioxidant Properties of Argemone Mexicana Flower Extract Studied in Streptozotocin Induced Diabetic Rats.”

26)Gupta, Sakshi, Nirmal Singh, and Amteshwar Singh Jaggi. “Evaluation of in vitro aldose reductase inhibitory potential of alkaloidal fractions of Piper nigrum, Murraya koenigii, Argemone mexicana, and Nelumbo nucifera.” Journal of basic and clinical physiology and pharmacology 25.2 (2014): 255-265.

27)Adam, S. I. Y., et al. “Evaluation of hepatoprotective activity of Argemone mexicana aerial Part Extracts on CCL_4 induced liver damage in wistar rats.” British Journal of Pharmacology and Toxicology 2.5 (2011): 251-256.

28)Sourabié, T. S., et al. “Evaluation of the antihepatotoxic effect of Argemone mexicana leaf extracts against CCl4-induced hepatic injury in rats.” International Journal of Biological and Chemical Sciences 3.6 (2009).

29)Pingale, S. S., Pokharkar, R. D., & Pingale, M. S. (2008). Effect of Argemone mexicana L. root bark on evaluation of Hepatoprotective action in rats. Pharmacologyonline, 1, 13-19.

30)Kiran Chilivery, Ravi, Sangilimuthu Alagar, and Teepica P Darsini. “In Vitro Anti-Urolithiasis Potentials of Argemone mexicana L. Leaves.” Current clinical pharmacology 11.4 (2016): 286-290.

31)Savithramma, N., Ch Sulochana, and K. N. Rao. “Ethnobotanical survey of plants used to treat asthma in Andhra Pradesh, India.” Journal of Ethnopharmacology 113.1 (2007): 54-61.

32)Bhalke, R. D., and S. A. Gosavi. “Anti-stress and antiallergic effect of Argemone mexicana stems in asthma.” Arch Pharm Sci Res 1.2 (2009): 127-129.

33)Sabde, Sudeep, et al. “Anti-HIV activity of Indian medicinal plants.” Journal of natural medicines 65.3-4 (2011): 662-669.

34)Chang, Yuh-Chwen, et al. “Two new protopines argemexicaines A and B and the anti-HIV alkaloid 6-acetonyldihydrochelerythrine from formosan Argemone mexicana.” Planta medica 69.02 (2003): 148-152.

35)Bapna, Saroj, et al. “Antiplasmodial activity of Argemone mexicana: an in vivo and in vitro study.” World J. Pharm. Res 4 (2015): 1653-1663.

36)Bhattacharjee, Indranil, et al. “Antibacterial potentiality of Argemone mexicana solvent extracts against some pathogenic bacteria.” Memórias do Instituto Oswaldo Cruz 101.6 (2006): 645-648.

37)Saranya, M. S., T. Arun, and P. Iyappan. “Invitro antibacterial activity and preliminary phytochemical analysis of leaf extracts of Argemone Mexicana Linn–A medicinal plant.” Int J Curr Pharm Res 4.3 (2012): 85-87.

38)Arokiyaraj, S., et al. “Enhanced antibacterial activity of iron oxide magnetic nanoparticles treated with Argemone mexicana L. leaf extract: an in vitro study.” Materials Research Bulletin 48.9 (2013): 3323-3327.

39)Bhattacharjee, Indranil, Soroj Kumar Chatterjee, and Goutam Chandra. “Isolation and identification of antibacterial components in seed extracts of Argemone mexicana L.(Papaveraceae).” Asian Pacific Journal of Tropical Medicine 3.7 (2010): 547-551.

40)More, Nilesh V., and Arun S. Kharat. “Antifungal and Anticancer Potential of Argemone mexicana L.” Medicines 3.4 (2016): 28.

41)Andleeb, Shahla, et al. “In-vitro antibacterial and antifungal properties of the organic solvent extract of Argemone mexicana L.” Journal of King Saud University-Science (2020).

42)Singh, Sarita, et al. “Antifungal activity of the mixture of quaternary alkaloids isolated from Argemone mexicana against some phytopathogenic fungi.” Archives of Phytopathology and Plant Protection 43.8 (2010): 769-774.

43)Ali, H., Islam, S., Sabiha, S., Rekha, S. B., Nesa, M., & Islam, N. (2017). Lethal action of Argemone mexicana L. extracts against Culex quinquefasciatus Say larvae and Tribolium castaneum (Hbst.) adults. Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry, 6(1), 438-441.

44)Ali, H., et al. “Repellent activity of Argemone mexicana L. extracts against Aphis gossypii Glover and Tribolium castaneum (Hbst.) adults.” Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry 6.1 (2017): 466-469.

45)Sakthivadivel, M., and D. Thilagavathy. “Larvicidal and chemosterilant activity of the acetone fraction of petroleum ether extract from Argemone mexicana L. seed.” Bioresource technology 89.2 (2003): 213-216.

46)Singh, Sushma, and D. K. Singh. “Effect of molluscicidal components of Abrus precatorius, Argemone mexicana and Nerium indicum on certain biochemical parameters of Lymnaeu acuminata.” Phytotherapy Research 13.3 (1999): 210-213.

47)Verma, S. K., et al. “Argemone mexicana poisoning: autopsy findings of two cases.” Forensic Science International 115.1-2 (2001): 135-141.

48)Steyn, Douw G. “Poisoning with the seeds of Argemone Mexicana (Mexican poppy) in human beings: Indian epidemic dropsy in South Africa.” African Journal of Health Professions Education 24.18 (1950): 333-339.

49)Desai, Savitha S., et al. “Phytochemical analysis and antimicrobial activity of extracts from medicinal plant Argemone mexicana Linn.” Proceedings of the Conference on Exploring Basic & Applied Sciences for Next Generation Frontiers (EBAS-2014). 2014.

50)Singh, Sarita, Vidya Bhushan Pandey, and Tryambak Deo Singh. “Alkaloids and flavonoids of Argemone mexicana.” Natural product research 26.1 (2012): 16-21.

51)Chang, Yuh-Chwen, et al. “Cytotoxic benzophenanthridine and benzylisoquinoline alkaloids from Argemone mexicana.” Zeitschrift für Naturforschung C 58.7-8 (2003): 521-526.

52)Sukumar, D., R. Arivudai Nambi, and N. Sulochana. “Studies on the leaves of Argemone mexicana.” Fitoterapia (1984).

53)Sangwan, N. K., & Malik, M. S. (1998). A long chain alcohol from Argemone mexicana. Phytochemistry, 49(3), 755-756.

54)Singh, Sarita, Tryambak D. Singh, and V. B. Pandey. “Constituents of Argemone species.” Journal of the Indian Chemical Society 88.2 (2011): 275-276.

55)Fletcher, M. T., et al. “Isoquinoline alkaloids and keto-fatty acids of Argemone ochroleuca and A. mexicana (Mexican poppy) seed. I. An assay method and factors affecting their concentration.” Australian Journal of Agricultural Research 44.2 (1993): 265-275.

56)Gunstone, Frank D., Janet A. Holliday, and Charles M. Scrimgeour. “Fatty acids, part 51. The long-chain oxo acids (argemonic acid) in Argemone mexicana seed oil.” Chemistry and Physics of Lipids 20.4 (1977): 331-335.

57)Harborne, Jeffrey B., and Christine A. Williams. “Flavonoids in the seeds of Argemone mexicana: a reappraisal.” Phytochemistry 22.6 (1983): 1520-1521.

58)Bhardwaj, D. K., et al. “Phenolics from the seeds of Argemone mexicana.” Phytochemistry 21.8 (1982): 2154-2156.

59)Israilov, I. A., and M. S. Yunusov. “Alkaloids of four species of Argemone.” Chemistry of Natural compounds 22.2 (1986): 189-192.

L’assunzione di papavero messicano è controindicata prima di un’operazione chirurgica o durante gravidanza ed allattamento.

Non sono note interazioni farmacologiche pericolose o effetti collaterali.

L’overdose è fastidiosa, c’è l’eventualità di sviluppare mal di testa, nausea e febbre.

Non ci sono casi di morte, danni permanenti o dipendenza in letteratura scientifica relativi al consumo della parte aerea di questa pianta.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Papavero messicano (Argemone Mexicana)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -