Arancia amara (Citrus aurantium) frutto fresco

5.90

In Stock

Un frutto mediterraneo poco diffuso, viene solitamente miscelato ad altri succhi dato il suo sapore amaro..

Contiene sineprina ed alcaloidi feniletilamminici dalle proprietà termogeniche e stimolanti, oltre ad altri composti organici che hanno invece un’azione sedativa riducendo l’ansia e migliorando l’umore.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E CAMPIONATURA BOTANICA.

Svuota
5.90
condizione Fresca Secca
parte Frutto Buccia
forma Intera Tritata In polvere Estratto alcolico
quantita 50g 250g 1kg 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MTC (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: frutto, buccia essiccata

-ingerita\ 1-2g
-infusa\ 3-5
-tintura 1:1\ 1-3ml

Viene combinata con iperico, caffè, guaranà ed erba mate a scopo stimolante sul metabolismo; con aglio, pepe nero, origano e limone per condire pesce, pollo ed altre carni bianche i arrosti e grigliate.

In Medicina Tradizionale Cinese si assume 2 volte al giorno per almeno due settimane prima di ottenerne i massimi benefici.

Contiene sineprina ed alcaloidi feniletilamminici dalle proprietà termogeniche e stimolanti, oltre ad altri composti organici che hanno invece un’azione sedativa riducendo l’ansia e migliorando l’umore.

Gli effetti sono comunque molto gentili e non adatti all’uso ludico.

Medicina convenzionale
Le proprietà adrenergiche [17], ipolipidiche [18], ipoglicemiche [19], dimagranti [23], termogeniche [26], anaboliche [28], sedative [29], sonnifere [30], ansiolitiche [33], anticonvulsivanti [38], antidepressive [41], nootropiche [47], neuroprotettive [48], analgesiche [55], antinfiammatorie [55], immunostimolanti [58], antitumorali [60], antitrombotiche [65], gastroprotettive [67], antiulcera [67], epatoprotettive [69], nefroprotettive [73], antiemetiche [74], lassative [75], antiossidanti [77], antibatteriche [80], antimicotiche [81] e pesticide [89] dell’arancia amara sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non viene impiegata in medicina convenzionale, ma è molto diffusa nell’industria dei supplementi sportivi e dimagranti.

 

Medicina alternativa
Viene indicata in fitoterapia contro inappetenza, eccesso di peso, disturbi gastrointestinali, iperlipidemia, colesterolo alto, iperglicemia, diabete, patologie epatiche, disturbi della milza, problemi alla vescica, debolezza, anemia, macchie della pelle, cancro e geloni. Viene considerato un ottimo dimagrante, stimolante, tonico generale e depuratore. Il suo effetto rilassante concilia anche il sonno e combatte l’insonnia.

Viene applicata contro infiammazioni oculari, emorragie della retina, esaurimento da ipotermia, mal di testa, neuralgia, dolore articolare, ferite, flebiti e piaghe da decubito.

Ha sostituito l’efedra in molti supplementi per il controllo del peso e viene lodata anche come afrodisiaco.

Infuso
-Mettere l’arancia amara (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile con volume doppio d’acqua (opzionale)distillata molto calda ma non bollente.
-Chiudere ermeticamente il barattolo e lasciare infondere finchè non diventa tiepido, si può anche avvolgere nell’alluminio per rallentare il raffreddamento
-Filtrare i solidi
-(Opzionale) Riutilizzare i solidi scartati per un altra infusione

Tintura
-Mettere l’arancia amara (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 40% per un volume di due volte superiore al materiale vegetale.
-Scuotere quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e mantenere in infusione fino a 2 settimane per la saturazione.
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Marmellata
-Pelare l’arancia amara fresca e pulirla di tutta la patina bianca esterna.
-Frullarla fino alla completa omogenizzazione, quindi lasciarla a riposo una notte aggiungendo acqua per metà del suo volume.
-Bollire appena la mistura per 1 ora e mezza, quindi aggiungere una spruzzatina di limone e zucchero di canna per un peso pari alle arance amare utilizzate.
-Bollire appena la marmellata per altri 40m, quindi controllarne la densità lasciandone raffreddare una cucchiaiata in frigo e vedendo se si solidifica.

Descrizione
Classe: Magnoliopsida
Sottoclasse: Rosidae
Ordine: Sapindales
Famiglia: Rutaceae
Sottofamiglia: Aurantioideae
Tribù: Citreae
Genere: Citrus
Specie: C. × aurantium
Nativo: Cina
Plant Hardiness Zone: 8-11
L’arancia amara (Citrus Aurantium) è un albero spinoso sempreverde che cresce fino a 9m d’altezza.

Coltivazione
L’arancia amara è un albero robusto non difficile da coltivare:
-mettere a mollo i semi in acqua fino a 24h.
-In primavera seppellire superficialmente i semi in un terreno umido, ricco e ben drenante a piena esposizione solare.
-mantenere il terriccio umido fino alla germinazione, richiede di solito dalle 2 alle 3 settimane.
-una volta stabilito non necessita di molte attenzioni.

Dioscoride il Greco menziona l’agua de azahar, il distillato di boccioli d’arancia amara, come un tonico per cuore e stomaco utile per controllare gli svenimenti post-natali [1].

Nel Medioevo il Citrus aurantium si diffuse fra i medici arabi, nella medicina tradizionale Persiana viene consumato ancora oggi come sedativo e sonnifero [2].
In Turchia ha una lunga tradizione come narcotico, antisettico, sedativo, energizzante, tonico, rimedio per scorbuto e mal di stomaco. In Iran i fiori vengono infusi e decotti come sedativi ed ansiolitici.
Tra i contadini della provincia di Gilan la buccia essiccata viene indicata nel trattamento di nausea, vomito, parassiti intestinali, mal di testa, debolezza cardiaca, disturbi gastrici e della memoria.
Il succo fresco viene consumato come diuretico, detossificante, dimagrante, digestivo, decongestionante ed antitussivo; localmente si applica per velocizzare la guarigione delle ferite, oltre che a scopo cosmetico per schiarire la pelle e rendere più soffici i capelli.
L’aroma dell’olio essenziale riduce ansia, migliora l’umore e le capacità cognitive [3].

Nella Medicina Tradizionale Cinese la buccia e il frutto immaturo essiccato dell’arancio amaro noto come zhi shi vengono impiegati nel trattamento di indigestione, dolore addominale, diarrea, dissenteria, cancro, avvelenamento, infezioni, parassitosi, alitosi, edemi, dismenorrea, dispnea, micosi, foruncoli, infiammazioni, flatulenza, prolasso, splenite, secchezza delle fauci, marasma, costipazione, congestione respiratoria, colecistiti ed altri disturbi gastrici.
In caso di paziente debole o anziano si impiega il frutto maturo che è meno potente e più facilmente tollerato [4].

E’ una pianta molto importante per la medicina ayurvedica e viene lodato come digestivo, antiemetico, ipotensivo, antitussivo, brocostimolante, antinfiammatorio, antipiretico, digestivo, rimedio per splenomegalia e menorragia. L’infusione dei fiori secchi si consuma internamente per trattare influenza, insonnia, debolezza cardiaca, spasmi, raffreddori e disturbi gastrici. La radice viene impiegata per le infezioni del tratto urinario e localmente contro foruncoli e problemi epidermici [5].

Ad Haiti l’arancio amaro ha una lunga tradizione come alimento, pianta medicinale e rituale.
Le foglie vengono bollite insieme a quelle di Annona muricata per fare dei bagni medicinali contro la febbre: il paziente viene massaggiato con il fogliame durante l’ammollo, una volta terminata la procedura deve immediatamente mettersi a dormire.
Una tisana a base di foglie di Citrus aurantium e Caffea arabica viene impiegata per controllare nervosismo e tachicardia nei casi di shock emotivo.
Il te fatto con le foglie di arancio amaro si consuma anche per trattare i sintomi dell’influenza. Inoltre vengono scaldate ed attaccate alla fronte per alleviare il mal di testa.
Il frutto viene arrostito e impastato con olio di ricino, quindi applicato sulle ferite per rimuovere i coaguli e ripristinare la circolazione.
Viene anche fatto a poltiglia nell’acqua, lasciato fuori a macerare per una notte quindi impiegato a scopo cosmetico per schiarire la pelle.
Il succo viene somministrato come rimedio per l’anemia, mischiato al bicarbonato di soda viene consumato di mattina per trattare i disturbi epatici.
In caso di problemi digestivi s fanno dei clisteri col succo addizionato con abbondante sale [6].

In Messico e Sud America l’arancio amaro è stato utilizzato come rimedio per insonnia, ansia ed epilessia.
Alle foglie vengono attribuite proprietà toniche, lassative, sedative, soporifere ed ansiolitiche. La buccia viene indicata per controllare mal di stomaco e pressione alta [7].
In Brasile tra le comunità quilongo Oriximinà si impiega contro malaria, anemia, debolezza, disturbi epatici, mal di testa ed emicrania [8].
Nell’isola di Trinidad viene impiegato a scopo medicinale come rimedio per dispepsia, intossicazioni alimentari, eccesso di muco, flatulenza, alitosi, oliguria e candidosi.

Le foglie sono usate in Africa come sedativo, la buccia viene consumata per trattare disturbi epatici, malaria, anemia, debolezza, mal di testa ed emicrania [9].
In Nigeria viene impiegato nel trattamento di cancro e disturbi infiammatori [10].

Tra i Baschi in Europa il fogliame si consuma per trattare mal di stomaco, insonnia e palpitazioni; il frutto viene considerato un efficace antispasmodico.
A Curacao nei Paesi Bassi si usa come ansiolitico, tranquillante, ipotensivo e rimedio per disturbi urinari; ne fanno anche degli shampoo medicinali [11].
Nel XVI secolo la principessa Anna Maria di Nerola estrasse un olio aromatico dai fiori, che oggi ha un prezzo proibitivo e porta ancora il nome di olio di neroli.
Un tempo in Sicilia nel territorio di Paceco si consumava il succo fresco in caso di raffreddore o influenza [12].
Il distillato di fiori di arancio amaro è stato impiegato fino agli anni ’70 per supportare la funzionalità gastrica, venivano anche decotti insieme a miele e zucchero per rinforzare cuore e stomaco.
La buccia veniva rimossa ed essiccata per poterla conservare ed utilizzare come digestivo [13].

ADRENERGICO
I principali composti attivi del Citrus aurantium agiscono sul sistema adrenergico: la p-sineprina è un agonista α-adrenergico [14] avente anche proprietà β-adrenergiche [15], il composto viene prodotto anche a livello endogeno e potrebbe fungere da neurotrasmettitore [16]; la m-sineprina ha una simile farmacologia ma è stata studiata in maniera molto più approfondita ed oggi è uno degli ingredienti più diffusi tra i decongestionanti da banco [17].

DIMAGRANTE, IPOLIPIDICO, IPOGLICEMICO
L’arancia amara promuove la lipolisi attraverso la stimolazione del sistema adrenergico, sembra diminuire i livelli di grasso corporeo in maniera selettiva senza compromettere la massa magra [18].
La p-sineprina si lega ai recettori β3 adrenergici favorendo la perossidazione lipidica e di conseguenza mantenendo stabile la glicemia a riposo e ritardando lo spike insulinico post-esercizio [19].
Dai modelli animali si è visto che le varie forme di sineprina possano incrementare l’attività della lipoproteina lipasi (LPL) [20].

In altri lavori ha ridotto la motilità gastrica ed intestinale, un meccansimo che potrebbe limitare l’apporto di cibo [21].

In uno studio a doppio cieco le combinazione di arancia amara, caffeina ed iperico ha incrementato la perdita di peso degli adulti sovrappeso sottoposti ad un regime di attività fisica e dieta controllata abbassando anche la trigliceridemia [22].
In un altra ricerca su una popolazione femminile ha portato la perdita di peso settimanale da 0,94kg a 2,40kg dopo 7 giorni di trattamento [23].
In uno studio clinico controllato randomizzato una combinazione a base di efedra asiatica, arancia amara e guaranà ha indotto una perdita significativa di massa grassa, riducendo anche BMI e percentuale di grasso corporeo [24].

In base alle evidenze esposte in alcune review potrebbe essere il sostituto ideale dei prodotti a base di efedra [25].

TERMOGENICO
Le ammine adrenergiche estratte dall’arancia amara hanno incrementato l’effetto termico indotto dal cibo nelle donne dimuendo la risposta nervosa simpatica al pasto [26].

ANABOLICO
Negli esemplari di pesce gatto argentato (Rhamdia quelen) ha favorito la crescita incrementando i livelli di proteine nei muscoli, antiossidanti e altri parametri biochimici [27].
La somministrazione di p-sineprina da sola (100mg) o in combinazione con la caffeina (100 + 100mg) ha incrementato il carico di lavoro e il numero delle ripetizioni effettuate durante gli esercizi contro-resistenza a corpo lbero.
Inoltre la combinazione ha potenziato forza e la velocità media in tutti i set [28].

SEDATIVO, ANSIOLITICO, SONNIFERO
L’olio essenziale della buccia e l’estratto idroalcolico di fogliame hanno incrementato la durata del sonno indotto dal pentobarbital nei ratti oltre a manifestare una significativa azione ansiolitica [29].
In altri test estratti acquosi di fiori d’arancio hanno incrementato il sonno indotto dai barbiturici. I ricercatori ipotizzano che l’azione sia dovuta ai flavonoidi che hanno una certa affinità per i recettori centrali delle bezodiazepina (CBR) [30].
L’arancia amara in capsule nella dose di 500mg ha migliorato la qualità del sonno di una popolazione postmenopausale in uno studio radomizzato a triplo-cieco dopo 8 settimane di terapia [31].
L’aroma dell’olio essenziale ha migliorato la qualità del sonno negli anziani affetti da insufficienza cardiaca [32].
Un estratto acquoso di fiori d’arancio amaro ha indotto un marcato effetto ansiolitico nei ratti (125mg/kg), alla dose più alta (250mg/kg) ha ridotto l’attività locomotoria.
Entrambi i dosaggi hanno ridotto l’onset ed incrementato la durata del sonno indotto dal pentobarbital.
I ricercatori hanno registrato anche la diminuzione della frequenza di firing dei neuroni del nucluo basolaterale dell’amigdala (BLA), una delle principali strutture centrali coinvolte nell’ansiogenesi [33].

L’olio essenziale per via orale ha mostrato utili applicazioni nei modelli animali di disturbo d’ansia generalizzato (GAD) e disordine ossessivo-compulsivo (DOC) senza limitare l’attività motoria [34].
La nebulizzazione dell’olio essenziale ha indotto un effetto ansiolitico significativo nei tossicodipendenti da crack [35].
L’aroma dell’olio essenziale è risultato efficace nel controllare l’ansia indotta da operazioni chirurgiche, pratiche dentistiche, patologie terminali ed altre situazioni stressanti [36].
L’azione ansiolitica è mediata dal sistema serotoninergico ed in particolora dai recettori 5-HT1A. L’inalazione dei vapori aromatici stimola la sintesi di serotonina e dopamina in corteccia prefrontale ed ippocampo, i ricercatori ipotizzano possa influenzare la risposta dopaminergica modulando i livelli dell’altro sistema [37].

ANTICONVULSIVANTE
Un estratto idrometanolico a base di fiori freschi ha diminuito la latenza dell’onset e la durata delle convulsioni nel modello animale da Pentetrazolo (PTZ), riducendo anche la mortalità da 36% a 0% [38].
L’olio di Neroli ha protetto le cavie dalle convulsioni indotte dal Pentetrazolo (PTZ) in maniera simile al diazepam, sembra che l’azione sia mediata dal sistema GABAergico [39].

In un altro studio l’esposizione ad un estratto acquoso di foglie di arancio amaro ha indotto un effetto anticonvulsivante negli esemplari di pesce zebra (Danio rerio) attraverso l’interazione con i recettori NMDA, mGluR-I e mGluR-II del glutammato [40].

ANTIDEPRESSIVO
Un estratto acquoso preparato col frutto immaturo ha manifestato un significativo effetto antidepressivo nei modelli in vivo ed in vitro [41].
L’olio essenziale ha migliorato i punteggi nel test di nuoto forzato e ridotto i tempi di immobilità dei topi trattati con la reserpina [42].
L’inalazione ha stimolato le interazioni sociali e ridotto il livello di coinvolgimento emozionale senza alterare l’attività generale e le abilità esplorative dei ratti.
I ricercatori ipotizzano possa avere potenziali applicazioni in psichiatria [43].
La p-sineprina ha manifestato una significativa attività antidepressiva nei test di immobilità condotti sui topi attraverso la stimolazione degli adrenorecettori α-1 [44]; oltre a stimolare il rilascio di noradrenalina dalla corteccia cerebrale dei ratti [45].

Una combinazione a base di estratti acquosi di Gardenia jasminoides, Citrus aurantium e Magnolia officinalis ha ribaltato i comportamenti depressivi nel modello animale da stress lieve cronico imprevedibile (UCMS) normalizzando la funzione dell’asse ipotalamo-ipofisario (HPA), stimolando l’espressione del fattore neurotrofico cerebrale (BDNF) e la neurogenesi nell’ippocampo [46].

NEUROPROTETTIVO, NOOTROPICO
In uno studio randomizzato a doppio cieco su 25 maschi sani la somministrazione di integratori di sineprina ha incrementato il pensiero positivo e la funzionalità cognitiva [47].
L’estratto dei fiori ha ripristinato la memoria e le capacità cognitive nei ratti trattati con scopolamina riducendo i livelli sierici di malondialdeide (MDA), i ricercatori suggeriscono che possa avere utili applicazioni nel trattamento dell’Alzheimer [48].
L’olio essenziale e il limonene estratti dall’arancio amaro sono potenti inibitori reversibili e non competitivi delle colinesterasi con valori IC rispettivamente di 2.94 mM e 3.54 mM [49].

Un estratto di Citrus aurantium e la nobiletina isolata dalla buccia hanno ridotto i deficit di apprendimento spaziale indotti dal peptide betamiloide (Aβ) nei topi, incrementando l’attività dell’acetilcolinesterasi (AchE) nella corteccia e nell’ippocampo.
Inoltre ha causato la sottoregolazione dell’espressione della proteina Bax e caspasi-3 clivata, sovraregolando contemporaneamente di Bcl-2.
L’azione neuroprotettiva sembra mediata dai meccanismi antiapoptici e dalla riduzione dello stress ossidativo [50].

Le nanoparticelle d’oro biogeniche (GNP) sintetizzate dall’olio essenziale di arancia amara riducono il rischio di tossicità amiloide.
In uno studio effettuato tramite fluorescenza la formazione delle fibrille di insulina molto più efficacemente rispetto alla propria controparte sintetizzata chimicamente.
In base allo studio 0.05 nmol L−1 di GNP biogeniche hanno un effetto equivalente a 10 nmol L−1 delle altre [51].

I residui di semi derivanti dalla lavorazione del frutto possono essere sfruttati per l’estrazione di componenti utili al trattamento dell’Alzheimer come l’esperidina e i limonoidi [52].

ANALGESICO, ANTINFIAMMATORIO
I flavonoidi (nobiletina, naringina, esperidina) isolati dall’arancio amaro hanno inibito le citochine proinfiammatorie bloccando la segnalazione di protein chinasi attivate da mitogeni (MAPK) e fattore di trascrizione nucleare (NF-kB) nei macrofagi RAW 264.7 stimolati con lipopolisaccaridi (LPS). Inoltre hanno soppresso l’espressione di cicloossigenasi-2 (COX-2) e sintetasi inducibile dell’ossido nitrico (iNos) [53].
In un altra ricerca hanno ridotto la produzione di iNOS, COX-2, IL-6 e nelle cellule del muscolo scheletrico L6 [54].

L’olio di Neroli (40 mg/kg) ha mostrato un effetto analgesico centrale e periferico, oltre ad un attività antinfiammatorio comparabile al diclofenac (50mg/kg).
I risultati dei test lasciano pensare che sia coinvolto il sistema ossido nitrico (NO) – guanosina monofosfato ciclico (cGMP) [55].

L’anestesia indotta dalla combinazione del tiopental sodico con l’olio essenziale di arancio amaro è risultata preferibile al farmaco da solo, sembra l’azione sia mediata dall’interazione sul recettore GABA-A [56].

In un trial clinico controllato a doppio cieco su 62 studentesse universitarie l’aroma dell’olio essenziale di arancio amaro ha alleviato i sintomi della sindrome premestruale [57].

IMMUNOSTIMOLANTE
I polisaccaridi estratti dall’arancia amara hanno mostrato un marcato effetto immunostimolante sulle cellule RAW264.7 stimolando la produzione di TNF-α, IL-6 e i livelli di espressione di mRNA di iNOS, TNF-α, IL-1β e IL-6.
Inoltre inducono l’aumento dell’attività di chinasi regolata dai segnali extracellulari (ERK), chinasi N-terminale c-Jun (JNK), chinasi regolata dai mitogeni p38 e p65.
Questi dati lasciano supporre che i polisaccaridi attivino i macrofagi mediante la segnalazione MAPK/NF-κB [58].
Tra i polisaccaridi CAVAP-II è risultato il più potente come potenziale immunostimolante [59].

ANTITUMORALE
Un estratto metanolico di fiori d’arancia amara si è dimostrato attivo nei confronti delle linee tumorali MCF-7; MDA-MB-231 e l’edenocarcinoma al colon HT-29 senza mostrare segni di tossicità [60].

I flavonoidi estratti dalla pianta hanno manifestato un effetto antiproliferativo sulle cellule del tumore allo stomaco AGS con un valore IC50 pari a 99 μg/mL.
Inoltre inducono l’apoptosi attraverso l’attivazione delle caspasi e l’inattivazione della poli ADP-ribosio polimerasi (PARP) [61].
In un altra ricerca hanno inibito la proliferazione delle cellule dell’epatoblastoma umano HepG2 ainducend l’apoptosi mediante un meccanismo intrinsico, è stata notata anche la perdita del potenziale di membrana mitocondriale [62].

Il 5-idrossi-6,7,30,40-tetrametossiflavone e l’acido limonexico isolati dai fiori di arancia amara hanno inibito la proliferazione e la variazione morfologica delle linee tumorali Hela, SMCC-7721, and B16 in maniera dose-dopendente [63].

Gli alcaloidi acridonici estratti dalla corteccia di Citrus aurantium hanno espresso un azione citotossica da potente a moderata selettiva per le linee tumorali A549, HepG2, MCF7 e PC3 [64].

ANTITROMBOTICO
Un estratto idroalcolico di buccia di arancia amara ha ridotto la formazione di edemi nei ratti trattati con istamina e destrano in maniera concentrazione-dipendente (IC50 = 119.6 e 118.3 mg/kg–1 rispettivamente) [65].

Una formula della Medicina Tradizionale Cinese nota come Danhong Huayu Koufuye a base di radice di semi di Prunus persica, fiori di Carthamus tinctorius, frutto immaturo di Citrus aurantium, radice di Salvia miltiorrhiza, Angelicae Sinensis, Ligusticum chuanxiong e Bupleurum chinense ha contrastato efficacemente la trombosi venosa.
La combinazione ha indotto la sovraregolazione dell’espressione di proteine e mRNA della sirtuina-1 (SIRT1) e ridotto l’infiltrazione dei leucociti nel trombo e nella parete venosa, oltre ad abbassare i livelli sierici di citochine antinfiammatorie e TNF-α [66].

GASTROPROTETTIVO, ANTIULCERA
L’olio essenziale e il limonene estratti dall’arancio amaro stimolano la rigenerazione epitaliale della mucosa gastrica del 44% e 56% incrementando proliferazione cellulare, angiogenesi mediata dal fattore di crescita epitaliale vascolare e produzione di muco gastrico nei modelli animali di ulcera [67].
Il β-Myrcene contribuisce a mantenere l’integrità della mucosa gastrica: riduce le lesioni ulcerative indotte dalla riperfusione e il danno perossidativo, inoltre ripristina i livelli di glutatione.
I ricercatori ipotizzano che possa avere potenziali applicazioni nel trattamento di ulcera gastrica e duodenale [68].

EPATOPROTETTIVO
Il frutto immaturo essiccato ha protetto i ratti dall’epatossicità da paracetamolo mantenendo l’omeostasi dei metaboliti lipidici e i livelli di glutatione e transaminasi nel fegato; in-vitro haa inibito l’espressione delle proteine proapoptotiche e migliorato la viabilità cellulare.
L’azione differisce dal resveratrolo che agisce soltanto sulla via SIRT1-P53, potrebbe essere più efficace nella prevenzione dei disturbi epatici [69].

La limonina isolata dai semi di arancia amara ha attenuato l’incremento di enzimi epatici, bilirubina totale e TNF-α limitando anche l’infiltrazione dei neutrofili nel modello animale di tossicità epatica da D-galattosamina in maniera simile alla silmarina [70].

Un decotto della medicina tradizionale cinese noto come Zhi-Zi-Da-Huang a base di Gardenia jasminoides, Rheum officinale, Citrus aurantium e semi di soia ha protetto i ratti dai danni epatici da alcol [71].

NEFROPROTETTIVO
L’estratto etanolico di arancia amara ha ridotto i danni renali indotti dalla gentamicina, i ricercatori ipotizzano l’azione sia dovuto all’alto contenuto di flavonoidi dalle proprietà antiossidanti [72].
In un altro studio un estratto alcolico di bucce secche ha mostrato un eccellente effetto nefroprotettivo nel modello di tossicità da cisplatina [73].

ANTIEMETICO
Estratti di arancia amara hanno inibito l’emesi indotta dal solfato di rame e dall’ipecac nei polli più efficacemente del convenzioanle metoclopramide [74].

LASSATIVO
Incrementa la motilità gastrointestinale supportando il tradizionale impiego come lassativo [75].
Una combinazione lassativa a base di Rhamus frangula, Citrus aurantium e Carum carvi si è dimostrata efficace al 100% nei pazienti affetti da cancro duodenale e gastroduodenite con annessa obstipazione [76].

ANTIOSSIDANTE
Sia il succo fresco che la buccia secca sono ricchi di composti acidi fenolici e flavonoidi e si sono mostrati superiori rispetto a vitamina C, BHT e BHA [77].
Un estratto di foglie ha inibito la corrosione dell’acciaio indotta dall’acido idroclorico con un probabile meccanismo di adsorbimento chimico [78].

ANTIBATTERICO
L’arancio amaro si è dimostrato attivo nei confronti dei batteri che causano le infezioni urinarie Staphylococcus aureus e Streptococcus agalactiae [79].
Un estratto metanolico di fiori d’arancio amaro ha inibito la crescita di Escherichia coli, Salmonella Typhimurium, Listeria monocytogenes, Bacillus cereus nel pudding di riso; i ricercatori ipotizzano possa essere impiegato come conservante alimentare [80].

ANTIMICOTICO
Gli estratti e l’olio essenziale di arancia amara sono ricchi di monoterpeni dalla significative proprietà antimicotiche [81].
Gli oli essenziali estratti da bucce, foglie e fiori sono attivi su Penicillium digitatum e italicum anche in caso di isolati resistenti ai normali fungicidi [82].
E’ efficace anche nei confronti di molte muffe patogene che si svuluppano anche negli alimenti come l’Aspergillus terreus [83].
L’olio essenziale delle foglie ha una forte attività fungicida nei confronti della candida con valori MIC di 0.15 – 0.31% (v/v), inoltre favorisce l’azione dei farmaci antibiotici fluconazole ed amfotericina B [84].

PESTICIDA, LARVICIDA
L’olio essenziale estratto dalla buccia è stato impiegato con successo come fumigante sull’sleirode degli orti (Bemisia tabaci) [85], in un altri esperimenti ha mostrato una marcata azione larvicida sulla zanzare Anopheles labranchia e stephensi superiore a quella del Citrus sinensis [86].

Ha provocato la morte di diverse specie di afidi nelle seguenti percentuali: 74% Acyrtosiphon pisum, 74% Rhopalosiphum padi, 60% Aphis fabae e 54% Macrosiphum euphorbiae in maniera concentrazione dipendente [87].
Ha mostrato effetti tossici anche nei confronti del lepidottoro parassita Spodoptera frugiperda [88] e del ragnetto rosso (Tetranychus urticae) [89]; potrebbe avere importanti applicazioni anche in agricoltura.

L’arancia amara contiene

-flavonoidi: esperetina, naringenina, naringina, narirutina, neoesperidina, apigenina, luteolina, diosmetina, nobiletina, desmetil nobiletina, tangeretina, kaempferolo, quercetina;

-limonoidi: limonina, nomilina, obacunone, ichangina, deacetil nomilina;

-alcaloidi: m-octopamina, acetil octapamina, p-sineprina, m-sineprina,  isopropilnorsineprina, n-metiltiramina e ordenina;

-monoterpeni: limonene, α-pinene, β-pinene, β-myrcene, ocimene, γ-terpinene, ossido di linalolo, isoterpinolene, α-terpinolene, linalil acetato, sabinene acetato, neril acetato, geranil acetato;

-triterpeni: squalene;

-sesquiterpeni: cariofillene, germacrene-D, nerolidolo;

-furanocumarine: bergaptene, ossipeucedanina

-amminoacidi: triptofano, tiramina, adenosina, asparigina, valina, isoleucina, alanina;

-acidi grassi: acido palmitico, stearico, laurico, miristico, eicosanoico, oleico e linolenico;

-steroli: ergostadienolo, β-daucosterolo, β-sitosterolo

Nelle foglie sono state identificate anche tracce di triptamina, metiltriptamina (NMT), dimetiltriptammina (DMT), trimetiltriptamina (TMT), serotonina (5-HT), bufotenina (5-HO-DMT) ed altre triptamine allucinogene [90].

La buccia è la parte più ricca di sineprina ed alcaloidi feniletilamminici [91].

1)Dioscórides, et al. Acerca de la materia medicinal y de los venenos mortíferos. Ediciones de Arte y Bibliofilia, 1983.

2)Arab Firouzjaei, Z., et al. “The Effect of Citrus Aurantium Aroma on Sleep Quality in the Elderly with Heart Failure.” Journal of Babol University of Medical Sciences 21.1 (2019): 181-187.

3)Bibalani, G. H., & Mosazadeh-Sayadmahaleh, F. (2011). Recognition and consumption uses and medicinal properties of sour orange (Citrus aurantium) by rural people in East part of Gilan Province (North Iran). Journal of Medicinal Plants Research5(7), 1238-1243.

4)Chen, John K., Tina T. Chen, and Laraine Crampton. Chinese medical herbology and pharmacology. Vol. 1267. City of Industry, CA: Art of Medicine Press, 2004.

5)Karthikeyan, V., and J. Karthikeyan. “Citrus aurantium (bitter orange): A review of its traditional uses, phytochemistry and pharmacology.” International journal of drug discovery and herbal research 4.4 (2014): 766-772.

6)Paul, Alexandra, and Paul A. Cox. “An ethnobotanical survey of the uses for Citrus aurantium (Rutaceae) in Haiti.” Economic Botany 49.3 (1995): 249-256.

7)Stohs, S. J., and M. Shara. “A review of the safety and efficacy of Citrus aurantium in weight management.” Obesity: Epidemiology, pathophysiology, and prevention (2007): 371-382.

8)Oliveira, Danilo R., et al. “Ethnopharmacological evaluation of medicinal plants used against malaria by quilombola communities from Oriximiná, Brazil.” Journal of ethnopharmacology 173 (2015): 424-434.

9)Oliveira, Danilo R., et al. “Ethnopharmacological evaluation of medicinal plants used against malaria by quilombola communities from Oriximiná, Brazil.” Journal of ethnopharmacology 173 (2015): 424-434.

10)Segun, Peter A., et al. “Acridone alkaloids from the stem bark of Citrus aurantium display selective cytotoxicity against breast, liver, lung and prostate human carcinoma cells.” Journal of ethnopharmacology 227 (2018): 131-138.

11)Suryawanshi, JA Saonere. “An overview of Citrus aurantium used in treatment of various diseases.” African Journal of Plant Science 5.7 (2011): 390-395.

12)M. Aleo, Dsrio AZZARO, Salvatore Cambria, & Giuseppe Bazan. (2020). Indagini etnobotaniche nel territorio di Paceco (Sicilia occidentale).

13)Alonso de Herrera, Gabriel. “Obra de agricultura (1513).” Madrid, Ediciones Atlas (1970).

14)Brown, C. M., et al. “Activities of octopamine and synephrine stereoisomers on α‐adrenoceptors.” British journal of pharmacology 93.2 (1988): 417-429.

15)Jordan, Roy, et al. “β‐Adrenergic activities of octopamine and synephrine stereoisomers on guinea‐pig atria and trachea.” Journal of pharmacy and pharmacology 39.9 (1987): 752-754.

16)Kim, Kee-Won, et al. “Characterization of antidepressant-like effects of p-synephrine stereoisomers.” Naunyn-Schmiedeberg’s archives of pharmacology 364.1 (2001): 21-26.

17)National Toxicology Program. “NTP Toxicology and Carcinogenesis Studies of Phenylephrine Hydrochloride (CAS No. 61-76-7) in F344/N Rats and B6C3F1 Mice (Feed Studies).” National Toxicology Program technical report series 322 (1987): 1-172.

18)Mooney, Robert A., and Jay M. McDonald. “Effect of phenylephrine on lipolysis in rat adipocytes: no evidence for an alpha-adrenergic mechanism.” The International journal of biochemistry 16.1 (1984): 55-59.

19)Kliszczewicz, Brian, et al. “Citrus Aurantium and caffeine complex versus placebo on biomarkers of metabolism: A double blind crossover design.” Journal of the International Society of Sports Nutrition 16.1 (2019): 1-7.

20)Desfaits, Anne-Cécile, Julie Lafond, and Roland Savard. “The effects of a selective alpha-1 adrenergic blockade on the activity of adipose tissue lipoprotein lipase in female hamsters.” Life sciences 57.7 (1995): 705-713.

21)National Toxicology Program. “NTP toxicology and carcinogenesis studies of ephedrine sulfate (CAS no. 134-72-5) in F344/N rats and B6C3F1 mice (feed studies).” National Toxicology Program technical report series 307 (1986): 1-186.

22)Colker, Carlon M., et al. “Effects of Citrus aurantium extract, caffeine, and St. John’s wort on body fat loss, lipid levels, and mood states in overweight healthy adults.” Current Therapeutic Research 60.3 (1999): 145-153.

23)Jones, Dennis. “Regulation of appetite, body weight and athletic function with materials derived from citrus varieties.” U.S. Patent No. 6,224,873. 1 May 2001.

24)Kalman, Douglas S., et al. “Effects of a weight-loss aid in healthy overweight adults: double-blind, placebo-controlled clinical trial.” Current therapeutic research 61.4 (2000): 199-205.

25)Preuss, Harry G., et al. “Citrus aurantium as a thermogenic, weight-reduction replacement for ephedra: an overview.” Journal of medicine 33.1-4 (2002): 247-264.

26)Gougeon, Réjeanne, et al. “Increase in the thermic effect of food in women by adrenergic amines extracted from Citrus aurantium.” Obesity research 13.7 (2005): 1187-1194.

27)Lopes, Jane Mello, et al. “Citrus x aurantium essential oil as feed additive improved growth performance, survival, metabolic, and oxidative parameters of silver catfish (Rhamdia quelen).” Aquaculture Nutrition 25.2 (2019): 310-318.

28)Ratamess, Nicholas A., et al. “The effects of supplementation with P-Synephrine alone and in combination with caffeine on resistance exercise performance.” Journal of the International Society of Sports Nutrition 12.1 (2015): 1-11.

29)Carvalho-Freitas, Maria Isabel Roth, and Mirtes Costa. “Anxiolytic and sedative effects of extracts and essential oil from Citrus aurantium L.” Biological and Pharmaceutical Bulletin 25.12 (2002): 1629-1633.

30)Abbasnejad, M., H. Jonaidi, and Maryam Yousefi. “Sedative effects of flower extracts from sour orange (Citrus aurantium L.) in rats.” Психофармакология и биологическая наркология 5.2 (2005).

31)Kamalifard, Mahin, et al. “Comparison of the effect of lavender and bitter orange on sleep quality in postmenopausal women: a triple-blind, randomized, controlled clinical trial.” Women & health 58.8 (2018): 851-865.

32)Arab Firouzjaei, Z., et al. “The Effect of Citrus Aurantium Aroma on Sleep Quality in the Elderly with Heart Failure.” Journal of Babol University of Medical Sciences 21.1 (2019): 181-187.

33)Motaghi, Sahel, et al. “Behavioral and electrophysiological evidence for attenuation of CNS by aqueous extract from Citrus aurantium (CaL) flowers in rat.” Comparative Clinical Pathology 25.4 (2016): 769-774.

34)de Moraes Pultrini, Aline, Luciane Almeida Galindo, and Mirtes Costa. “Effects of the essential oil from Citrus aurantium L. in experimental anxiety models in mice.” Life sciences 78.15 (2006): 1720-1725.

35)Neto, G. Chaves, et al. “Anxiolytic effect of Citrus aurantium L. in crack users.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2017 (2017): 8.

36)Mannucci, Carmen, et al. “Clinical Pharmacology of Citrus aurantium and Citrus sinensis for the Treatment of Anxiety.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2018 (2018).

37)Costa, Celso ARA, et al. “Citrus aurantium L. essential oil exhibits anxiolytic-like activity mediated by 5-HT 1A-receptors and reduces cholesterol after repeated oral treatment.” BMC complementary and alternative medicine 13.1 (2013): 1-10.

38)Abbasnejad, M., et al. “Effect of hydro-methanolic extract of sour orange flowers, Citrus aurantium, on pentylentetrazole induced seizure in male rats.” Journal of Babol University of Medical Sciences 14.5 (2012): 20-28.

39)Azanchi, Taravat, Hamed Shafaroodi, and Jinous Asgarpanah. “Anticonvulsant activity of Citrus aurantium blossom essential oil (neroli): involvment of the GABAergic system.” Natural product communications 9.11 (2014): 1615-1618.

40)Rosa-Falero, Coral, et al. “Citrus aurantium increases seizure latency to PTZ induced seizures in zebrafish thru NMDA and mGluR’s I and II.” Frontiers in pharmacology 5 (2015): 284.

41)Wu, Ming, et al. “Identification of the chemical constituents in aqueous extract of Zhi-Qiao and evaluation of its antidepressant effect.” Molecules 20.4 (2015): 6925-6940.

42)HASHEMI, SHAHRAKI FARIBA, et al. “Antidepressant-Like Effect of Lavandula Angustifolia Mill and Citrus Aurantium Duh Essential Oils with Forced Swimming Test in Reserpinized Mice Balb/C.” (2017): 77-85.

43)Leite, M. P., Fassin Jr, J., Baziloni, E. M., Almeida, R. N., Mattei, R., & Leite, J. R. (2008). Behavioral effects of essential oil of Citrus aurantium L. inhalation in rats. Revista Brasileira de Farmacognosia18, 661-666.

44)Song, Dong-Keun, et al. “Antidepressant-like effects of p-synephrine in mouse models of immobility tests.” Neuroscience letters 214.2-3 (1996): 107-110.

45)Kim, Kee-Won, et al. “Characterization of antidepressant-like effects of p-synephrine stereoisomers.” Naunyn-Schmiedeberg’s archives of pharmacology 364.1 (2001): 21-26.

46)Xing, Hang, et al. “Antidepressant-like effect of the water extract of the fixed combination of Gardenia jasminoides, Citrus aurantium and Magnolia officinalis in a rat model of chronic unpredictable mild stress.” Phytomedicine 22.13 (2015): 1178-1185.

47)Jung, Y. Peter, et al. “Effects of acute ingestion of a pre-workout dietary supplement with and without p-synephrine on resting energy expenditure, cognitive function and exercise performance.” Journal of the International Society of Sports Nutrition 14.1 (2017): 1-15.

48)Rahnama, Samira, et al. “Anti-amnesic activity of Citrus aurantium flowers extract against scopolamine-induced memory impairments in rats.” Neurological Sciences 36.4 (2015): 553-560.

49)Zarrad, Khaoula, et al. “Chemical composition, fumigant and anti-acetylcholinesterase activity of the Tunisian Citrus aurantium L. essential oils.” Industrial crops and products 76 (2015): 121-127.

50)Lee, Hae Jin, et al. “Ameliorating effect of Citrus aurantium extracts and nobiletin on β‑amyloid (1‑42)‑induced memory impairment in mice.” Molecular medicine reports 20.4 (2019): 3448-3455.

51)Sattarahmady, N., et al. “Investigation of amyloid formation inhibition of chemically and biogenically from Citrus aurantium L. blossoms and Rose damascena oils of gold nanoparticles: toxicity evaluation in rat pheochromocytoma PC12 cells.” International journal of biological macromolecules 112 (2018): 703-711.

52)Abou Baker, Doha H., et al. “Exploiting Citrus aurantium seeds and their secondary metabolites in the management of Alzheimer disease.” Toxicology reports 7 (2020): 723-729.

53)Kang, Sang Rim, et al. “Anti-inflammatory effect of flavonoids isolated from Korea Citrus aurantium L. on lipopolysaccharide-induced mouse macrophage RAW 264.7 cells by blocking of nuclear factor-kappa B (NF-κB) and mitogen-activated protein kinase (MAPK) signalling pathways.” Food Chemistry 129.4 (2011): 1721-1728.

54)Kim, Jin‐A., et al. “Suppressive effect of flavonoids from Korean Citrus aurantium L. on the expression of inflammatory mediators in L6 skeletal muscle cells.” Phytotherapy Research 26.12 (2012): 1904-1912.

55)Khodabakhsh, Pariya, Hamed Shafaroodi, and Jinous Asgarpanah. “Analgesic and anti-inflammatory activities of Citrus aurantium L. blossoms essential oil (neroli): involvement of the nitric oxide/cyclic-guanosine monophosphate pathway.” Journal of natural medicines 69.3 (2015): 324-331.

56)Abdi-Azar, Hamed, and SaeidAbbasi Maleki. “Comparison of the anesthesia with thiopental sodium alone and their combination with Citrus aurantium L.(Rutaseae) essential oil in male rat.” Bull. Environ. Pharmacol. Life Sci 3 (2014): 37-44.

57)Heydari, N., et al. “Investigation of the effect of aromatherapy with Citrus aurantium blossom essential oil on premenstrual syndrome in university students: A clinical trial study.” Complementary therapies in clinical practice 32 (2018): 1-5.

58)Shen, Chun-Yan, et al. “Immune enhancement effects and extraction optimization of polysaccharides from Citrus aurantium L. var. amara Engl.” Food & function 8.2 (2017): 796-807.

59)Shen, Chun-Yan, et al. “Structural characterization and immunomodulatory activity of novel polysaccharides from Citrus aurantium Linn. variant amara Engl.” Journal of Functional Foods 35 (2017): 352-362.

60)Karimi, Ehsan, et al. “Phenolic compounds characterization and biological activities of Citrus aurantium bloom.” Molecules 17.2 (2012): 1203-1218.]

61)Lee, Do-Hoon, et al. “Flavonoids isolated from Korea Citrus aurantium L. induce G2/M phase arrest and apoptosis in human gastric cancer AGS cells.” Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine 2012 (2012).

62)Lee, Seung Hwan, et al. “Flavonoids of Korean Citrus aurantium L. induce apoptosis via intrinsic pathway in human hepatoblastoma HepG2 cells.” Phytotherapy research 29.12 (2015): 1940-1949.

63)Zhao, Hai-Yan, et al. “Bioactivity evaluations of ingredients extracted from the flowers of Citrus aurantium L. var. amara Engl.” Food chemistry 135.4 (2012): 2175-2181.

64)Segun, Peter A., et al. “Acridone alkaloids from the stem bark of Citrus aurantium display selective cytotoxicity against breast, liver, lung and prostate human carcinoma cells.” Journal of ethnopharmacology 227 (2018): 131-138.

65)Mencherini, Teresa, et al. “HPLC-PDA-MS and NMR characterization of a hydroalcoholic extract of Citrus aurantium L. var. amara peel with antiedematogenic activity.” Journal of agricultural and food chemistry 61.8 (2013): 1686-1693.

66)Liu, Han, et al. “Danhong Huayu Koufuye prevents venous thrombosis through antiinflammation via Sirtuin 1/NF-κB signaling pathway.” Journal of ethnopharmacology 241 (2019): 111975.

67)Moraes, Thiago Mello, et al. “Healing actions of essential oils from Citrus aurantium and d-limonene in the gastric mucosa: the roles of VEGF, PCNA, and COX-2 in cell proliferation.” Journal of medicinal food 16.12 (2013): 1162-1167.

68)Bonamin, Flavia, et al. “The effect of a minor constituent of essential oil from Citrus aurantium: The role of β-myrcene in preventing peptic ulcer disease.” Chemico-biological interactions 212 (2014): 11-19.

69)Shu, Yisong, et al. “Hepatoprotective effect of Citrus aurantium L. against APAP-induced liver injury by regulating liver lipid metabolism and apoptosis.” International journal of biological sciences 16.5 (2020): 752.

70)Mahmoud, Mona F., et al. “Hepatoprotective effect of limonin, a natural limonoid from the seed of Citrus aurantium var. bigaradia, on D-galactosamine-induced liver injury in rats.” Naunyn-Schmiedeberg’s archives of pharmacology 387.3 (2014): 251-261.

71)Wang, Hang, et al. “Evaluation of hepatoprotective effect of Zhi-Zi-Da-Huang decoction and its two fractions against acute alcohol-induced liver injury in rats.” Journal of ethnopharmacology 126.2 (2009): 273-279.

72)Ullah, Naveed, et al. “Nephroprotective potentials of Citrus Aurantium: A prospective pharmacological study on experimental models.” Pakistan journal of pharmaceutical sciences 27.3 (2014): 505-510.

73)Wang, Rui, et al. “Citrus aurantium ameliorates cisplatin-induced nephrotoxicity.” BioMed research international 2019 (2019).

74)Fathi, H., et al. “Evaluation of antiemetic effect of metabolic, aesthetic and aqueous extracts of Citrus aurantium L. on chicken.” Journal of Gorgan University of Medical Sciences 18.3 (2016): 34-39.

75)Gao, Meng, and Wuliang Yang. “Effects of Citrus aurantium L. on Gastrointestinal Motility and Gastric Cancer Cell Proliferation.” Cancer Biotherapy & Radiopharmaceuticals (2020).

76)Matev, M., et al. “Use of an herbal combination with laxative action on duodenal peptic ulcer and gastroduodenitis patients with a concomitant obstipation syndrome.” Vutreshni bolesti 20.6 (1981): 48-51.

77)Marzouk, Brahim. “Characterization of bioactive compounds in Tunisian bitter orange (Citrus aurantium L.) peel and juice and determination of their antioxidant activities.” BioMed research international 2013 (2013).

78)Dakhil, Rifat Mohammed, et al. “Inhibitive impacts extract of Citrus aurantium leaves of carbon steel in corrosive media.” Green Chemistry Letters and Reviews 11.4 (2018): 559-566.

79)Dadashi, Masoud, et al. “Antibacterial effects of Citrus aurantium on bacteria isolated from urinary tract infection.” Research in Molecular Medicine 3.4 (2015): 47-50.

80)Degirmenci, Huseyin, and Hatice Erkurt. “Chemical profile and antioxidant potency of Citrus aurantium L. flower extracts with antibacterial effect against foodborne pathogens in rice pudding.” LWT 126 (2020): 109273.

81)Metoui, N., et al. “Activity antifungal of the essential oils; aqueous and ethanol extracts from Citrus aurantium L.” Natural product research 29.23 (2015): 2238-2241.

82)Trabelsi, Dhekra, et al. “Chemical composition and antifungal activity of essential oils from flowers, leaves and peels of Tunisian Citrus aurantium against Penicillium digitatum and Penicillium italicum.” Journal of Essential Oil Bearing Plants 19.7 (2016): 1660-1674.

83)Elgat, Wael AA, et al. “Eucalyptus camaldulensis, Citrus aurantium, and Citrus sinensis Essential Oils as Antifungal Activity against Aspergillus flavus, Aspergillus niger, Aspergillus terreus, and Fusarium culmorum.” Processes 8.8 (2020): 1003.

84)Nidhi, Prakriti, et al. “Synergistic potential of Citrus aurantium L. essential oil with antibiotics against Candida albicans.” Journal of Ethnopharmacology 262 (2020): 113135.

85)Zarrad, Khaoula, et al. “Chemical composition, fumigant and anti-acetylcholinesterase activity of the Tunisian Citrus aurantium L. essential oils.” Industrial crops and products 76 (2015): 121-127.

86)El-Akhal, Fouad, Abdelhakim El Ouali Lalami, and Raja Guemmouh. “Larvicidal activity of essential oils of Citrus sinensis and Citrus aurantium (Rutaceae) cultivated in Morocco against the malaria vector Anopheles labranchiae (Diptera: Culicidae).” Asian Pacific Journal of Tropical Disease 5.6 (2015): 458-462.

87)Chaieb, Ikbal, et al. “Chemical composition and aphicidal potential of Citrus aurantium peel essential oils.” Entomol Gen 37 (2018): 63-75.

88)Villafañe, Emilio, et al. “Toxic effects of Citrus aurantium and C. limon essential oils on Spodoptera frugiperda (Lepidoptera: Noctuidae).” Natural product communications 6.9 (2011): 1934578X1100600941.

89)da Camara, Claudio AG, et al. “Repellent activity of essential oils from two species of Citrus against Tetranychus urticae in the laboratory and greenhouse.” Crop Protection 74 (2015): 110-115.

90)Servillo, Luigi, et al. “Citrus genus plants contain N-methylated tryptamine derivatives and their 5-hydroxylated forms.” Journal of agricultural and food chemistry 61.21 (2013): 5156-5162.

91)Rossato, Luciana Grazziotin, et al. “Synephrine: from trace concentrations to massive consumption in weight-loss.” Food and chemical toxicology 49.1 (2011): 8-16.

L’assunzione di arancia amara è controindicata in chi soffre di malattie autoimmuni, patologie emorragiche, diabete, prima di un’operazione chirurgica o durante gravidanza ed allattamento.

L’interazione con MAO-I, benzodiazepine ed altri stimolanti è pericolosa.

L’effetto collaterale più comune è il mal di testa.

L’overdose è pericolosa per il rischio di ipertensione, svenimenti, attacchi cardiaci ed ictus.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Arancia amara (Citrus Aurantium)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -