Magnolia (Magnolia officinalis) intera

7.90

In Stock

Una pianta asiatica dalla corteccia molto aromatica, contiene diversi composti dalle proprietà cannabimimetiche.

Viene impiegata in Medicina Tradizionale Cinese per il trattamento di diversi disturbi, honokiolo e magnolo sono ingredienti comuni negli integratori alimentari rilassanti e sedativi.

NON E’ UN FITOFARMACO O UN SUPPLEMENTO ALIMENTARE, MA UN ARTICOLO NON ADATTO AL CONSUMO UMANO DESTINATO AD AROMATERAPIA E COLLEZIONE.

Svuota
7.90
forma Intera Tritata In polvere Estratto alcolico
quantita 50g 250g 50g di materia prima 100g di materia prima 250g di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

INFORMAZIONI SULL’USO STORICO IN MTC (NON COSTITUISCONO POSOLOGIA)

PARTE USATA: corteccia

-ingerita \ 1-3g
-decotta \ 5-9g
-tintura 1:1 \ 2-5ml

Viene combinata con zenzero e poligola asiatica per il trattamento di disturbi nervosi, gastrici e dell’umore; con il sughero contro disturbi metabolici ed eccesso di peso.

La corteccia di magnolia è un sedativo efficace molto simile al mulungu e come questo ha un basso potenziale d’abuso.

Tuttavia i preparati ad alto contenuto di magnonolo e tetraidromagnonolo hanno proprietà cannabimimetiche che li rendono potenzialmente ricreazionali.

Medicina convenzionale
Le proprietà sedative [3], ipnotiche [3], anticonvulsivanti [5], miorilassanti [5], sonnifere [6], cannabinoidi [7], antiadditive [11], ansiolitiche [12], antipsicotiche [13], antidepressive [16], anticaduta [18], dimagranti [19], ipolipidiche [19], epatoprottive [21], ipoglicemiche [23], antietà [26], depigmentanti [27], antiossidanti [27], antipossiche [27], analgesiche [29], antinfiammatorie [30], neuroprotettivo [37], antitumorale [40], cardioprotettive [46], antiaggreganti [48], antivirali [49], antibatteriche [53], antimicotiche [58], pesticide [60] della magnolia sono supportate dalla ricerca scientifica.

Viene impiegata per la produzione di gomme e dentifrici per il trattamento di gonfiore e sanguinamento gengivale.

 

Medicina alternativa
Viene indicata per trattare ansia, stress, disturbi dell’umore, sintomi menopausali, raffreddore, diabete, disturbi digestivi, mal di testa, ipercolesterolemia, congestione nasale, eccesso di muco. Localmente viene applicata contro carie dentale, mal di denti, punti neri e macchie della pelle. Viene anche impiegata come supporto dimagrante.

Tintura
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale inumidito con acqua distillata ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere la magnolia (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere alcol al 70%.
-Scuotere vigorosamente quanto più spesso (almeno 1 volta al giorno) e lasciare a riposo fino a 3 settimane
-Filtrare e scartare i solidi
-Evaporare l’alcol fino alla gradazione desiderata, si può anche eliminare tutta la parte liquida per ottenere un residuo solido

Decotto
-(Opzionale) Mettere il materiale a mollo per mezza giornata per ammorbidirlo e facilitare l’estrazione.
-Mettere la magnolia (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo di acqua (opzionale)distillata 
-Lasciare sobbollire appena fino a 1 ora per la saturazione, aggiungere ulteriore acqua solo se necessario al fine di tenere i solidi ben coperti.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale)Riutilizzare i solidi scartati per un altra cottura.

Descrizione
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Magnoliales
Famiglia: Magnoliaceae
Genere: Magnolia
Specie: M. officinalis
Nativo: Cina
Plant Hardiness Zone: 7-10
La magnolia (Magnolia officinalis) è un albero deciduo coperto da una corteccia spessa e marrone che cresce fino a 20m d’altezza.
Sviluppa delle foglie lunghe fino a 40 cm e larghe 20 cm.
Produce dei fiori profumati bianchi profumati larghi fino a 15cm.

Coltivazione
La magnolia è un albero difficile da germinare.
-Mettere i semi un busta sigillabile piena di torba o sabbia appena umida ma non bagnata e lasciarli in frigo fino a 3 mesi.
-Mettere a mollo i semi in acqua a temperatura ambiente fino a 24 ore.
-Spargere i semi superficialmente in vaso con un terreno ricco e drenante.
-Esporre il vaso con il geroglio solo a luce indiretta quindi passarlo all’esterno a mezz’ombra man mano che cresce

La corteccia di magnolia viene menzionata per la prima volta nel Libro di Shennong intorno al 100 a.C. col nome di hou pu come rimedio contro colpo di vento, ipotermia, raffreddore, mal di testa, disturbi vascolari, miopatie e parassitosi [1].
I testi successivi però la indicano per il trattamento di disturbi digestivi, respiratori, stress emativo, ansia, paura, fiato corto.

Il decotto a base di magnolia e zenzero viene considerato un toccasana eccezionale contro le infezioni batteriche intestinali.
Formule a base di magnolia, zenzero e liquirizia vengono impiegate in Medicina Tradizionale Cinese per intossicazioni alimentari e disturbi digestivi; insieme a rabarbaro, arancia amara ed altre erbe viene prescritta contro costipazione, gonfiore addominale e disturbi febbrili; con efedra e cannella per trattare congestione e problemi respiratori [2].

SEDATIVO, IPNOTICO, ANTICONVULSIVANTE, MIORILASSANTE, SONNIFERO
Il decotto a base di radice di Polygala tenuifolia trattato con il succo di Magnolia officinalis ha provocato effetti sedativi ed ipnotici nei topi prolungando anche il sonno indotto dal pentobarbital [3].
In una ricerca condotta su 180 donne in menopausa una combinazione con agnocasto, magnolia, isoflavoni della soia e lactobacilli ha ridotto le vampate migliorando anche il riposo notturno [4].

Magnololo ed honokiolo estratti dalla pianta hanno prodotto sedazione, atassia, miorilassamento e perdita del riflesso raddrizzante in maniera dose dipendente dai 50 ai 500 mg/kg i.p.. A 50 mg/kg hanno soppresso i riflessi spinali dei polli giovani in maniera simile alla mefenesina ma con un effetto più duraturo.
Il pretrattamento con 100 mg/kg di magnololo ha inibito le convulsioni toniche degli estensori nei topi indotte dalla pennicillina G 400 µg.
Dall’alettroencefalogramma si notano delle scariche nella corteccia mototria e sensoriale, oltre l’inibizione delle risposte di formazione reticolare ed ipotalamo rispettivamente nella corteccia neo e paleocorteccia.
Questo suggerisce che il neolignano deprima i sistema attivatori ascendenti ed il midollo spinale [5].
Alla dose di 5 e 25 mg/kg ha ridotto la latenza ed incrementato il sonno non-REM e REM agendo sul sito di legame delle benzodiazepine del GABA-A [6].

CANNABINOIDE
La corteccia di Magnolia officinalis è stata proposta come terapia per la dipendenza da cannabis per la proprietà cannabimimetiche dei suoi polifenoli [7].

Il magnololo è un agonista parziale dei recettori dei cannabinoidi CB2 (Ki 1.44 ± 0.10 μM) e CB1 (Ki 3.15 ± 1.65 μM).
Il tetraidromagnololo, il principale metabolita fecale, ha una potenza di circa 19 volte superiore.
E’ più selettivo per i CB1 dove opera come come agonista completo (Ki 2.26 ± 0.89 μM), ma agisce anche come un buon agonista parziale per i CB2 (EC50 = 0.170 μM) .
In più si è comportato come antagonista per il recettore orfano dei cannabinoidi GPR5 (KB = 13.3 μM, test di traslocazione della β-arrestina).
L’honokiolo è un agonista completo CB1 e antogonista/agonista inverso CB2 [8].
Un estratto di magnolia arricchitto con honokiolo ha mostrato effetti neuroprotettivi ed ansiolitici nei modelli animali da eccitotossicità attraverso la modulazione del recettore CB1 [9].

Tutti questi composti hanno un attività intrinseca sul recettore CB1 superiore al THC (Ki: 35–80 nmol) [10].

ANTIADDITIVO
Il decotto tradizionale cinese a base di Pinellia ternata, Poria cocos, Magnolia officinalis, Perilla frutescens e Zingiber officinale noto come banxia houpu è stato restato su un campione di 187 tossicodipendenti nel trattamento dei sintomi dell’astinenza protatta dall’eroina con buoni risultati. La combinazione ha anche ridotto la frequenza di recidive [11].

ANTIPSICOTICO, ANSIOLITICO, ANTIDEPRESSIVO
Un estratto alcolico di magnolia ha ridotto l’ansia e lo stress nei topi femmina migliorando anche la performance cognitiva [12].
Una combinazione a base di teanina, melissa e magnolia ha dimostrato effetti antidepressivi ed ansiolitici nei modelli animali di eccitotossicità attraverso un meccanismo non benzodiazepinico ma cannabinoide [13].
Zhi-Zi-Hou-Po, una farmula della medicina tradizionale cinese con corteccia di Magnolia officinalis e frutti di Gardenia jasminoides e Citrus aurantium ha annullato i comportamenti depressivi nel modello animale da stress lieve cronico imprevedibile (CUMS).
Inoltre ha normalizzato i livelli di ormone adrenocorticotropico (ACTH), corticosterone (CORT), BDNF, DCX e BrdU/NeuN ripristinando anche il feeback negativo dell’asse ipotalamo-ipofisario (HPA) [14].
Una combinazione a base di corteccia di Magnolia officinalis e Phellodendron amurense ha ridotto esposizione al cortisolo, fame nervosa e la percezione di ansia e stress.
Un estratto standardizzato commercializzato col nome di Relora® prodotto con le due piante ha dimostrato effetti positivi sui sintomi legati a stress, umore, vigore, rabbia, fatica e confusione. I ricercatori l’hanno proposta come potenziale farmaco naturale contro lo stress cronico [15].

Honokiolo e magnololo hanno dimostrato effetti ansiolitici ed antidepressivi in diversi modelli animali.
Hanno alleviato la riduzione dei livelli di serotonina dei ratti sottoposti e stress cronico lieve (CMS) in corteccia frontale, ippocampo, nucleo striato, ipotalamo e nucleus accumbens; oltre ad incrementare notevolmente i livelli di acido 5-idrossi-indolacetico (5-HIAA), il principale metabolita della serotonina in corteccia frontale, striato e nucleus accumbens con conseguente riduzione del rapporto 5-HIAA/5-HT.
Infine la mistura dei due neolignani ha normalizzato le concentrazioni elevate di corticosterone e l’iperattività dell’asse ipotalamo-pituitario-adrenale (HPA) e sovraregolato la trasmissione di cAMP [16].
Il 4-O-metilhonokiolo ha manifestato effetti ansiolitici probabilmente mediati dalla trasmissione GABAergica e dei canali del cloro [17].

ANTICADUTA
Estratti di Magnolia officinalis e il 4-O-metilhonokiolo, un neolignano isolato dalla pianta, hanno stimolato la crescita dei follicoli di vibrissa attraverso la sotto regolazione di TGF-β1 e TGF-β2.
L’applicazione locale del composto ha indotto passaggio alla fase anagena dei fusti della peluria sulla schiena di un topo C57BL/6 incrementando l’espressione dell’antigene nucleare di proliferazione cellulare (PCNA) nella regione del bulbo e la moltiplicazione delle cellule immortalizzate di vibrissa della papilla dermica.
Inoltre ha inibito l’arresto della crescita dei cheratinociti indotta dal TGF-β1 attraverso la sottoregolazione di smad2/3, smad4 e NOX4 [18].

DIMAGRANTE, IPOLIPIDICO, IPOGLICEMICO, EPATOPROTETTIVO
Una formula standardizzata registrata col nome di UP601 composta da Morus alba, Ilex paraguaiensis e Magnolia officinalis ha ridotto colesterolo, trigliceridi, LDL e glicemia dei topi C57BL/6J sottoposti a dieta ad alto contenuto di grassi e fruttosio (HFF).
E’ stato notato fino all’89.1% di riduzione del peso dei depositi di grasso mesenterico ed un significativo effetto protettivo sulla steatopatite non alcolica (NASH) [19].
Una combinazione a base di Magnolia officinalis e Phellodendron amurense ha annullato l’aumento di peso in uno studio randomizzato a doppio cieco su soggetti affetti da fame nervosa attraverso la riduzione dei livelli di cortisolo e dello stress [20].

Il magnololo ha protetto i ratti dal fallimento epatico acuto (ALF) contrastando l’innalzamento degli enzimi epatici e la deplezione del glutatione indotte dal paracetamolo [21].
In altri studi ha soppresso l’appetito delle cavie riducendo intake calorico, aumento di peso, percentuale di grasso corporeo, livelli di insulina e leptina [22].
Un estratto di magnolia ha migliorato la sensibilità insulinica e ridotto la glicemia attraverso l’inibizione della tirosina fosfatasi 1B (PTP1B), i ricercatori ipotizzano possa avere potenziali applicazioni nella cura del diabete mellito di tipo 2 [23].
Il 4-O-metilhonokiolo è risultato superiore all’estratto standardizzato di magnolia BL153 nel controllo dell’iperinsulinemia e dell’insulino-resistenza, entrambi hanno anche ridotto l’infiltrazione delle cellule mastocitarie nel tessuto adiposo.
Il neolignano ha protetto i topi sottoposti a dieta ad alto contenuto di grassi (HFD) dalle complicazioni cardiovascolari attenuando la compromissione della trasmissione cardiaca dell’insulina e l’accumulo lipotossico tramite la probabile attivazione di Nrf2 and Akt2 [24].
3 neolignani oligomerici isolati dalla corteccia di magnolia hanno inibito la tirosina protein-fosfatasi (PTP1B) con valori EC50 compresi tra 0.14–2.10 μM, potrebbero avere qualche applicazione nel trattamento dei disturbi metabolici [25].

ANTIOSSIDANTE, ANTIPOSSICO, ANTIETA’, DEPIGMENTANTE
Estratti di Magnolia officinalis promuovono la produzione di ediponectina, una proteina che simola la produzione di collagene di tipo I e acido ialuronico da parte dei fibroblasti dermici promuovendo l’aumento nella massa del tessuto adiposo subcutaneo [26].
Un estratto metanolico di corteccia di Magnolia officinalis fermentato con l’Aspergillus niger ha dimostrato una potente attività antitirosinasica (IC50 v= 30 μg/mL) ed antiossidante sui melanociti umani epidermici.
Inoltre ha inibito gli enzimi legati all’invecchiamento come collagenasi, elastasi, MMP-1 e MMP-2 [27].

L’honokiolo ha prolungato i tempi di sopravvivenza e di nuoto nei modelli animali di tolleranza all’ipossia regolando la risposta allo stress e perossidazione lipidica [28].

ANTINFIAMMATORIO, ANALGESICO
Estratti di magnolia hanno innalzato la soglia del dolore dei ratti, quelli crudi sono risultati più potenti di quelli raffinati [29].
Il magnololo ha manifestato una significativa azione analgesica ed antinfiammatoria in diversi test che si ipotizza sia mediato dalla riduzione del livello di mediatori eicosanoidi [30].
L’honokiolo ha attenuato l’effetto nocicettivo delle bruciature di III grado dei topi, sottoregolando i recettori TRPV1 e P2Y, oltre ad inibire l’espressone delle citochine proinfiammatorie e sovraregolare gli antiossidanti [31].

NEUROPROTETTIVO
La Magnolia officinalis ha sottoregolato l’espressione di IL1-β, Cox-2 e l’attività di iNOS sintasi riducendo perdita neuronale e gliosi nel modello animale da status epilecticus ricorrente [32].

L’honokiolo e magnololo hanno protetto le cellule neuronali dalla tossicità β-amiloide attraverso riduzione della produzione ROS, soppressione dell’aumento di calcio intracellulare ed inibizione dell’attività della caspasi-3.
I ricercatori hanno proposto i due composti come potenziali alternative farmacologiche per il trattamento dell’Alzheimer [33].
Anche il 4-O-metilhonokiolo ha inibito direttamente la β-secretase e la fibrillazione Aβ [34].
In altri test i due neolignani hannoa alleviato la neurotossicità da deprivazione di glucosio, amminoacidi eccitatori e perossido d’idrogeno (H2O2) nelle cellule cerebellari dei ratti.
L’honokiolo si è dimostrato più potente nel contrastare la disfunzione mitocondriale indotta da NMDA e H2O2 [35].
Gli integratori sono risultati meno efficaci dell’estratto alcolico crudo, l’azione antiamiloidogenica viene esplicata attraverso la sottoregolazione dell’attività della β-secretasi [36].

Un estratto alcolico a base di corteccia di magnolia e il 4-O-metilhonokiolo isolato hanno attenuato l’aumento nell’attività dell’acetilcolinestarasi (AChE) e la compromissione delle facoltà mnemoniche indotti dalla scopolamina nei topi in maniera dose dipendente [37].
I risultati sono stati replicati nel modello dei lipopolisaccaridi [38].
Anche l’honokiolo ha protetto le cavie dall’azione della scopolamina migliorando l’apprendimento spaziale e la memoria attraverso l’inibizione di AChE e la soppressione del processo neuroinfiammatorio [39].

ANTITUMORALE
Un estratto acquoso di Magnolia officinalis ha ridotto la dimensione dei tumori delle vescica dei topi indotta dal BBN influenzando drasticamente anche la profondità d’invasione e il grado istologico del carcinoma [40].
Un estratto metanolico ha protetto in maniera molto efficace i topi dall’insorgenza di tumori della pelle [41].

Il magnololo ha indotto l’apoptosi delle cellule del cancro squamoso polmonare, epatico e al colon: incrementa la traslocazione del citocromo c dai mitocondri nel citoson e l’attivazione delle caspasi-3, -8 e -9 attivando la poli ADP-ribosio polimerasi (PARP).
Stimola il rilascio di calcio dalle riserve interne e il flsso attraverso la membrana plasmatica in maniera dose dipendente tramite la via di segnalazione dell’inositolo trifosfato. Infine inibisce la via di sengnalazione del complesso NF-κB [42].

L’honokiolo è risultato attivo sulla leucemia linfoide umana agendo selettivamente sui leucociti anomali. E’ stato testato con successo anche nei modelli animali di angiosarcoma, cancro al seno e ai polmoni.
Sottoregola la proteina c-FLIP nelle cellule tumorali sesibilizzandole all’apoptosi mediata dai recettori di morte (Fas, TRAIL) e stimola il rilascio della proteina proapoptotica AIF nel citosol.
Inoltre attenua la produzione di ROS inibendo lo sviluppo dei relativi tumori modulando la NADPH ossidasi (NOX).
Può indurre l’apoptosi e la differenziazione delle cellule tumorali, oltre ad inibire proliferazione, metastasi, angiogenesi e resistenza multifarmaco [43].

Il 4-O-metilmagnololo ha indotto l’apoptosi delle cellule del cancro cervicale potenziando l’attivività di PPARγ e la conseguente inibizione della via di segnalazione PI3K/Akt ed intrinseca.
In più ha ridotto l’epressione di cl-2 and Bcl-XL ed attivato PARP e caspasi-3 e -9 [44].
4-metossimagndialdeide e magnaldeide B, altri due lignani isolati dalla corteccia, hanno ridotto il volume del carcinoma in un modello animale da tumore ai polmoni [45].

CARDIOPROTETTIVO, ANTIAGGREGANTE
L’honokiolo ha ridotto le dimensioni degli infarti nei modelli animali da ischemia/riperfusione attunuando il grado d’infiltrazione dei neutrofili e il danno istopatologico attraverso la modulazione di infiammazione e stress ossidativo [46].
Il magnololo ha soppresso le aritmie ventricolari e le dimensioni degli infarti dei ratti mediante l’azione antiossidante ed inibitoria sui neutrofili [47].
Entrabi i neolignani inibiscono l’aggregazione e il rilascio di ATP indotto dal collagene e dall’acido arachidonico senza influenzare quello indotto da ADP, PAF o trombina.
In più attenuano la formazione di Trombossano B2 e la mobilizzazione del calcio intracellulare [48].

ANTIVIRALE
Un estratto polifenolico di corteccia di Magnolia officinalis ha ridotto i livelli di mediatori dell’infiammazione, ossido nitrico e citochine proinfiammatorie dei ratti infettati con l’influenzavirus A inibendo l’attivazione di TLR3 e NF-κB e proteggendoli dalla polmonite virale [49].
Un estratto di magnolia è stato proposto come conservante antivirale per la sua attività nei confronti del norovirus, noto agente patogeno responsabile di intossicazioni alimentari. Magnololo ed honokiolo sono dotati di proprietà di riduzione dello ione ferrico e di scavengin DPPH, riducono la titolazione del virus nei succhi di frutta fino a tracce non rilevabili [50].
I due lignani hanno mostrato un potente effetto antivirale nei confronti dell’infezione da GCRV provocando la trascrizione di IRF7 a cui segue l’attivazione di IFN-I.
Inoltre facilitano l’espressione di IL-1β, TNFα e NF-κB rinforzando la risposta immunitaria della cellula ospite [51].

La formula cinese Huoxiang Zhengqi a base di Atractylodes chinensis, Citrus reticulata, Magnolia officinalis, Angelica dahurica, Poria cocos, Areca catechu, Pinellia ternata, Glycyrrhiza uralensis, Pogostemon cablin e Perilla frutescens ha interagito con l’enzima ACE2 legandosi a PTGS2, HSP90AB1, AR, CAMSAP2 ed espletando un potenziale effetto profilattico nei confronti del COVID-19 [52].

ANTIBATTERICO
La corteccia di magnolia è risultata attiva su Staphylococcus aureus, Escherichia coli e Pseudomonas aeruginosa con valori MIC ≤ 0. 25 g/ml, 0.125 g/ml, 1g/ml rispettivamente [53].
Honokiolo e magnololo inibiscono efficacemente la polimerizzazione della proteina FtsZ, target antimicrobico di recente scoperta, dello Staphylococcus aureus alla concentrazione di 100 ppm [54].
I due lignani hanno mostrato una rapida azione battericida su Propionibacterium acnes e granulosum responsabili dell’acne, potrebbero avere potenziali applicazioni nella produzione di creme a prodotti locali contro questo disturbo [55].
Magnololo, honokiolo e piperitilmagnololo sono stati testati con successo su Staphylococcus aureus meticillino e chinolone-resistente [56].
Il terzo lignano è risultato è il più potente come antibiotico su Enterococcus resistente alla vancomicina e Staphylococcus aureus resistente alla meticillina [57].

ANTIMICOTICO
L’honokiolo è stato proposto come potenziale agente fungicida in agricoltura: in alcuni test ha mostrato di essere più efficace del tebuconazolo su Rhizoctonia solani, noto parassita delle piante.
Esplica la sua azione bloccando la via metabolica della fosforilazione ossidativa, stimolando la sovraproduzione di ROS, danneggiando la funzione mitocondriale e la membrana cellulare [58].
Honokiolo e magnololo hanno inibito il fungo Saprolegnia parasitica con valori MIC rispettivamente di 587.4 ug/ml e 976.6 ug/ml [59].

PESTICIDA
Magnololo e honokiolo hanno mostrato un’azione insetticida comparabile al clorpirifos nei confronti del parassita Nilaparvata lugens [60].

TOSSICITA’
La corteccia e i relativi estratti di magnolia sono risultati sicuri ai dosaggi comunemente impiegati, solo la combinazione con l’Aristolochia, pianta dalla nota tossicità, è pericolosa per gli eventuali effetti genotossici. Altre combinazioni impiegate in Medicina Tradizionale Cinese sono state collegate a casi di epatotossicità [61].
Il consumo delle foglie a lungo termine ha provocato anomalie metaboliche, sanguigne, renali e compromesso lo sviluppo degli organi nei topi [62].

La corteccia di Magnolia officinalis contiene:

lignoidi: magnololo, monoterpenilmagnololo, honokiolo, 4-metossilhonkiolo, randainale, randaiolo, randainolo, siringaresinolo,  ovatale, obovatolo, 9-metossiobovatolo, eritrohonokitriolo, treohonokitriolo, blumenolo A, blumenolo B, magnatrioli, magnolignani, derivati neolignanici bifenili;

alcaloidi: magnofficina, anonaina, acetilanonaina, asimilobina, anolobina, anaxagoreina, reticulina, liriodenina, 7-ossodeidroasimilobina, magnoflorina, magnocuranina, deiidromagnocuranina, tembetarina, oblongina, xanthoplanina, puterina, liniridina, roemerina, lisicamina, isosalsolina, metilisosalsolina;

acidi fenolici: acido siringico, acido vanillico;

sesquiterpeni: costunolide;

calconi: terannano;

glicosidi: acteoside, isoacteoside, crassifolioside, L-ramnopiranoside, L-ramnoside, D-glucopiranoside, isosiringoside, magnolosidi;

steroidi: β-sitosterone, β-sitosterolo, stigmasterolo;

olio essenziale: siringaldeide, obovaaldeide, p-idrossibenzaldeide, magnaldeidi, 4-metossimagndialdeidi, α-pinene, β-pinene, p-cimene, eucaliptolo, α-limonene, carene, linalololo, β-bisabolene, α-terpinenolo, α-terpineolo, bornil acetato, linalil acetato, cariofillene, α-umulene, α-copene, aromadenderne, α-cedrene, elemolo, globulolo, α-santalolo, guaiolo, β-gauiene, β-eudesmolo, cardinolo, guaizulene

La percentuale di magnololo nella corteccia secca va dal 2 all’11%, l’honokiolo dall’1 al 5% [63].

1)Shouzhong, Yang. “The Divine Farmer’s Materia Medica, 1998 Blue Poppy Press.” Boulder, CO.

2)Hsu, Hong-Yen, Chau-Shin Hsu, and Qing-Fu Hu. Commonly used Chinese herb formulas with illustrations. Oriental Healing Arts Institute, 2006.

3)Xiao, Ma, et al. “Study on the sedative and expectorant effects of radix Polygalae decoction processed by Magnolia officinalis juice [J].” Pharmacology and Clinics of Chinese Materia Medica 1 (2013).

4)De Franciscis, Pasquale, et al. “Adding Agnus Castus and magnolia to soy isoflavones relieves sleep disturbances besides postmenopausal vasomotor symptoms-long term safety and effectiveness.” Nutrients 9.2 (2017): 129.

5)Watanabe, Kazuo, et al. “Pharmacological properties of magnolol and hōnokiol extracted from Magnolia officinalis: central depressant effects.” Planta medica 49.10 (1983): 103-108.

6)Chen, Chang-Rui, et al. “Magnolol, a major bioactive constituent of the bark of Magnolia officinalis, induces sleep via the benzodiazepine site of GABAA receptor in mice.” Neuropharmacology 63.6 (2012): 1191-1199.

7)Coppola, Maurizio, and Raffaella Mondola. “Potential use of Magnolia officinalis bark polyphenols in the treatment of cannabis dependence.” Medical hypotheses 83.6 (2014): 673-676.

8)Rempel, Viktor, et al. “Magnolia extract, magnolol, and metabolites: activation of cannabinoid CB2 receptors and blockade of the related GPR55.” ACS medicinal chemistry letters 4.1 (2013): 41-45.

9)Borgonetti, Vittoria, et al. “A honokiol-enriched Magnolia officinalis Rehder & EH Wilson. bark extract possesses anxiolytic-like activity with neuroprotective effect through the modulation of CB1 receptor.” Journal of Pharmacy and Pharmacology (2021).

10)Schifano, Fabrizio, et al. “Is there a potential of misuse for Magnolia officinalis compounds/metabolites?.” Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental 32.3 (2017): e2595.

11)Huang, D. B., Z. F. Yu, and Lin Fu. “Clinical observation on effect of modified banxia houpu decoction in treating patients with protracted heroin abstinence syndrome.” Zhongguo Zhong xi yi jie he za zhi Zhongguo Zhongxiyi jiehe zazhi= Chinese journal of integrated traditional and Western medicine 24.3 (2004): 216-219.

12)Lee, Hyun-ki, and Un-jung Lee. “Effects of Ethanol Extract from Magnolia Officinalis on Anxiety and Cognitive Function.” The Journal of Internal Korean Medicine 36.4 (2015): 507-517.

13)Borgonetti, Vittoria, et al. “Novel therapeutic approach for the management of mood disorders: In vivo and in vitro effect of a combination of l-theanine, Melissa officinalis L. and Magnolia officinalis rehder & EH Wilson.” Nutrients 12.6 (2020): 1803.

14)Xing, Hang, et al. “Antidepressant-like effect of the water extract of the fixed combination of Gardenia jasminoides, Citrus aurantium and Magnolia officinalis in a rat model of chronic unpredictable mild stress.” Phytomedicine 22.13 (2015): 1178-1185.

15)Talbott, Shawn, Julie Talbott, and Michael Pugh. “Effect of Magnolia/Phellodendron on Cortisol and Mood State in Moderately Stressed Subjects.” (2013): 1076-3.

16)Xu, Qun, et al. “Antidepressant-like effects of the mixture of honokiol and magnolol from the barks of Magnolia officinalis in stressed rodents.” Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry 32.3 (2008): 715-725.

17)Han, Huishan, et al. “Anxiolytic-like effects of 4-O-methylhonokiol isolated from Magnolia officinalis through enhancement of GABAergic transmission and chloride influx.” Journal of medicinal food 14.7-8 (2011): 724-731.

18)김상철. The hair growth promoting effect and action mechanism of 4-O-methylhonokiol from Magnolia officinalis. Diss. 제주대학교 대학원, 2010.

19)Yimam, Mesfin, et al. “UP601, a standardized botanical composition composed of Morus alba, Yerba mate and Magnolia officinalis for weight loss.” BMC complementary and alternative medicine 17.1 (2017): 1-12.

20)Garrison, Robert, and Walter G. Chambliss. “Effect of a proprietary Magnolia and Phellodendron extract on weight management: a pilot, double-blind, placebo-controlled clinical trial.” Alternative therapies in health and medicine 12.1 (2006): 50-55.

21)Chen, Yung-Hsiang, et al. “Antioxidative and hepatoprotective effects of magnolol on acetaminophen-induced liver damage in rats.” Archives of pharmacal research 32.2 (2009): 221-228.

22)Yimam, Mesfin, et al. “Appetite suppression and antiobesity effect of a botanical composition composed of Morus alba, Yerba mate, and Magnolia officinalis.” Journal of obesity 2016 (2016).

23)Sun, Jing, et al. “Magnolia officinalis extract contains potent inhibitors against PTP1B and attenuates hyperglycemia in db/db mice.” BioMed research international 2015 (2015).

24)Zhang, Zhiguo, et al. “The magnolia bioactive constituent 4-O-methylhonokiol protects against high-fat diet-induced obesity and systemic insulin resistance in mice.” Oxidative medicine and cellular longevity 2014 (2014).

25)Li, Chuan, et al. “Novel oligomeric neolignans with PTP1B inhibitory activity from the bark of Magnolia officinalis var. biloba.” Bioorganic Chemistry 104 (2020): 104319.

26)Ahn, Seyeon, et al. “Magnoliae officinalis extracts promote adiponectin production during adipogenesis in human adipose tissue-mesenchymal stem cells.”

27)Wu, Lichun, et al. “Evaluation of tyrosinase inhibitory, antioxidant, antimicrobial, and antiaging activities of Magnolia officinalis extracts after Aspergillus niger fermentation.” BioMed research international 2018 (2018).

28)Qinghong, Hao, Chen Guanhua, and Feng Yaqi. “Studies on antiaging effects of honokiol in mice.” Journal of Agricultural University of Hebei (2008).

29)Jianxiong, Lu Jianngming Chen Jing Liang, and Wang Zhaoyue. “Acomparative Study of the Antibiotic and Analgesic Effect of Magnolia officinalis Var biloba Rehco et wils Dry Hide before and after its Diaphoretic Processing [J].” Nei Mongol Journal of Traditional Chinese Medicine 1 (2004).

30)Wang, Jih-Pyang, et al. “Anti-inflammatory and analgesic effects of magnolol.” Naunyn-Schmiedeberg’s archives of pharmacology 346.6 (1992): 707-712.

31)Khalid, Sidra, et al. “Suppression of TRPV1 and P2Y nociceptors by honokiol isolated from Magnolia officinalis in 3rd degree burn mice by inhibiting inflammatory mediators.” Biomedicine & Pharmacotherapy 114 (2019): 108777.

32)Vega-García, Angélica, et al. “Magnolia officinalis Reduces Inflammation and Damage Induced by Recurrent Status Epilepticus in Immature Rats.” Current pharmaceutical design 26.12 (2020): 1388-1401.

33)Hoi, Chu Peng, et al. “Neuroprotective effect of honokiol and magnolol, compounds from Magnolia officinalis, on beta‐amyloid‐induced toxicity in PC12 cells.” Phytotherapy Research 24.10 (2010): 1538-1542.

34)Lee, Jae Woong, et al. “Inhibitory effect of ethanol extract of Magnolia officinalis and 4-O-methylhonokiol on memory impairment and neuronal toxicity induced by beta-amyloid.” Pharmacology Biochemistry and Behavior 95.1 (2010): 31-40.

35)Lin, Yi-Ruu, et al. “Neuroprotective activity of honokiol and magnolol in cerebellar granule cell damage.” European journal of pharmacology 537.1-3 (2006): 64-69.

36)Lee, Young-Jung, et al. “A comparison between extract products of Magnolia officinalis on memory impairment and amyloidogenesis in a transgenic mouse model of alzheimer’s disease.” Biomolecules & therapeutics 20.3 (2012): 332.

37)Lee, Yong Kyung, et al. “Protective effect of the ethanol extract of Magnolia officinalis and 4-O-methylhonokiol on scopolamine-induced memory impairment and the inhibition of acetylcholinesterase activity.” Journal of natural medicines 63.3 (2009): 274-282.

38)Lee, Young-Jung, et al. “Inhibitory effect of 4-O-methylhonokiol on lipopolysaccharide-induced neuroinflammation, amyloidogenesis and memory impairment via inhibition of nuclear factor-kappaB in vitro and in vivo models.” Journal of neuroinflammation 9.1 (2012): 1-19.

39)Xian, Yan-Fang, et al. “Honokiol improves learning and memory impairments induced by scopolamine in mice.” European journal of pharmacology 760 (2015): 88-95.

40)Lee, Se‐Jung, et al. “Inhibitory effects of the aqueous extract of Magnolia officinalis on the responses of human urinary bladder cancer 5637 cells in vitro and mouse urinary bladder tumors induced by N‐Butyl‐N‐(4‐hydroxybutyl) nitrosamine in vivo.” Phytotherapy Research: An International Journal Devoted to Pharmacological and Toxicological Evaluation of Natural Product Derivatives 23.1 (2009): 20-27.

41)Konoshima, Takao, et al. “Studies on inhibitors of skin tumor promotion, IX. Neolignans from Magnolia officinalis.” Journal of natural products 54.3 (1991): 816-822.

42)Xu, Huanli, et al. “Targeting apoptosis pathways in cancer with magnolol and honokiol, bioactive constituents of the bark of Magnolia officinalis.” Drug discoveries & therapeutics 5.5 (2011): 202-210.

43)WANG, Dong-E., and Xian LU. “Research progress on the pharmacological function and the antitumor mechanism of honokiol.” Medical Recapitulate 11 (2009).

44)Hyun, Seungyeon, et al. “Peroxisome proliferator-activated receptor-gamma agonist 4-O-methylhonokiol induces apoptosis by triggering the intrinsic apoptosis pathway and inhibiting the PI3K/Akt survival pathway in SiHa human cervical cancer cells.” Journal of microbiology and biotechnology 25.3 (2015): 334-342.

45)Youn, Ui Joung, et al. “Apoptosis‐inducing and Antitumor Activity of Neolignans Isolated from Magnolia officinalis in HeLa Cancer Cells.” Phytotherapy research 27.9 (2013): 1419-1422.

46)Wang, Yun, et al. “Honokiol protects rat hearts against myocardial ischemia reperfusion injury by reducing oxidative stress and inflammation.” Experimental and Therapeutic Medicine 5.1 (2013): 315-319.

47)Lee, Yen-Mei, et al. “Magnolol reduces myocardial ischemia/reperfusion injury via neutrophil inhibition in rats.” European journal of pharmacology 422.1-3 (2001): 159-167.

48)Teng, Che-Ming, et al. “Two antiplatelet agents from Magnolia officinalis.” Thrombosis research 50.6 (1988): 757-765.

49)Wu, Xiao-ning, et al. “Protective effect of a polyphenolic rich extract from Magnolia officinalis bark on influenza virus-induced pneumonia in mice.” Journal of Ethnopharmacology 134.1 (2011): 191-194.

50)Wu, Xiao-ning, et al. “Protective effect of a polyphenolic rich extract from Magnolia officinalis bark on influenza virus-induced pneumonia in mice.” Journal of Ethnopharmacology 134.1 (2011): 191-194.

51)Chen, Xiaohui, et al. “Magnolol and honokiol from Magnolia officinalis enhanced antiviral immune responses against grass carp reovirus in Ctenopharyngodon idella kidney cells.” Fish & shellfish immunology 63 (2017): 245-254.

52)Deng, Yan Jun, et al. “Study on active compounds from Huoxiang Zhengqi Oral Liquid for prevention of coronavirus disease 2019 (COVID-19) based on network pharmacology and molecular docking.” Chinese Traditional and Herbal Drugs 51.5 (2020).

53)YANG, Hongbing, et al. “Research on In-vitro Antibacterial Test of Different Parts of Magnolia Officinalis.” Journal of Hubei University of Chinese Medicine (2016).

54)Liu, Tao, Yalin Pan, and Renfu Lai. “New mechanism of magnolol and honokiol from Magnolia officinalis against Staphylococcus aureus.” Natural product communications 9.9 (2014): 1934578X1400900922.

55)Park, Junho, et al. “In vitro antibacterial and anti-inflammatory effects of honokiol and magnolol against Propionibacterium sp.” European Journal of Pharmacology 496.1-3 (2004): 189-195.

56)Xu, G. J., et al. “Antibacterial constituents from Magnolia officinalis.” Lat Am J Pharm 37 (2018): 1844-1849.

57)Syu, Wan‐Jr, et al. “Antimicrobial and cytotoxic activities of neolignans from Magnolia officinalis.” Chemistry & biodiversity 1.3 (2004): 530-537.

58)Yan, Yin-Fang, et al. “Bioassay-guided isolation of two antifungal compounds from Magnolia officinalis, and the mechanism of action of honokiol.” Pesticide Biochemistry and Physiology 170 (2020): 104705.

59)Feng, Yang, et al. “Antifungal Activity of Magnolia officinalis Derived Magnolol and Honokiol on Membrane Disruption of Saprolegnia parasitica.” Israeli Journal of Aquaculture-Bamidgeh 70 (2018).

60)Ye, Yong‐Hao, et al. “Construction of an immobilised acetylcholinesterase column and its application in screening insecticidal constituents from Magnolia officinalis.” Pest management science 71.4 (2015): 607-615.

61)Poivre, Mélanie, and Pierre Duez. “Biological activity and toxicity of the Chinese herb Magnolia officinalis Rehder & E. Wilson (Houpo) and its constituents.” Journal of Zhejiang University-SCIENCE B 18.3 (2017): 194-214.

62)XU, Wen-hui, et al. “A comparative toxicity study of the leaves, barks and flowers of Magnolia officinalis.” Journal of Jinggangshan University (Natural Science) (2015): 03.

63)Tsai, Tung-Hu, and Chieh-Fu Chen. “Identification and determination of honokiol and magnolol from Magnolia officinalis by high-performance liquid chromatography with phtodiode-array UV detection.” Journal of Chromatography A 598.1 (1992): 143-146.

L’assuzione di magnolia è controindicata prima di un’operazione chirurgica o durante gravidanza ed allattamento.

Non si conoscono interazioni farmacologiche pericolose.

L’applicazione locale può causare reazioni allergiche della pelle.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Magnolia (Magnolia officinalis)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -