96% Off
Uzara (Xysmalobium Undulatum) polvere

3.90 3.12

In Stock

Radice molto potente, viene usata nella forma grezza in polvere in molti ospedali africani come sostituto analgesico ed anestetico per le popolazioni più deboli (fanciulli, anziani, cardiopatici, etc).

E’ un buon sedativo ed ansiolitico, favorisce il riposo e combatte nausea, diarrea e disturbi gastrici. Ha un aroma molto particolare che lo rende un ottimo ingrediente per i vostri smoke-blend e viene spesso fumata da sola come sostituto della cannabis.

Viene considerata sacra dalle tribù Xhosa insieme alle altre piante rituali “ubulawu” (uvuma-omhlope, albero della febbre e radice del sogno), che consumano per comunicare con l’aldilà. Incrementa gli effetti oneirogeni e combatte l’effetto emetico delle radici del sogno.

Svuota
3.90 3.12
forma In polvere Tintura (artigianale)
quantita 7gr 50gr 100gr 250gr 500gr 50gr di materia prima 100gr di materia prima 250gr di materia prima 500gr di materia prima
Azzera selezione
Confronta

Descrizione prodotto

Gli psiconauti utilizzano la corteccia di radice nelle seguenti modalità e dosaggi indicativi:
-ingerita o incapsulata\ dose lieve 1-2gr \moderata 2-4gr \alta 4-6gr \altissima 6-10gr
-decotta\ 4-5gr \moderata 5-7gr \alta 7-9gr \altissima 9-13gr (sconsigliato per via della scarsissima solubilità)
-tintura\ dose lieve 1-2gr \moderata 2-4gr \alta 4-6gr \altissima 6-10gr

La radice di uzara è un potente sedativo ed ansiolitico, induce: calma, rilassamento muscolare, euforia, miglioramento dell’umore, sedazione, sonnolenza, torpore, rallentamento del flusso del pensiero, abbassamento dei livelli di stress e delle inibizioni.
Non è molto diffusa per via della sua rarità e delle scarse informazioni al riguardo, ma contiene allopregnanolone uno dei più famosi e potenti modulatori del gaba: potenzialmente, usando un dosaggio adeguato, si possono ottenere effetti ansiolitici ed ipnotici più potenti anche del comune diazepam.
Altri composti (uzarina, xysmalorina) sembrerebbero essere psicoattivi ma non sono ancora stati ben studiati.

L’uzara viene usata in fitoterapia come antidiarroico principalmente, ma la sua fama di potente sedativo ed ansiolitico si sta diffondendo sempre di più.
Sembra avere anche un significativo effetto antidepressivo ed essere più efficace dell’iboprofene come antinfiammatorio/analgesico.

Viene spesso combinata a scopo rilassante con erba dei sogni messicana, damiana, cannabis, passiflora, valeriana, erba gatta, tabacco indiano, klip dagga, lavanda, luppolo.
L’effetto si percepisce dopo 25m fino a 3 ore se ingerita a stomaco vuoto in base alla dose.

La radice di uzara è un potente sedativo ed ansiolitico, gli effetti acuti sono: calma, rilassamento muscolare, euforia, miglioramento dell’umore, sedazione, sonnolenza, torpore, rallentamento del flusso del pensiero, abbassamento dei livelli di stress e delle inibizioni.

Contiene alcuni composti (uzarina, xysmalorina) che sembrerebbero essere psicoattivi ma non sono ancora stati ben studiati.

Medicina convenzionale
Le proprietà sedative, antidepressive, ansiolitiche, analgesiche, antinfiammatorie ed antidiarroiche dell’uzara sono supportate dalla ricerca scientifica.

Non viene usata nella medicina convenzionale nella sua forma naturale, ma viene lavorata per produrre farmaci antidiarroici ed antinfiammatori/analgesici.

 

Medicina alternativa
L’uzara viene usata in fitoterapia come antidiarroico ed analgesico principalmente, ma la sua fama di potente sedativo ed ansiolitico si sta diffondendo sempre di più.

Viene usata in Africa dai guaritori locali contro mal di testa, febbre, malaria, tifo, dolore addominale, dissenteria, veleno e come emetico.

Decotto
-(Opzionale) Congelare un giorno prima il materiale leggermente inumidito con dell’acqua distillata per indebolire le pareti cellulari e facilitare l’estrazione.
-Mettere la radice di uzara (opzionale)in polvere in una pentola con un volume quadruplo d’acqua (opzionale)distillata.
-Mantenere appena sotto la temperatura d’ebollizione fino a 3 ore per la saturazione.
-Filtrare e scartare i solidi
-(Opzionale) Ripetere tre volte l’infusione ed il filtraggio, riducendo a metà i tempi d’infusione ed unendone alla fine i liquidi puliti risultanti
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’aiuto di calore per produrre un estratto atto ad essere incapsulato

Tintura
-(Opzionale) Congelare il materiale inumidito con acqua distillata ed una spruzzatina d’etanolo.
-Mettere la radice di uzara (opzionale)in polvere in un barattolo sigillabile e aggiungere etanolo al 50% per un volume di due volte superiore al materiale vegetale.
-Sigillare e mettere a mollo in acqua quasi bollente fino a 2 ore per la saturazione scuotendolo quanto più possibile.
-Filtrare i solidi
-(Opzionale) Può essere concentrata ulteriormente con l’ausilio di debole calore per ottenere un estratto atto ad essere incapsulato.

Descrizione
Ordine: Gentianales
Famiglia: Apocynaceae
Sottofamiglia: Asclepiadoideae
Genere: Xysmalobium
Specie: X. ondulatum
Nativo: Africa
Plant Hardiness Zone: 9-12
L’uzara (Xysmalobium Ondulatum) è una robusta pianta geofitica e annuale lunga fino a 2m d’altezza.
Le foglie a forma di cuore sono ricoperte da una caratteristica peluria e prive di gambi, crescono fino a più di 25cm.
Produce delle infiorescenze composte da numerosi fiori di colore verde-crema da ottobre a dicembre, il frutto è un grosso follicolo ricoperto da peluria.

Coltivazione
L’uzara è una pianta tropicale semplice da coltivare:
-Seppellire superficialmente i semi in un terreno umido ben lavorato, morbido e drenante.
-Mantenere umido il terreno fino alla germinazione (può richiedere anche 1 anno).
-Non necessita di cure particolari, se non di essere protetto dalle piante infestanti.
-Teme il ristagno idrico ed il freddo eccessivo.

Il nome scientifico Xysmalobium deriva dal greco “xysma” e “lobium”, significa frutto ricoperto da peluria riferendosi alle caratteristiche morfologiche della pianta.

L’uzara ha una lunga tradizione medicinale in Africa: gli Zulu la usano come antidoto per il veleno; gli Xhosa come rimedio per coliche, problemi addominali, come tonico ed antinfiammatorio locale; i Mpondo come rimedio per la dissenteria; i Nama contro flatulenza, diarrea e problemi digestivi; i Tswana contro le intossicazioni alimentari.

Viene anche usata come amuleto protettivo contro le tempeste e per addomesticare i cani.

L’uzara è stata utilizzata nel 1911 per produrre un potente farmaco antiemetico “Antidiarrhoicum” e nel 1927 ne fecero un analgesico per il dolore mestruale, “Dysmenural”.
Stranamente anche se l’ingrediente attivo unico di queste due preparazioni era semplice radice in polvere; la radice stessa non è mai stata indicata come antiemetico o analgesico.

La sua azione è anche fortemente ansiolitica e sedativa: contiene allopregnanolone uno dei più famosi e potenti modulatori del GABA.
Non è mai stata confrontata con una benzodiazapina, diversamente da queste ultime però non causa dipendenza ed effetti collaterali pericolosi.

Altri composti (uzarina, xysmalorina) sembrerebbero essere leggermente psicoattivi ma non sono ancora stati ben studiati, né esplorati dagli psiconauti anche per via della difficoltà nel reperire questa radice fuori dall’Africa.

La radice di azura non è stata ben analizzata, sono stati identificati i seguenti composti: allopregnalonone, 1-pirrolina, allopreuzarina, azarina, xysmalorina, allouzarina e alloxysmalorina.

Il principale composto sedativo/ansiolitico è l’allopregnalonone, si crede che uzarina e xysmalorina siano dotate di proprietà psichedeliche.

Effetti antidepressivi:
Pedersen, M. E., et al. “Pharmacological Studies on Xysmalobium undulatum and Mondia whitei–Two South African plants with in vitro SSRI activity.” Planta Medica 72.11 (2006): P_123.
Effetti sedativi ed ansiolitici:
Stafford, Gary I., Anna K. Jäger, and Johannes van Staden. “Activity of traditional South African sedative and potentially CNS-acting plants in the GABA-benzodiazepine receptor assay.” Journal of ethnopharmacology 100.1 (2005): 210-215.
Effetti analgesici ed antinfiammatori:
Abdelmaeboud, K. H., et al. “O466 COMPARATIVE STUDY OF UZARA AND IBUPROFEN IN THE TREATMENT OF EGYPTIAN STUDENTS WITH PRIMARY DYSMENORRHEA: A RANDOMIZED, CROSSOVER STUDY.” International Journal of Gynecology & Obstetrics 119 (2012): S426-S427.
Effetti antidiarroici:
Schulzke, Jörg D., et al. “Anti-diarrheal mechanism of the traditional remedy Uzara via reduction of active chloride secretion.” PloS one 6.3 (2011): e18107.

L’assunzione di uzara è sconsigliata in chi soffre di disturbi cardiaci, bassi livelli di potassio o durante gravidanza ed allattamento.

L’interazione con farmaci a base di digossina, antibiotici, lassativi o diuretici è pericolosa.

L’overdose non è pericolosa.

Non ci sono casi di dipendenza, danni permanenti o morte in letteratura scientifica relativi al consumo di questa pianta.

 

Tutte le informazioni relative ai nostri prodotti vengono fornite a titolo informativo sulla cultura psiconautica e storico sulla cultura tribale: non vogliono incoraggiare atteggiamenti pericolosi e/o di illegalità.

I termini usati nelle categorie ed i tag non vogliono suggerire l’uso medicinale e ricreazionale dei prodotti, solo organizzarli in base al loro uso storico, scientifico e sociale.

Le ricette sono fornite a titolo scientifico: non vogliono incoraggiare i clienti a ripeterle, né tantomeno a consumarne i prodotti.

I nostri contenuti non sono stati valutati dalla FDA o da una qualunque figura medica professionale: le possibili applicazioni, indicazioni posologiche ed avvertenze sono descritte solo a scopo educativo, sono speculazioni personali e non costituiscono parere medico.

I prodotti vengono venduti come incensi, materiale botanico da collezione e materiale scientifico da ricerca. Non sono destinati al consumo umano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Uzara (Xysmalobium Undulatum)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Siamo in pausa fino al 2 marzo. In arrivo diverse nuove rarità dal mondo...

Dovete avere 18 anni per visitare questo sito.

Verificate la vostra età

- -